Giorgia Moll

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georgia Moll
Fotografia di Georgia Moll
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1960-1970
Etichetta Ariel, Vis Radio

Giorgia Moll, talvolta indicata come Georgia Moll o Georgia Mool (Prata di Pordenone, 14 gennaio 1938), è un'attrice e cantante italiana che è stata attiva nel cinema e nella pubblicità televisiva soprattutto tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di origine tedesca anche se bruna,viso grazioso, fattezze da pin-up, è stata anche una ragazza-copertina, apparendo in un servizio interno sul n. 8 del 1972 della rivista Playmen.

Ancora giovanissima, legò il suo nome ad una celebre campagna pubblicitaria su Carosello reclamizzante un noto dentifricio del quale era testimonial[1]. Come attrice caratterista è spesso apparsa in produzioni cinematografiche del genere B-movie, prettamente di produzione italiana.

Il suo film più importante - che le ha dato una certa notorietà internazionale - è stato Un americano tranquillo, diretto da Joseph L. Mankiewicz e girato nel 1958 a Saigon (Vietnam) accanto all'attore-eroe statunitense Audie Murphy (un'immagine d'epoca ritrae l'attrice su una curiosa carrozzella accanto a Murphy durante una pausa della lavorazione).

Ne Il disprezzo di Jean-Luc Godard, film del 1963, ricopre il ruolo della segretaria del produttore Jack Palance che intrattiene rapporti di lavoro con il protagonista Michel Piccoli.

Negli anni '60 la Moll si è anche dedicata all'attività di cantante, incidendo alcuni 45 giri: il più noto di essi è Ballata per un amore perduto (Ballade a Sylvie)/Nato in settembre del 1963, in quanto l'autore dei testi di entrambi i brani è Piero Ciampi (mentre l'arrangiatore nonché autore della musica di Nato in settembre è il maestro Elvio Monti).

Dopo aver lasciato il mondo del cinema, la Moll ha iniziato a dedicarsi alla fotografia, come comunicato in una recente intervista nella trasmissione radiofonica RAI Hollywood Party.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

nel film I Cosacchi del 1959

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

45 giri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fonte: Il-fantamondo.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 95119511 LCCN: no2004024527