Francis Ponge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francis Ponge (Montpellier, 27 marzo 1899Le Bar-sur-Loup, 6 agosto 1988) è stato un poeta francese.

Di antica famiglia protestante, cominciò a scrivere intorno al 1919 e a pubblicare nel 1926. Le sue brevi composizioni in prosa o in versi si riferiscono spesso a oggetti o fenomeni naturali, e sono caratterizzate da un'estrema ricerca di nitidezza: Le parti pris des choses (1942; Il partito preso delle cose) è la sua raccolta più nota.

Nel 1961 uscirono i tre volumi di Grand recueil (Grande raccolta), che comprendono gran parte della sua opera.

Opera[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Parti pris des choses, 1942 (Il partito preso delle cose, trad. di Jacqueline Risset, Torino 1979)
  • Proêmes, 1948
  • La Rage de l'expression, 1952
  • Le Grand Recueil: I. "Méthodes", 1961 ; II. "Lyres", 1961 ; III "Pièces", 1962 (Vita del testo, trad. di Piero Bigongiari et al., Milano 1971)
  • Pour un Malherbe, 1965
  • Le Savon, 1967
  • Entretiens avec Philippe Sollers, 1970
  • La Fabrique du Pré, 1971
  • Comment une figue de parole et pourquoi, 1977
  • Pratiques d'écriture
  • Pages d'atelier, 1917-1982, 2005
  • Le soleil plance en abîme (Il sole in abisso, trad. di Daniele Gorret, Brescia, L'Obliquo, 2003)
  • Texte sur l'électricité (Testo sull'elettricità, trad. di Daniele Gorret, Brescia, L'Obliquo, 1997)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14775322 LCCN: n79110241