Kawasaki T-4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kawasaki T-4
Un esemplare di T-4 della Kōkū Jieitai (ovvero la Forza Aerea di Autodifesa Giapponese).
Un esemplare di T-4 della Kōkū Jieitai (ovvero la Forza Aerea di Autodifesa Giapponese).
Descrizione
Tipo addestratore intermedio
Equipaggio 2 (allievo/pilota + istruttore)
Costruttore Giappone Kawasaki
Data primo volo 29 luglio 1985
Data entrata in servizio settembre 1988
Data ritiro dal servizio in servizio
Esemplari 212 [1]
Dimensioni e pesi
Lunghezza 13,00 m[2]
Apertura alare 9,90 m[2]
Altezza 4,60 m[2]
Superficie alare 21,00
Peso a vuoto 3.790 kg
Propulsione
Motore 2 turboventole IHI F3-IHI-30
Spinta 16,38 kN (1 670 kg) ciascuna
Prestazioni
Velocità max Mach 0,9[2] (1 040 km/h)
Autonomia 1 660 km
1 300 km (Cruising range) [2]
Tangenza 15 240 m
Armamento
Bombe fino a 900 kg di carico bellico
Piloni 4

Kawasaky Aerospace Division, GlobalSecurity.org

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Kawasaki T-4 è un addestratore intermedio, progettato e costruito dall'azienda aeronautica giapponese Kawasaki Heavy Industries dagli anni ottanta.

È spinto da 2 turboventole Ishikawajima-Harima F3-IHI-30, ed è caratterizzato da un'ala alta e l'abitacolo può ospitare 2 posti in tandem, con il posto dell'istruttore in posizione leggermente rialzata rispetto a quella dell'allievo/pilota.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La Japan Defence Agency designò la Kawasaki, il 4 settembre 1981, come primo contraente per lo studio e lo sviluppo di un nuovo addestratore intermedio, in grado di sostituire gli anziani Lockheed T-33 Shooting Star del 1º Stormo di base a Hamamatsu e i Fuji T-1 del 13º Stormo di base a Ashiya, nei compiti di addestramento intermedio e collegamento tra le varie basi aeree. Inoltre era previsto, analogamente alla produzione mondiale dei pari ruolo dello stesso periodo, che se ne potesse ricavare facilmente una versione da attacco al suolo leggero da utilizzare per la cooperazione con l'esercito.[3]

Il progetto della Kawasaki, denominato Ka-850 costituiva la "base" dell'intero programma del T-4, sebbene la Fuji e la Mitsubishi abbiano avuto ciascuna una quota del 30% nella progettazione e costruzione dell'aereo. La Kawasaki progettò un velivolo a getto, somigliante vagamente al trainer franco-tedesco Dassault-Dornier Alpha Jet sia nell'aspetto che nelle prestazioni; il nuovo aereo nipponico fu designato T-4.

L'architettura del Kawasaki T-4 è caratterizzata da un'ala alta, 2 posti in tandem "a scalare" - il posto dell'istruttore è rialzato leggermente rispetto a quello dell'allievo/pilota, per ottenere una maggiore visibilità - e piani di coda leggermente rialzati. Per quanto riguarda l'apparato motore, fu incaricata l'azienda Ishikawajima-Harima per lo sviluppo e la realizzazione di un nuovo motore, l' F3-IHI-30, una turboventola appositamente creata per il T-4.

Il prototipo (designato XT-4) volò per la prima volta il 29 luglio del 1985 e ad esso seguirono altri 3 prototipi con i quali iniziarono le varie fasi di collaudo sia in volo che a terra; dopo 3 anni dalla data del primo volo tutte le prove di collaudo del nuovo velivolo terminarono e nel settembre del 1988 iniziarono le consegne dei primi esemplari di serie ai reparti scuola e alle squadriglie di collegamento degli stormi operativi.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il T-4 è capace di trasportare un armamento leggero (900 kg), utilizzato nella fase dell'addestramento al tiro. Purtroppo la neutralità del Giappone non consente di esportare il velivolo e l'unico utente del T-4 è la Kōkū Jieitai (conosciuta pure come Japan Air Self-Defense Force, ovvero la Forza Aerea di Autodifesa Giapponese) e il programma iniziale prevede la costruzione di 220 esemplari, dei quali 208 già consegnati e operativi.

Il T-4 è operativo anche con il team Blue Impulse, la pattuglia acrobatica dell'aviazione militare giapponese.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Giappone
opera con 208 T-4 consegnati a partire dal mese di settembre del 1988.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia / Germania Germania
Polonia Polonia

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 4 prototipi + 208 esemplari di serie.
  2. ^ a b c d e (EN) T-4 Intermediate Trainer in Kawasaky Aerospace Division, http://www.khi.co.jp/aero/index_e.html. URL consultato il 3 nov 2009.
  3. ^ T-4 in Уголок неба

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]