Lingua isan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isan (ภาษาอีสาน phaasaa iisaan
ภาษาลาว phaasaa laao)
Parlato in Thailandia
Regioni Isan
Thailandia Centrale
Thailandia del Sud
Persone circa 20 milioni (stima 2004)
Tipo SVO
Filogenesi Lingue tai-kadai
 Kam-tai
  Be-tai
   Tai-sek
    Tai
     Tai sudoccidentale
      Lao-phutai
       Isan
Statuto ufficiale
Nazioni Thailandia Thailandia
Codici di classificazione
ISO 639-3 tts  (EN)

La lingua isan (in thai: ภาษาอีสาน, trasl. RTGS: phasa isan; [pʰaːsǎː ʔiːsǎːn]) è l'insieme dei dialetti derivati dalla lingua lao parlati in Thailandia. Secondo una stima del 2004, era parlata da 20 milioni di persone, circa un terzo della popolazione thai.[1] Viene parlata soprattutto nell'Isan, la Thailandia del Nordest, ma molti dei suoi abitanti si sono trasferiti per lavoro a Bangkok ed in altre regioni thai, soprattutto nelle strutture turistiche del sud, e la si può sentire ovunque nel paese.

In Isan è la lingua madre di circa l'88% della popolazione, ed è la seconda lingua di quasi tutti gli altri abitanti della regione. A seguito del processo di assimilazione culturale chiamato thaificazione, tuttora in corso, con cui il governo thailandese ha sradicato buona parte della cultura lao in Isan, la lingua soffre della mancanza di una propria scrittura e dell'insegnamento scolastico,[2] nonché dell'infiltrazione della lingua thai, dalla quale sono stati mutuati diversi neologismi.[3]

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi lingue Tai-Kadai.

La lingua Isan appartiene al ramo tai della famiglia linguistica tai kadai. Viene considerata un dialetto thai, o un dialetto lao o anche una lingua autonoma. Di solito chi la parla come madre lingua la chiama isan o lao, quest'ultimo viene però considerato un peggiorativo dai madre lingua thai. È molto simile alla lingua lao, ma la capiscono anche i thai.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le lingue del ceppo tai sono state introdotte da migrazioni avvenute tra i 1000 ed i 3000 anni fa dalla Cina meridionale e si sono estese in una larga fascia di territori che vanno dall'Assam, nell'India nordorientale, all'isola di Hainan, in Cina meridionale. Furono probabilmente dovute alle espansioni dell'etnia cinese han e dell'etnia bai di Nanzhao ed all'invasione mongola della Cina nel XIII secolo. Vi era anche l'esigenza di trovare terreni adatti alla coltivazione del riso, più fertili di quelli cinesi.[5]

Dopo aver sottomesso nel sudest asiatico le pre-esistenti popolazioni austroasiatiche, le stirpi tai hanno fondato i propri regni. I lao si stanziarono nella valle del medio Mekong, ed i siamesi (antico nome dei thai) nella valle del Chao Phraya. Il regno laotiano di Lan Xang (1354-1707) comprendeva l'odierno Laos e l'Isan, ma a seguito di conflitti interni si frazionò in tre regni minori, che furono preda della colonizzazione siamese alla fine del XVIII secolo. In tale occasione i siamesi si annetterono l'Isan, mentre gli altri territori vennero lasciati formalmente ai tre regni laotiani, che divennero Stati vassalli. Fu nella prima metà del XIX secolo che i siamesi deportarono centinaia di migliaia di laotiani nell'odierno Isan, che a quei tempi era pressoché disabitato.

Con la colonizzazione del Laos ad opera dei francesi nel 1893, i siamesi furono in grado di mantenere tra i propri territori l'Isan, che era stata la prima regione che avevano annesso.[6] A partire dall'inizio del XX secolo, la storia del Laos e del Siam rimasero separate.

I siamesi utilizzarono l'Isan come Stato cuscinetto contro i vietnamiti nel XIX secolo e contro i francesi nel XX. La regione ed i suoi abitanti furono lasciati in uno stato di semi-abbandono per lungo tempo. In seguito cominciarono gli sforzi governativi per sradicare la cultura lao ed introdurre quella siamese. Nel quadro del processo di thaificazione, fu vietato l'uso dell'alfabeto lao in favore del thai, reso obbligatorio l'uso della lingua thai nelle scuole, nelle amministrazioni ecc., e fu anche cambiato il nome della regione. Con l'obbligatorio uso del thai, lentamente la lingua isan si è scostata da quella laotiana, rimanendo comunque molto simile.[7]

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Mappa dell'Isan

Oltre che nella Thailandia del Nordest, la lingua isan si è radicata in alcune comunità nelle province di Uttaradit e Phitsanulok ed in alcune zone della Thailandia dell'Est.[8][9]

In alcuni villaggi dell'Isan la lingua lao è sopravvissuta nella sua integrità, quindi gli abitanti si differenziano da quelli isan, molti dei quali si sono invece trasferiti principalmente a Bangkok, ma anche in altre regioni della Thailandia e all'estero, dove la maggior parte delle comunità thai sono formate da membri dell'etnia isan.[10]

Dialetti laotiani[modifica | modifica sorgente]

L'adozione del thai come lingua ufficiale, ha reso alcune parole, frasi e formalità linguistiche laotiane obsolete anche per chi parla l'isan,[11] oltre che per i thai. I diversi dialetti isan riflettono i dialetti originali laotiani parlati da quei popoli lao prima di essere deportati in Isan nel XIX secolo. Di seguito la distribuzione di tali dialetti:

Dialetti lao
Dialetto Province del Laos Province thailandesi
Lao di Vientiane (ภาษาลาวเวียงจันทน์) Vientiane, Prefettura di Vientiane, Bolikhamsai Nong Bua Lamphu, Chaiyaphum e parti di Nong Khai, Yasothon, Khon Kaen, e Udon Thani.
Lao settentrionale (ภาษาลาวเหนือ) Luang Prabang, Xaignabouli, Oudomxay. Loei e parti di Udon Thani e Khon Kaen.*1
Lao nordorientale/tai phuan (ภาษาลาวตะวันออกเฉียงเหนือ/ภาษาไทพวน) Xiangkhoang e Houaphan. Parti di Sakon Nakhon e Udon Thani.*2
Lao centrale (ภาษาลาวกลาง) Savannakhet e Khammouan. Mukdahan e parti di Sakon Nakhon e Nong Khai.
Lao meridionale (ภาษาลาวใต้) Champasak, Salavan, Sekong e Attapeu. Ubon Ratchathani, Amnat Charoen e parti di Yasothon, Buriram, Si Sa Ket, Surin e Nakhon Ratchasima*3
Lao occidentale (ภาษาลาวตะวันตก) *4 Kalasin, Maha Sarakham, and Roi Et.

Alfabeto[modifica | modifica sorgente]

L'Isan si scrive oggi usando l'alfabeto thai, sebbene sia inadeguato per esprimere i fonemi ed i toni dell'isan e del lao. In precedenza l'isan veniva espresso con l'alfabeto tai noy, che venne bandito insieme alla lingua nelle scuole dal governo thai nel 1871. Rimangono oggi alcuni manoscritti in tai noy in alcune biblioteche dei templi ed in alcune incisioni murali antiche dei templi.[13]

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

La lingua isan ha alcuni suoni simili alla lingua lao ed altri simili al thai. Non ha la /r/ e la /tɕʰ/ del thai, e comprende la /v/ e la /ɲ/ del lao. La pronuncia thai ha comunque molto influito su quella odierna dell'isan.[14][15]

Semplificazione dei gruppi di consonanti[modifica | modifica sorgente]

L'isan viene scritto con l'alfabeto thai, ma alcuni lettere nei gruppi di consonanti non vengono pronunciate, come nei seguenti casi:

  • เพลง canzone (in thai phleng, pʰleːŋ) e ครอบครัว famiglia (in thai: khrop khrua, kʰrɔ̂ːp kʰrua) in isan sono pronunciate pheng, pʰeːŋ e khop khua, kʰɔ̂ːp kʰúaː.

Sostituzione delle /r/ con /l/ o /h/[modifica | modifica sorgente]

In Isan si pronunciano le parole thai che contengono la lettera (l'italiana /r/) usando la (corrispondente all'italiana /l/ ed alle lao o ) o la (l' /h/ aspirata inglese e la lao: ).

  • รถ automobile (in thai: rot, rót) and รำ danza (in thai ram, rám) sono pronunciate in Isan lot, lót e lam, lám.
  • Le parole thai รัก amore (rak, rák) e ร้อน caldo (ron, rɔ´ːn) vengono pronunciate in Isan e Laos hak, hák e hon, hɔ̂ːn.


Sostituzione del fono /tɕʰ/ con /s/[modifica | modifica sorgente]

In Isan si pronunciano le parole thai che contengono i foni /tɕʰ/, /s/, /tɕʰ/, /s/ e /tɕʰ/ usando una semplice /s/. Tali fonemi hanno tutti sfumature diverse dell'italiana /c/ di Cina.

  • ช้าง elefante (in thai chang, tɕʰáːŋ) e ฌาน meditazione (in thai chan, tɕʰaːn) sono pronunciate in Isan ed in Laos sang, sâːŋ e san, sáːn).
  • ฉบับ copia (in thai chabap, tɕʰàʔ bàp) e ฉิ่ง cimbalo (i thai ching, tɕʰìŋ), in Isan ed in Laos diventano sabap, sáʔ báp e sing, sīŋ.

Sostituzione del fono /j/ con /ɲ/ (/gn/)[modifica | modifica sorgente]

Le parole thai contenenti i foni e (simili alla /j/ di jella) vengono in Isan e Laos pronunciate con una /ɲ/ (simile alla /gn/ di gnomo).

  • ผู้หญิง ragazza (in thai phuying, pʰûː jǐŋ) e ยาย nonna materna (in thai yai, jaːj) vengono pronunciate phugning, pʰȕː ɲíŋ e gnai, ɲáːj.

Accorciamento dei dittonghi[modifica | modifica sorgente]

I dittonghi che comprendono la consonante vocalica (come la /w/ dell'inglese water) vengono in Isan spesso accorciati.

  • ควาย bufalo d'acqua (in thai khwai, kʰwaːj) viene in Isan pronunciato khuay, kʰúɛj.

Mantenimento di alcune pronunce lao[modifica | modifica sorgente]

  • แม่โขง Mekóng (in thai mèkhòng, mɛˆː kʰǒːŋ), viene pronunciato in Isan e Laos mèkhóng, mɛ̄ː kʰɔə̌ːŋ).

Toni[modifica | modifica sorgente]

Come il thai ed il lao, anche l'isan è una lingua tonale. La lingua thai prevede l'uso di 5 toni, quella isan spesso ne usa dai 5 ai 7.[16] Mentre i thai hanno i toni ascendente, alto, medio, discendente e basso, in Isan vengono usati anche il basso discendente e l'alto discendente.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hattaway, P. (2004). Peoples of the Buddhist world: a Christian prayer guide. Pasadena, CA: William Carey Library.
  2. ^ (EN) Draper, J.: Isan: the planning context for language maintenance and revitalization. Second Language Learning & Teaching, IV, su usq.edu.au
  3. ^ (EN) Chanthao, R. (2002). Code-mixing between Central Thai and Northeastern Thai of the students in Khon Kaen province. Bangkok: Mahidol University.
  4. ^ (EN) Keyes, Charles F. (1966). 'Ethnic Identity and Loyalty of Villagers in Northeastern Thailand.' Asian Survey.
  5. ^ (EN) Wyatt, David. (2003). Thailand: A Short History. New Haven, Yale University Press.
  6. ^ Hattaway, P. (2004).
  7. ^ (EN) Keyes, C. (1967). Isan: Regionalism in Northeastern Thailand. New York: Cornell. Thailand Project.
  8. ^ (TH) Ruengdet Pankhuenkhat: ภาษาและวรรณกรรมท้องถิ่นล้านนา : ฉบับสำนวนภาษากำเมือง, Università Mahachulalongkornrajavidyalaya, Bangkok, 2009. ISBN 978-974-11-1078-0
  9. ^ (EN) Lewis, M. Paul: Ethnologue: Languages of the World, XVI edition. Dallas, Texas. SIL International, 2009.
  10. ^ Hattaway, 2004
  11. ^ (EN) Premsrirat, S.: Endangered languages of Thailand. International Journal of the Sociology of Language, 2007, pagg. 75-93.
  12. ^ เรืองเดช ปันเขื่อนขัติย์. (2531)
  13. ^ (EN) Ronnakiat, N.: Evidence of the Thai alphabet found in inscriptions. The Third International Symposium on Language and Linguistics, 1992. pagg. 1326 - 1334.
  14. ^ (EN) Askerud, P.: Childbirth and tradition in northeast thailand. Copenhagen, Denmark: Istituto nordico di studi asiatici. 2007
  15. ^ (EN) Cummings, Joe: Lao Phrasebook: A Language Survival Kit. Lonely Planet. 2002
  16. ^ (EN) Hoshino, Tatsuo e Marcus, Russel: Lao for Beginners: An Introduction to the Spoken and Written Language of Laos. Tuttle Publishing, 1989

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Hayashi, Yukio: Practical Buddhism among the Thai-Lao. Trans Pacific Press, 2003. ISBN 4-87698-454-9.
  • (TH) เรืองเดช ปันเขื่อนขัติย์. ภาษาถิ่นตระกูลไทย. กทม. สถาบันวิจัยภาษาและวัฒนธรรมเพื่อการพัฒนาชนบทมหาวิทยาลัยมหิดล. 2531.
  • (EN) Keyes, Charles F.: Ethnic Identity and Loyalty of Villagers in Northeastern Thailand. Asian Survey, 1966
  • (EN) Gordon, Raymond G. Jr.: Ethnologue: Languages of the World, Dallas, Texas: SIL International, 2005. ISBN 9-74753-488-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]