Myotis volans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis volans
Myotis volans.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.volans
Nomenclatura binomiale
Myotis volans
H. Allen, 1866
Areale

██ M.v.volans

██ M.v.interior

██ M.v.amotus

██ M.v.longicrus

Myotis volans (H. Allen, 1866) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nell'America Settentrionale. [1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 83 e 106 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 37 e 41,2 mm, la lunghezza della coda tra 32 e 49 mm, la lunghezza del piede tra 5 e 9 mm, la lunghezza delle orecchie tra 10 e 15 mm, un'apertura alare fino a 28,6 cm e un peso fino a 10 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è lunga e densa. Le parti dorsali sono bruno-rossastre, più chiare sulla testa ed il collo, mentre le parti ventrali sono biancastre, con dei riflessi giallastri. Le orecchie sono relativamente corte, strette ed arrotondate. Il trago è corto, diritto e con un piccolo lobo rotondo alla base. Le membrane alari sono bruno-nerastre e attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi, i quali sono piccoli. Gli arti inferiori sono relativamente allungati. L'estremità della lunga coda si estende leggermente oltre l'ampio uropatagio. Il calcar ha una carenatura ben sviluppata. Il cranio ha un rostro corto e una fronte relativamente alta. Il cariotipo è 2n=44 FNa=50.

Ecolocazione[modifica | modifica sorgente]

Emette ultrasuoni a basso ciclo di lavoro attraverso impulsi di breve o media durata a frequenza modulata iniziale di 89 kHz, finale di 40 kHz e massima energia a 46 kHz.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia in edifici abbandonati, crepacci e fessure nelle rocce, sotto cortecce staccate di alberi. In inverno si rifugia in grotte e tunnel minerari dove entra in ibernazione. L'attività predatoria inizia 3-4 ore dopo il tramonto. Tollera le basse temperature esterne, essendo molto attivo tra i 12 e 18 °C.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre principalmente di falene e in misura minore di ditteri, isotteri, neurotteri, imenotteri, emitteri, omotteri e piccoli coleotteri catturati in volo sia sopra che all'interno della volta forestale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nella parte occidentale dell'America Settentrionale dall'Alaska meridionale a nord fino alla penisola della Bassa California e Città del Messico a sud e il Texas centrale ad est.

Vive nelle foreste di conifere, foreste ripariali e anche in ambienti desertici fino a 3.770 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 4 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La Lista rossa IUCN, considerato il vasto areale e la presenza in diverse aree protette, classifica M.volans come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Arroyo-Cabrales, J. & Ticul Alvarez Castaneda, S. 2008, Myotis volans in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis volans in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Kays & Wilson, 2009, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Richard M.Warner & Nicholas J.Czaplewski, Myotis volans in Mammalian Species, n. 224, 1984.
  • Roland W.Kays & Don E.Wilson, Mammals of North America: (Second Edition), Princeton University Press, 2009. ISBN 9780691140926

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi