Il ladro di Bagdad (film 1961)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ladro di Bagdad
Titolo originale Il ladro di Bagdad
Paese di produzione Italia, USA, Francia
Anno 1961
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, fantastico, epico
Regia Arthur Lubin, Bruno Vailati
Soggetto Bruno Vailati, Augusto Frassineti (dalle Mille e una notte)
Sceneggiatura Bruno Vailati, Filippo Sanjust, Augusto Frassineti
Produttore Bruno Vilati per Titanus, Joseph E. Levine per USA
Fotografia Tonino Delli Colli
Montaggio Gene Ruggiero
Musiche Carlo Rustichelli
Scenografia Flavio Mogherini
Interpreti e personaggi

Il ladro di Bagdad è un film del 1961, diretto dai registi Arthur Lubin e Bruno Vailati. Il film è il terzo di una trilogia di pellicole omonime che prendono spunto dalle favole de Le mille e una notte. Le altre versioni precedenti del film sono:

Trama[modifica | modifica sorgente]

La principessa di Bagdad è ammalata di un male incurabile; solo un introvabile fiore magico, la rosa azzurra, potrà ridarle la salute. Molti giovani si gettano nell'impresa apparentemente impossibile di recuperarlo, e fra questi il ladro Karim, che dopo molte peripezie riesce. Ma nel frattempo il perfido principe Omar assedia la città, volendo prendere di prepotenza la bella. Karim riesce a sconfiggerlo grazie all'ausilio di forze sovrannaturali che impara ad evocare. Alla fine l'eroe viene accolto dal sultano ed ottiene la mano della principessa.


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema