Jakov Michajlovič Sverdlov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Yakov Sverdlov

Jakov Michajlovič Sverdlov (rus. Я́ков Миха́йлович Свердло́в; Nižnij Novgorod, 3 giugno 1885Mosca, 16 marzo 1919) è stato un politico sovietico.

Noto durante la Rivoluzione d'ottobre anche con gli pseudonimi di Andrej, Mikhalyč, Maks, Smirnov e Permjakov, fu un leader del partito bolscevico e un capo di Stato della Russia sovietica all’indomani della conquista del potere da parte di Lenin.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Sverdlov nel 1903

Jakov Sverdlov nacque presumibilmente Ešua-Solomon Movševič Sverdlov da famiglia ebrea nel 1885.

Nel 1901 aderì al partito socialdemocratico dei lavoratori di Russia, schierandosi con la fazione dei bolscevichi a sostegno di Lenin e svolgendo un ruolo importante nell'organizzazione del partito bolscevico negli Urali, soprattutto nella città di Ekaterinburg.

Prese parte ai moti rivoluzionari del 1905.

Tra il 1905 e il 1909 ricoprì vari incarichi organizzativi nel partito, prima negli Urali e poi a Mosca. A causa della sua attività politica venne arrestato dalla polizia zarista nel giugno del 1906 e condannato a tre anni di carcere. Nel 1909 fu nuovamente arrestato a Mosca, e deportato in Siberia. Evase nel 1910, ma fu nuovamente arrestato e condannato a quattro anni di detenzione. Nel 1912 riuscì tuttavia nuovamente ad evadere, riparando a San Pietroburgo, ove iniziò a lavorare alla redazione della Pravda.

L’elezione al Comitato Centrale e la Rivoluzione d’Ottobre[modifica | modifica wikitesto]

Sverdlov a fianco di Lenin nel 1918

Nel 1912, il giovane Sverdlov venne nominato membro supplente del Comitato Centrale del partito.

Arrestato nuovamente, venne deportato a Turuchansk in Siberia, ove restò sino al 1917.

Strenuo sostenitore della linea politica di Lenin, nel 1917 fu incaricato dal Comitato centrale della direzione organizzativa del partito, di cui assunse la carica di segretario. Nell’agosto dello stesso anno, il sesto congresso del partito lo elesse al Comitato centrale.

Ebbe un ruolo centrale nell'organizzazione della Rivoluzione d’ottobre.

Gli anni alla direzione del Partito[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria della rivoluzione, Sverdlov fu eletto al Comitato centrale esecutivo dei soviet russi. Poco dopo l’elezione fu nominato presidente del Comitato quale successore di Lev Kamenev.

Sverdlov con Lenin e Avanesov

Fedelissimo alleato di Lenin, che al tempo ricopriva la carica di Presidente del Consiglio dei commissari del popolo ed era quindi capo del governo, si adoperò con forza per convincere i membri del partito ad accettare la controversa decisione di concludere l’accordo di pace di Brest-Litovsk, con il quale la Russia uscì dalla prima guerra mondiale.

Nel marzo del 1918, Sverdlov presiedette la seduta del settimo congresso del partito, in cui si decise di modificare il nome in partito comunista. Fu poi presidente della commissione che elaborò la Costituzione della Repubblica socialista sovietica federata russa, approvata nel luglio del 1918 dal congresso dei soviet.

Nel luglio del 1918, dopo aver appreso che truppe controrivoluzionarie erano in marcia verso Ekaterinburg dove si trovavano detenuti lo zar deposto Nicola II e la sua famiglia, il comitato centrale esecutivo, su proposta di Sverdlov, ordinò al commissario Jurovskij del Soviet degli Urali di fucilarli e di occultarne i corpi. L’ordine venne eseguito nella notte del 17 luglio 1918: su ordine di Sverdlov, venne divulgata la notizia dell'esecuzione del solo ex-zar tacendo riguardo alla famiglia.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 1919, mentre si trovava in viaggio per varie conferenze in preparazione dell’ottavo congresso del partito, Sverlov si ammalò di influenza spagnola (secondo altre fonti di tifo), e morì poco dopo il suo rientro a Mosca, all’età di trentatré anni.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Comitato Esecutivo Centrale di tutti i Congressi dei Soviet Successore Flag of Russian SFSR.svg
Lev Kamenev 21 novembre 1917 - 16 marzo 1919 Michail Vladimirskij
facente funzioni

Controllo di autorità VIAF: 18018005 LCCN: n81117223