Nodosauridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nodosauridae
Edmontonia restoration.jpg
Ricostruzione di Edmontonia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Sottordine Thyreophora
Infraordine Ankylosauria
Famiglia Nodosauridae

I nodosauridi (Nodosauridae) sono una famiglia di dinosauri erbivori quadrupedi corazzati, vissuti tra il Giurassico e il Cretaceo.

Spine lungo i fianchi[modifica | modifica wikitesto]

Questi animali appartengono al gruppo degli anchilosauri, grossi erbivori dotati di una robusta corazza ossea. Solitamente, tra i nodosauridi sono classificati tutti quegli anchilosauri sprovvisti di mazza caudale, ma recentemente è stata definita un'altra famiglia, quella dei polacantidi, anch'essa priva di questa caratteristica struttura. Oltre alla corazza dorsale tipica dell'intero gruppo, la caratteristica principale dei nodosauri riguardava i fianchi, dai quali sporgevano lunghe spine a mo' di difesa. In particolare gli ultimi esemplari noti (Panoplosaurus ed Edmontonia) sono dotati di vere e proprie "lance" dirette in avanti, quasi come fossero dei cavalieri medievali.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Le forme più antiche di questa famiglia sono state trovate in terreni del Giurassico medio (Sarcolestes), ma i resti sono frammentari. Nel Giurassico superiore i resti si fanno più completi (Dracopelta), ma è solo nel Cretaceo inferiore che i nodosauridi sembrano prendere piede, soppiantando altri dinosauri corazzati, gli stegosauri, che fino a quel momento avevano prosperato nei continenti settentrionali. L'età dell'oro dei nodosauridi, in effetti, sembrerebbe essere stata il Cretaceo inferiore, mentre verso la fine del periodo questi dinosauri subirono la concorrenza degli anchilosauridi, pur non venendone completamente sostituiti.

Forme nane insulari[modifica | modifica wikitesto]

In Europa, nel Cretaceo superiore, si svilupparono alcuni nodosauri primitivi dalle dimensioni ridotte (Struthiosaurus e Hungarosaurus i più noti), della lunghezza compresa tra i due e i quattro metri. Con tutta probabilità, l'Europa era costituita da una serie di isole e i nodosauridi nani potrebbero aver fatto parte di una fauna insulare. Per sopravvivere alla scarsità di cibo, questi dinosauri ridussero le dimensioni, come fecero anche alcuni sauropodi (Magyarosaurus) e iguanodonti (Rhabdodon).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nodosauridae 
  |--+-- Panoplosaurus mirus 
  |  `--+-- Stegopelta landerensis 
  |     `--+-- Niobrarasaurus coleii  
  |        `--+-- Texasetes pleurohalio 
  |           `--+-- Animantarx ramaljonesi 
  |              `--o Edmontonia
  |                 |-- E. longiceps 
  |                 `-- E. rugosidens 
  `--+-- Anoplosaurus curtonotus 
     `--+--+-- Nodosaurus textilis 
        |  `--o Struthiosaurus
        |     |-- S. austriacus 
        |     |-- S. transylvanicus 
        |     `-- S. languedocensis 
        `--+-- Sauropelta edwardsorum 
           `--+-- Pawpawsaurus campbelli 
              `-- Silvisaurus condrayi 
Nodosauridae incertae sedis:
   Priconodon crassus 
   Liaoningosaurus paradoxus 
   Hungarosaurus tormai
   Dracopelta zbyszewskii 
   Hierosaurus sternbergi 
   Peloroplites cedrimontanus
   Sarcolestes leedsi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]