Antarctopelta oliveroi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Antarctopelta oliveroi
Antarcopelta.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Sottordine Thyreophora
Infraordine Ankylosauria
Famiglia inc. sed.
Genere Antarctopelta
Specie A. oliveroi
Nomenclatura binomiale
Antarctopelta oliveroi
Salgado & Gasparini, 2006

L'antarctopelta (Antarctopelta oliveroi Salgado & Gasparini, 2006) è un dinosauro erbivoro vissuto nel Cretaceo superiore (Campaniano, circa 78 milioni di anni fa) in quello che è oggi l'Antartide.

Il primo dinosauro scoperto in Antartide[modifica | modifica wikitesto]

I resti di questo dinosauro sono stati i primi ad essere rinvenuti nel continente antartico, nel 1986: una mandibola fossile rinvenuta sull'isola di Ross fu subito riconosciuta appartenere a un anchilosauro di specie sconosciuta. Fu solo negli anni '90, dopo la descrizione del teropode Cryolophosaurus, che il resto dello scheletro poté essere recuperato e studiato. Il recupero fu molto difficoltoso proprio per il tipo di terreno circostante, completamente ghiacciato. La descrizione ufficiale dell'animale avvenne solo nel 2006, ad opera di Salgado e Gasparini: Antarctopelta, quindi, divenne il secondo dinosauro descritto in Antartide, dopo Cryolophosaurus.

Un anchilosauro particolare[modifica | modifica wikitesto]

Tutto quello che si conosce di questo dinosauro corazzato sono una parte di mandibola, denti, armatura cranica, un buon numero di vertebre, una parte di scapola, un ilio, un femore, alcune ossa del metatarso e vari pezzi di armatura. Questi resti indicano chiaramente che questo animale era un appartenente agli anchilosauri, ma le caratteristiche sembrano "miste" tra le due famiglie del gruppo: Antarctopelta, in effetti, non sembra appartenere né ai nodosauridi né agli anchilosauridi (né, tantomeno, al gruppo poco noto dei polacantidi). Forse era imparentato con Minmi, l'unico altro anchilosauro australe conosciuto, e insieme questi due generi formavano un gruppo endemico di anchilosauri diffusi nel Gondwana. Antarcopelta doveva essere un erbivoro corazzato lungo circa 4 metri, dall'andatura pesante.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (PT) Gasparini,Z., Olivero,E.B., Scasso,R. & Rinaldi,C.A. 1987. Un ankylosauno (Reptilia, Ornithischia) campaniano en el continente antartico. Anais do X Congreso Brasileiro de Paleontologia, Rio de Janerio, 1, 131-144.
  • (EN) Olivero, E., Gasparini, Z., Rinaldi, C., & Scasso, R. 1991. The first record of dinosaurs in Antarctica (Upper Cretaceous, James Ross Island): paleogeographical implications. In: Thomson, M.R.A., Crame, J.A., & Thomson, J.W. (Eds.). Geological Evolution of Antarctica. Cambridge: Cambridge University Press. Pp. 617-622.
  • (EN) Gasparini, Z., Pereda-Suberbiola, X. & Molnar, R.E. 1996. New data on the ankylosaurian dinosaur from the Late Cretaceous of the Antarctic Peninsula. Memoirs of the Queensland Museum 39: 583-594. Abstract dell'articolo
  • (PT) Salgado, L. & Gasparini, Z. . Revisión del primer dinosaurio antártico (Ornithischia, Ankylosauria): implicancia paleobiogeográfica [1]
  • (EN) Salgado, L. & Gasparini, Z. 2006. Reappraisal of an ankylosaurian dinosaur from the Upper Cretaceous of James Ross Island (Antarctica). Geodiversitas 28(1): 119-135. [2]
dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri