Il colore della menzogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il colore della menzogna
Il colore della menzogna.png
René e Vivianne Sterne
Titolo originale Au cœur du mensonge
Paese di produzione Francia
Anno 1999
Durata 113 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Claude Chabrol
Soggetto Claude Chabrol e Odile Barski
Sceneggiatura Claude Chabrol e Odile Barski
Distribuzione (Italia) PFA Films
Fotografia Eduardo Serra
Montaggio Monique Fardoulis
Musiche Matthieu Chabrol
Scenografia Françoise Benoît-Fresco
Interpreti e personaggi

Il colore della menzogna è un film di Claude Chabrol del 1999.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In Bretagna, tra Saint-Malo e Cancale, un commissario di polizia indaga sulla morte di una bambina, violentata e strangolata, e sul decesso, avvenuto in circostanze sospette, di uno scrittore, divo dei talk show. Protagonista del film è un pittore zoppo, René, che vive un tormentato rapporto con la moglie infermiera Vivianne.

Il dramma della bambina porterà a intessere una rete di sospetti che coinvolgerà reciprocamente tutti i personaggi; ciascuno sospetta dell'altro, e ciascuno ha qualcosa da nascondere, ma spesso si tratta di colpe indipendenti l'una dall'altra. Alla fine, in un degrado assoluto che ha molte cause - l'ipocrisia, l'ingiustizia sociale, il bigottismo, l'emarginazione - solo l'amore che unisce i due coniugi sembra riuscire a sopravvivere alla tempesta che si è abbattuta sulla costa bretone, come si abbatte quotidianamente in ogni luogo e su ogni persona.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema