Itinerario antonino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Itinerario antonino
Titolo originale Antonini itinerarium
Iter.Britanniarum.jpg
Possibile ricostruzione del tratto britannico dell'Itinerario antonino
Autore ignoto
1ª ed. originale III secolo
Genere itineraria
Lingua originale latino

L'Itinerario antonino (in latino: Antonini itinerarium) è un registro delle stazioni e delle distanze tra le località poste sulle diverse strade dell'Impero romano, con quali direzioni prendere da un insediamento romano all'altro.

La redazione che ci è stata tramandata risalirebbe al periodo di Diocleziano (fine del III secolo-inizi del IV), ma la sua versione originale viene solitamente datata agli inizi dello stesso III secolo (probabilmente sotto l'imperatore Caracalla, da cui avrebbe ripreso il nome), sebbene data e autore non siano stati definitivamente accertati. Si ritiene che possa trattarsi di un lavoro basato su fonti ufficiali, forse un'indagine organizzata da Cesare e proseguita da Ottaviano.

La sezione britannica può essere descritta come la "mappa stradale" della Britannia romana.

L'originale del registro è custodito a Roma presso la Biblioteca di Palazzo Venezia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edizioni di Wesseling, 1735, Parthey and Pindar, 1848. La parte relativa alla Britannia fu pubblicata sotto il titolo Iter Britanniarum, con commento di T. Reynolds, 1799.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]