Maluku Settentrionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maluku Settentrionale
provincia
(ID) Maluku Utara
Maluku Settentrionale – Stemma
Localizzazione
Stato Indonesia Indonesia
Amministrazione
Capoluogo Sofifi
Governatore KH. Abdul Ghani Kasuba, Lc dal 2014
Lingue ufficiali indonesiano
Territorio
Coordinate
del capoluogo
0°43′28″N 127°34′50″E / 0.724444°N 127.580556°E0.724444; 127.580556 (Maluku Settentrionale)Coordinate: 0°43′28″N 127°34′50″E / 0.724444°N 127.580556°E0.724444; 127.580556 (Maluku Settentrionale)
Superficie 31 982 km²
Abitanti 1 035 478[1] (2010)
Densità 32,38 ab./km²
Reggenze 9
Distretti 109
Villaggi 1041
Altre informazioni
Fuso orario UTC+9
ISO 3166-2 ID-MU
Motto (ternate) Marimoi Ngone Futuru
Cartografia

Maluku Settentrionale – Localizzazione

Sito istituzionale

Maluku Settentrionale (Indonesiano: Maluku Utara) è una provincia dell'Indonesia che si estende sulla parte settentrionale delle Molucche (Maluku), divise tra questa provincia e la provincia di Maluku. La capitale è Sofifi, sull'isola di Halmahera mentre il centro più grande della provincia, è Ternate, capitale fino al 2010.

Nel XVI e XVII secolo, le isole di Maluku Settentrionale erano note come isole delle spezie. A quel tempo, la regione era l'unica fonte di chiodi di garofano. Gli olandesi, i portoghesi, gli spagnoli e i regni locali di Ternate e Tidore combattevano fra loro per il controllo del lucroso commercio di questa spezia. Col tempo gli alberi dei chiodi di garofano sono stati trasportati e trapiantati in tutto il mondo e la domanda di chiodi di garofano verso le isole originali è cessata, riducendo di molto l'importanza internazionale di Maluku Settentrionale.

La provincia si estende su un'area totale di 140.255,32 km² di cui 33.278 km² emersi. La popolazione è di 1.035.478 abitanti, facendo di Maluku Settentrionale una delle province meno popolose dell'Indonesia.

Divisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La provincia è divisa amministrativamente in sei reggenze (kabupaten) e due municipalità (kota):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2010. URL consultato il 15-04-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]