Nouvelle Revue Française

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Nouvelle Revue Française
Stato Francia Francia
Lingua Francese
Periodicità mensile (1909-1998); poi trimestrale (1999-)
Genere critica letteraria
Fondatore André Gide
Fondazione 1908
Editore Gallimard
Direttore Antoine Gallimard
Sito web http://www.centenaire-nrf.fr/nrf/index.nrf
 
Frontespizio in occasione del centenario.

La Nouvelle Revue française (sovente ricordata con l'acronimo NRF, che è anche dal 1911 il nome di una collana editoriale presso Gallimard) è una rivista letteraria francese fondata nel 1908.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'iniziativa della sua fondazione, col patrocinio di André Gide appartiene anche a Charles-Louis Philippe, Henri Ghéon, Eugène Montfort, Jacques Copeau, André Ruyters e Jean Schlumberger. Il primo vero numero (dopo un numero che recava in data novembre 1908 e fu contestato dalla redazione stessa, uscì nel febbraio 1909). Nel 1911 Gaston Gallimard divenne l'editore della rivista, che diventò da allora il fiore all'occhiello della casa editrice Gallimard.

All'inizio, essa prese le distanze dalle creazioni letterarie degli scrittori affermati dell'epoca (Paul Bourget e Anatole France, ad esempio). Nell'agosto 1914 di decise di sospendere la pubblicazione a causa della guerra in atto. Progressivamente, ma abbastanza rapidamente, essa era divenuta per autonomia artistica e per qualità formale la rivista letteraria di riferimento, tanto che occupò un ruolo guida nei dibattiti della società francese tra le due guerre, pubblicando per esempio i primi testi di André Malraux e di Jean-Paul Sartre.

Proibita dopo la Liberazione per collaborazionismo, essa riapparve a partire dal 1953. Se si esclude il periodo di occupazione nazista di Parigi, quando una buona parte della redazione si è rifugiata fuori città, il numero anni più lungo è quello con la direzione continua di Jean Paulhan che in qualche modo, pur schivo di carattere, è il personaggio che ha animato il dibattito letterario francese del secolo XX.

Se oggi ha perso parte della sua influenza, essa resta un'istituzione, la quale ha fatto da modello invalicabile per tutte le riviste letterarie create successivamente.

Il n. 588 del febbraio 2009 ha celebrato i cento anni (Le siècle de la NRF).

Per lungo tempo mensile, La Nouvelle Revue française è divenuta dal 1999 trimestrale.

Direttori[modifica | modifica sorgente]

Più che direttori responsabili (non sempre coincidenti con i nomi a seguire), bisognerebbe parlare di capo-redattori:

Sedi[modifica | modifica sorgente]

La sede della rivista è rimasta sempre a Parigi:

  • 26, rue Henri-Monnier (1908)
  • 78, rue d’Assas (casa di Jean Schlumberger) (febbraio 1909-gennaio 1912)
  • 31, rue Bonaparte (febbraio-marzo 1912)
  • 1, rue Saint-Benoît (aprile-ottobre 1912)
  • 15, rue Froidevaux (casa di Jacques Rivière) (febbraio-ottobre 1912)
  • 35-37, rue Madame (novembre 1912-dicembre 1921)
  • 3, rue de Grenelle (gennaio 1922-giugno 1930)
  • 43, rue de Beaune; poi diventata 5, rue Sébastien-Bottin (da luglio 1930)

Selezione di autori[modifica | modifica sorgente]

Segue una lista di collaboratori non esaustiva:

Alain, Guillaume Apollinaire, Louis Aragon, Antonin Artaud, Muriel Barbery, Julien Benda, Maurice Blanchot, Gabriel Bounoure, André Breton, Michel Butor, Francis Carco, Jean Clair, Paul Claudel, Laurence Cossé, Eugène Dabit, Maurice Georges Dantec, Michel Déon, Robert Desnos, Pierre Drieu La Rochelle, Charles Du Bos, Claude Esteban, Léon-Paul Fargue, Alain-Fournier, André Gide, Jean Giono, Jean Giraudoux, Jean Grosjean, Eugène Guillevic, Jim Harrisson, Daniel Kay, Thibault Lang-Willar, Valéry Larbaud, Jean-Marie Le Clézio, Federico García Lorca, André Lhote, André Malraux, Roger Martin du Gard, Henri Michaux, Kenzaburō Ōe, Jean Paulhan, Saint-John Perse, Pierre Mac Orlan, André Pieyre de Mandiargues, Armand Petitjean, Francis Ponge, Marcel Proust, Jacques Rivière, Alain Robbe-Grillet, Romain Rolland, Jules Romains, Antoine de Saint-Exupéry, Jean-Paul Sartre, André Suarès, Antonio Tabucchi, Albert Thibaudet, Violet Trefusis, André Spire, André Suarès, Jules Supervielle, Paul Valéry ecc.

Il libro di Claude Martin, citato in bibliografia, che copre gli anni dalla fondazione al 1943, conta 1 100 autori e collaboratori per 352 numeri.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Alban Cerisier, Une histoire de la NRF, Gallimard, Paris 2009
  • (FR) Claude Martin, Tables et index de La NRF. 1908-1943, Gallimard, Paris 2009
  • (FR) Robert Kopp (a cura di), La Place de La NRF dans la vie littéraire du XXe siècle. 1908-1943, Gallimard, Paris 2009
  • (FR) L’Œil de La NRF. Cent livres pour un siècle, coll. Folio n. 4851, Paris 2009

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura