Huascarán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Huascarán
NevadoHuascaran.jpg
Versante nord del monte.
Stato Perù Perù
Regione Ancash Ancash
Provincia Provincia di Yungay
Altezza 6.768 m s.l.m.
Catena Cordillera Blanca nelle Ande
Coordinate 9°07′17″S 77°36′32″W / 9.121389°S 77.608889°W-9.121389; -77.608889Coordinate: 9°07′17″S 77°36′32″W / 9.121389°S 77.608889°W-9.121389; -77.608889
Data prima ascensione 20 luglio 1932
Autore/i prima ascensione H. Bernhard, E. Hein, H. Hoerlin e E. Schneider
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Perù
Huascarán

Il Huascarán (6.768 m s.l.m.) (quechua Waskaran) è la più alta montagna del Perù. Si trova nella provincia di Yungay del dipartimento di Ancash.

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Il Huascarán fa parte di un massiccio montuoso (Macizo de Huascarán) che occupa la parte centro-settentrionale della Cordillera Blanca; dello stesso massiccio fa parte anche il Chopicalqui, che è unito ad esso da un'unica massa glaciale. Questo massiccio è separato dagli altri della catena da due profonde valli: la Quebrada Llanganuco a nord e la Quebrada Ulta a sud. La prima è il posto turisticamente più conosciuto di tutto il Parco nazionale del Huascarán: sale dal capoluogo della provincia Yungay, nella valle del Rio Santa (Callejón de Huaylas), e, attraversando la Laguna Chinancocha (3.850 m) e la Laguna Orcocha (3.865 m) raggiunge il passo chiamato Portachuelo de Llaganuco (4.767 m), per poi scendere dall'altra parte verso il paese di Yanama, nel Callejón de Conchucos, attraverso la Quebrada Marococha. La seconda sale da Carhuaz e, passata la località di Shilla si incunea tra il Macizo de Huascarán e il Macizo de Copa fino al Passo Punta Yanayacu (4.850 m), per poi scendere anch'essa verso Yanama.[1]

Huascarán Nord (a sinistra) e Sud (a destra)

Si distinguono due vette del Huascarán: l'insellatura del colle della Garganta (6.010 m) separa la più alta, detta Huascarán Sud (6.768 m), dal Huascarán Nord, che raggiunge i 6.655 m. Sulla cresta sud-est del Huascarán Sud, inoltre, si erge un picco senza nome di 6.410 m al quale qualche alpinista ha voluto recentemente dare la dignità di vetta a sé stante.[2]

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la versione più diffusa il nome proviene dal quechua huasca (catena) e ran (montagna rocciosa); significherebbe quindi "catena di montagne".[3] Un'altra versione lo farebbe derivare dall'imperatore inca (Qhapaq) Huáscar, figlio di Huayna Capac.[4] Il significato del nome della montagna sarebbe quindi la montagna di Huáscar.

Leggenda del Huandoy e del Huascarán[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono diverse altre antichissime leggende sull'origine del nome. E ogni leggenda ha molte varianti. Una delle più diffuse racconta di Wandi, figlia del cacique (capo tribù) che reggeva le alture di Yungay, una fanciulla celebrata per la sua bellezza. Un giorno passò per la valle di Huyalas l'Inca, attorniato dai suoi ufficiali, tra i quali ve n'era uno molto valoroso, chiamato Wáscar, che si innamorò subito della fanciulla. Il cacique, però, montanaro orgoglioso, geloso di ogni soldato imperiale, non approvava la relazione della figlia e le ordinò di non vedere più l'ufficiale. I due fuggirono insieme, ma il padre mandò al loro inseguimento i suoi soldati migliori, che, dopo un'estenuante ricerca, riuscirono a trovare i due amanti. Il cacique ordinò che per castigo i due fossero legati l'uno di fronte all'altro su due altissime cime sferzate dal vento e dal freddo. Wáscar fu imprigionato sul lato sud, appeso ad un picco roccioso; Wandi, invece, dall'altra parte, sul lato nord. Tutti e due soffrirono terribilmente e piansero il loro amaro destino. Col tempo si trasformarono in due montagne innevate, l'una di fronte all'altra: il Huascarán e lo Huandoy. I loro pianti originarono le lagune di Llanganuco e ancora oggi i numerosi torrenti che scendono dalle due montagne stanno a significare che i due amanti non hanno mai smesso di piangere.[5]

Parco nazionale del Huascarán[modifica | modifica wikitesto]

Dalla montagna prende il nome anche il Parco nazionale del Huascarán, istituito il 1º luglio del 1975 e inserito dall'UNESCO nella Lista dei patrimoni dell'umanità nel 1985.[6] Il Parco ricopre un'area di 340.000 ha, estendendosi per una lunghezza di 158 km ed una larghezza di 20, e include al suo interno la quasi totalità della Cordillera Blanca. È stato istituito per salvaguardare la catena montuosa più alta tra quelle presenti nella fascia tropicale del pianeta; al suo interno vivono specie faunicole e floreali in pericolo di estinzione, come la vigogna, l'orso dagli occhiali, il condor delle Ande o la titanca, il queñual e la Buddleja coriacea.[7]

Alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Annie Smith Peck[modifica | modifica wikitesto]

La storia alpinistica del Huascarán, dopo un prologo nel 1903, quando l'esploratore e ingegnere minerario britannico Reginald Enock tentò la scalata fermandosi a 5.100 metri sul versante sud-ovest,[8] inizia realmente nel 1908 con l'alpinista americana Annie Smith Peck. Già tra i soci fondatori dell'American Alpine Club[9], a 58 anni inaugurò di fatto l'alpinismo in Cordillera Blanca salendo con le guide alpine del Vallese Peter Taugwalder e Gabriel Zumtaugwald i 6.655 m del Huascarán Nord attraverso la cresta sud.[10] La Peck, al ritorno negli Stati Uniti, indicò in 7.300 m la quota della cima raggiunta e cercò di accreditarsi il record mondiale femminile di altezza raggiunta[11]; questo provocò un'aspra polemica con la sua connazionale Fanny Bullock-Workman, che l'anno precedente aveva raggiunto la vetta del Nun Kun, quotata 7.200 m.[12] La Workman finanziò di sua tasca una spedizione topografica in Cordillera Blanca, che stabilì la quota (dimostratasi poi errata per difetto) di 6.550 m per la cima settentrionale del Huascarán.

La spedizione del DÖAV[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1932 arrivò in Cordillera Blanca una spedizione esplorativa del Deutscher und Österreichischer Alpenverein; guidata da Philip Borchers, ne facevano parte Wilhelm Bernard, Erwin Hein, Hermann Hoerlein, Hans Kinzl ed Erwin Schneider. Lo scopo principale della spedizione era quello di realizzare la prima carta topografica della zona settentrionale della Cordillera; la maggior parte del lavoro fu quindi dedicata ai rilevamenti topografici e alle misurazioni delle cime.[13] Ciononostante, gli austro-tedeschi riuscirono a completare le prime ascensioni di alcune delle vette più importanti della zona. Il 20 luglio 1932, Hein, Hoerlin, Bernard, Borchers e Schneider salirono al colle della Garganta dal ghiacciaio occidentale e di lì raggiunsero la cima del Huascarán Sud a 6.768 m[14], per quella che sarebbe poi diventata la via normale alla cima. La via normale, è di difficoltà compresa tra PD (Poco Difficile) e AD (Abbastanza Difficile) ed è esposta al rischio di valanghe nel tratto sottostante il colle della Garganta. Per questa ragione è essenziale attraversare questa sezione prima che il Sole riscaldi la porzione di ghiacciaio sovrastante il colle.

La solitaria di Casarotto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che una spedizione francese vinse l'immensa parete nord della cima settentrionale nel 1966[15] ed un'altra cordata nel 1971 aprì la prima via sulla parete est del Huascarán Sud[16], toccò all'alpinista vicentino Renato Casarotto scrivere una pagina importante della storia dell'alpinismo su questa montagna. Casarotto aprì in solitaria una difficilissima via al centro della parete nord della cima settentrionale; partito dal campo base il 6 giugno 1977, rimase per 17 giorni in parete portandosi appresso ben 40 kg di materiale e viveri, scalando ogni tratto per ben tre volte (due in salita e una in discesa) a causa della particolare tecnica di auto-assicurazione adottata. Alle 16.30 del 21 giugno 1977 l'alpinista vicentino raggiunse la vetta; gli ci vollero altri due giorni per tornare al campo base.[17]

La sfida di Jaeger[modifica | modifica wikitesto]

Più che un'impresa alpinistica, nel 1978 l'alpinista francese Nicolas Jaeger portò a termine una sfida con sé stesso. Di ritorno da una serie di scalate in Cordillera Blanca, Jaeger decise di accamparsi poco sotto la cima del Huascarán Sud e di rimanervi 60 giorni. L'alpinista e medico francese mise così in atto il suo progetto di studiare gli effetti che l'altissima quota e le temperatura glaciali potevano avere sull'organismo umano.[18]

La via delle donne[modifica | modifica wikitesto]

A ribadire, 77 anni dopo Anne Smith Peck, il ruolo importante che le donne hanno avuto nella storia alpinistica del Huascarán Nord nel 1985 una cordata di sole alpiniste polacche e ceche aprì una nuova via sulla parete nord. Arrivarono in cima B. Danihelkova, Z. Hoffmanova, A. Kaploniak, E. Parnejko ed E. Szezesniak.[19]

Le vie degli sloveni[modifica | modifica wikitesto]

Tra le vie più importanti aperte sulla montagna in anni più recenti sono da segnalare quella aperta in due giorni, in solitaria, dallo sloveno Pavle Kozjek sulla parete sud del Huascarán Sud nel 1991[20] e quella estrema, chiamata Pot v Pekel (Strada per l'Inferno), degli sloveni M. Kovac, B. Lozar e T. Petac tracciata nel 1993 sul pilastro nord-est della stessa parete.[21]

La tragedia di Battistino Bonali e Giandomenico Ducoli[modifica | modifica wikitesto]

Battistino Bonali e Giandomenico Ducoli, due alpinisti e amici di Padre Ugo De Censi,[22] fondatore dell'Operazione Mato Grosso, tentarono la scalata della parete nord del Huascarán, lungo l'irripetuta Via Casarotto (1977) con lo slogan "Salire in alto per aiutare chi sta in basso".[22]. L'8 agosto 1993, quando erano a 200 metri dalla vetta e si stavano riposando, vennero travolti da una slavina che li uccise e gettò i loro corpi 1300 metri più sotto, distruggendoli.[23]

Accesso e frequentazione[modifica | modifica wikitesto]

Il fatto che la montagna sia la più alta del Perù (e la più alta del pianeta all'interno della fascia tropicale) la rende molto appetita dagli alpinisti di tutto il mondo che, nonostante le difficoltà tecniche di ascensione, la affollano in numero piuttosto cospicuo. Nella regione di Ancash si è da qualche anno sviluppata un'offerta di guide d'alta montagna che pongono proprio l'Huascarán in cima alle loro proposte. La salita alle cime richiede dai tre ai cinque giorni, oltre ad un'ottima condizione fisica, ad un buon acclimatamento alle alte quote e ad una preparazione tecnica adeguata.[2]

La via di avvicinamento più frequentata parte dall'ingresso del Parco nella località di Musho, dove si trova un servizio di trasporto con i muli fino al Campo Base Raimondi (3 ore), ormai lontano dal limite dei ghiacci. Da qui si sale in un'altra ora e mezza al Campo Morrena, a 4.500 m, da dove in un'altra ora si arriva al ghiacciaio. In questo luogo è attivo dal 2002 il Refugio Don Bosco Huascarán, gestito dall'Operazione Mato Grosso.[24] Si può accedere alla montagna anche dai laghi di Llanganuco, attraverso la Quebrada Ancosh, oppure attraverso la Quebrada Ulta e la sua confluente Quebrada Matará.[25]

Il terremoto di Ancash[modifica | modifica wikitesto]

Il Cristo Redentore nel Cimitero di Yungay. Sullo sfondo il Huascarán

Il 31 maggio del 1970, alle ore 15.23, un tremendo terremoto di magnitudo 7.8I con epicentro di fronte a Chimbote, a 25 km dalla costa nell'Oceano Pacifico, ed ipocentro a 52 km di profondità causò il distacco di un grande pezzo di ghiacciaio, neve e pietre dalla vetta Nord. La valanga raggiunse una velocità di avanzamento con punte di 400 km/h, velocità dovuta alla combinazione tra un'inclinazione di salto di oltre 3.700 m, di cui i primi 800 verticali, su un percorso di 16 km. Vennero spostati circa 23 milioni di metri cubi di roccia e ghiaccio, che travolsero tutto ciò che si trovarono davanti, compresa la città di Yungay, arrivando a sbarrare il Rio Santa e fermandosi alla base dell'antistante Cordillera Negra.[26] Delle 20.000 persone che vivevano nella città solo 350 riuscirono a salvarsi.[27] Il terremoto arrecò gravi danni a molte città, da Huacho nella regione di Lima, fino a Trujillo nella regione di La Libertad, causando nel paese più di 67.000 vittime.[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Map of Cordillera Blanca 2/4 URL consultato il 30-11-2009
  2. ^ a b Tomé, pag. 125
  3. ^ Topónimos del Quechua Yungay. URL consultato il 04-12-2009
  4. ^ Room, pag. 159
  5. ^ [dineba.minedu.gob.pe/xtras/lecturas_breves_1.pdf Perù. Ministerio de Educación – Lecturas breves (pdf).]URL consultato il 04-12-2009
  6. ^ Sito ufficiale UNESCO – Parco Nazionale del Huascarán URL consultato il 01-12-2009
  7. ^ ParksWatch – Huascarán National Park URL consultato il 01-12-2009
  8. ^ Neate
  9. ^ Massachusetts Department of Elementary & Secondary Education – Annie Smith Peck URL consultato il 01-12-2009
  10. ^ Rhode Island College – Annie Smith Peck. URL consultato il 01-12-2009
  11. ^ Notable American women, pag. 41
  12. ^ In realtà Fanny Bullock-Workman raggiunse una vetta secondaria del Nun Kun, il Pinnacle Peak a quota 6.930 m. American Alpine Journal – 2002. URL consultato il 01-12-2009
  13. ^ Alp, pag. 47
  14. ^ American Alpine Journal – 1933 (pdf). URL consultato il 03-12-2009
  15. ^ R. Jacob, C. Jacoux, D. Leprince-Ringuet e R. Paragot. American Alpine Journal – 1967 (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  16. ^ Gli australiani R. Ryan e G. Wayatt, il neozelandese P. Coradine e l'americano R. Schneider. American Alpine Journal – 1972 (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  17. ^ La Rivista della Montagna, pagg. 38-47
  18. ^ Jaeger
  19. ^ American Alpine Journal – 1986 (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  20. ^ American Alpine Journal – 1992 (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  21. ^ American Alpine Journal – 1994 (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  22. ^ a b [1]
  23. ^ Ande: i due alpinisti uccisi da una slavina
  24. ^ Rifugi OMG (pdf). URL consultato il 04-12-2009
  25. ^ Tomé, pag. 128
  26. ^ Centro Regional de Información sobre Desastres (pdf), pagg. 41-50. URL consultato il 04-12-2009
  27. ^ Centro Regional de Información sobre Desastres (pdf), pag. 45. URL consultato il 04-12-2009
  28. ^ Organización de Estados Iberoamericanos para la Educación, la Ciencia y la Cultura - Julio Kuroiwa (pdf). URL consultato il 04-12-2009

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Montagna