Giacomo Del Duca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Santa Maria in Trivio
Palazzetto Mattei, Roma
Chiesa di San Giovanni di Malta, Messina
Loggia dei mercanti, Messina (distrutta dal Terremoto del 1783)

Giacomo Del Duca, detto anche "Jacopo Siciliano" o "Jacopo Del Duca" (Cefalù, 1520Messina, 1604), è stato un architetto e scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu l'assistente di Michelangelo eseguendone anche lavori in Porta Pia (1562). Fu l'unico fra gli architetti che allora operavano a Roma, che cercò di proseguirne il linguaggio, ma senza grande successo.

Tornato in Sicilia nel 1588, viene nominato architetto della città di Messina nel 1589 succedendo al Calamech e vi realizzò diverse opere (in gran parte distrutte da terremoti) tra cui la tribuna di San Giovanni di Malta.

Scrisse un trattato per i gesuiti a Messina.

Opere principali a Roma[modifica | modifica sorgente]

Opere principali a Messina[modifica | modifica sorgente]

  • Tribuna di San Giovanni di Malta. Il primo disegno è di Camillo Camilliani nel 1591. Dal 1592 è presente nel cantiere Del Duca. È difficile attribuire la paternità delle parti, ma le particolari inflessioni del linguaggio inducono a dare al Del Duca la paternità intera dell'opera. Si ritrova l'uso dell'ordine gigante saldato da una plastica trabeazione e una grande ricchezza decorativa.
  • Porta della Loggia, arco trionfale del 1589, distrutto dal terremoto del 1783.
  • Loggia dei mercanti

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Benedetti. Giacomo Del Duca e l'architettura del Cinquecento. Roma, Officina, 1973.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]