Kenneth MacMillan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sir Kenneth MacMillan (Dunfermline, 11 dicembre 1929Londra, 29 ottobre 1992) è stato un coreografo e ballerino scozzese. Fu il direttore artistico del Royal Ballet a Londra tra il 1970 e il 1977.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kenneth MacMillan nacque a Dunfermline, in Scozia ma crebbe a Great Yarmouth, dove studiò con Phyllis Adams. In seguito vinse una borsa di studio per la scuola del Sadler's Wells dove studiò per un anno, nel 1946, unendosi al Sadler's Wells Theatre Ballet. Mentre studiava incontrò e ottenne l'appoggio di Ninette de Valois, cose che lo rese sinceramente felice per ilr esto della sua vita. Nel [1948] si trasferì al Sadler's Wells Ballet ma ritornò al Theatre Ballet quattro anni più tardi.

Iniziò a coreografare per la compagnia e due dei suoi primi lavori, Somnambulism (1953) e Laiderette (1954) portarono la de Valois a affidargli la realizzazione di un balletto quando aveva soltanto 25 anni. Danses concertantes fu prodotto nel gennaio del 1955.

Continuò a danzare ma gradualmente vi rinunciò per la sua vera vocazione: la coreografia. Seguì una serie di lavori di successo: Solitaire (1956), The Burrow (1958), Le Baiser de la fée e The Invitation (1960), La sagra delle primavera (1962), La Création du monde (1964), The Song of the Earth (1965) e il suo primo lavoro a serata intera: Romeo e Giulietta (1965). Nell'anno in cui coreografò quest'ultimo lavoro, uno dei più amati dal pubblico e dalla critica, fu nominato coreografo residente al Royal Ballet.

MacMillan fu il direttore del balletto dell'Opera di Berlino negli anni dal 1966 al 1969, e fu nominato direttore del Royal Ballet nel 1970. Continuò a coreografare e produsse una serie di capolavori: Valses nobles et sentimentales (1966), Anastasia (versione di un atto nel 1967, versione in tre atti nel 1971), The Seven Deadly Sins (1973), Manon e Elite Syncopations (1974), Requiem (1976), Mayerling (1978), Isadora (1981), The Prince of the Pagodas (1989) e The Judas Tree (1992). Nel 1977, all'età di soli 48 anni, si ritirò dalla carica di direttore per assumere la posizione di coreografo principale del Royal Ballet, carica che mantenne fino alla sua morte. Nel 1983 fu nominato cavaliere.

MacMillan morì di infarto il 29 ottobre 1992. Era dietro le quinte al Covent Garden, stava assistendo ad una riedizione del suo Mayerling. Nella stessa sera, il Birmingham Royal Ballet danzava il suo Romeo and Juliet a Birmingham.

È ricordato come uno dei grandi coreografi del ventesimo secolo. Egli non aveva paura di confrontarsi con temi controversi come nei balletti The Invitation e The Judas Tree. Spesso si occupava della parte più oscura della natura umana e della sessualità e alcuni dei suoi lavori sono incentrati su personaggi che sarebbero considerati degli outsider nella società moderna. Nello stesso tempo, balletti come Elite Syncopations dimostrano come fosse capace di creare lavori di grande genio e fascino.

Si sposò con Deborah Williams, una pittrice e scultrice con la quale ebbe una figlia, Charlotte, una fotografa, ed entrambe sorvegliano attentamente le produzioni dei suoi lavori.

Coreografie[modifica | modifica wikitesto]

Anche se fu un danzatore di talento, MacMillan è conosciuto più per le sue coreografie che per i suoi ruoli e particolarmente per la collaborazione con il Royal Ballet e la Deutsche Oper, Berlino.

Coreografie a serata intera:

Balletti in un atto

Controllo di autorità VIAF: 3819711 LCCN: n82087298

Danza Portale Danza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Danza