Gastone Baldi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gastone Baldi
Gastone Baldi 1923 2.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Mediano
Ritirato 1933 - giocatore
Carriera
Giovanili
1917-1919 Bologna Bologna
Squadre di club1
1919-1920 GS Bolognese GS Bolognese  ? (?)
1920-1933 Bologna Bologna 269 (18)
Nazionale
1922-1925 Italia Italia 3 (0)
Carriera da allenatore
1937-1938 Bologna Bologna ragazzi
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gastone Baldi (Bologna, 14 maggio 1901Bologna, 18 giugno 1971) è stato un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centromediano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Viene considerato una "bandiera" del Bologna, per la sua lunga militanza nelle file della squadra.[1] Era soprannominato "il centromediano in frac"[2] per lo stile e l'eleganza con cui giocava.[3] Vestì solo i colori rossoblu del Bologna - con cui cominciò la carriera giovanissimo, allievo nei "boys" di Angelo Badini -, tranne una breve parentesi al G.S. Bolognese, nel 1919-1920. Mediocre e inadatto a giocare come terzino, il ruolo che ricoprì agli esordi nel Bologna, fu convertito come centromediano da Hermann Felsner, l'allenatore austriaco che rivoluzionò la storia del Bologna, anch'esso esordiente alla guida dei rossoblu. Baldi, nel ruolo di centromediano metodista, era perfetto: molto alto e longilineo, comandava la difesa e impostava il gioco della squadra, grazie alla sua tecnica raffinata. Fu a lungo anche rigorista e specialista nei calci di punizione, gesto tecnico in cui eccelleva. L'emozione che lo attanagliava con la maglia della Nazionale italiana, svaniva completamente quando indossava la maglia rossoblu nella antica Coppa dell'Europa Centrale, manifestazione nella quale fu grande protagonista: neutralizzò Raymond Braine, temibile cannoniere belga dello Sparta Praga, e Fritz Gschweidl, attaccante del First Vienna e del Wunderteam austriaco.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Vanta 3 presenze con la Nazionale italiana: debuttò il 3 dicembre 1922 proprio a Bologna, nell'amichevole contro la Svizzera giocata al vecchio motovelodromo, terminata 2-2. Successivamente prese parte alla gara vinta per 2-0 a Parigi contro il Lussemburgo il 29 maggio 1924, valida per gli ottavi di finale della VIII Olimpiade, e alla sconfitta per 2-1 a Milano contro l'Ungheria del 18 gennaio 1925. In tutte e tre le occasioni l'emozione ebbe la meglio sulle qualità tecniche di Baldi, che offrì prestazioni modeste tanto da non essere più convocato successivamente per i colori azzurri.[3]

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Al termine della carriera da calciatore rimase nel Bologna come allenatore delle giovanili, che portò alla vittoria in due edizioni del trofeo "Walter Bensemann",[4] nel 1937 a Ginevra e nel 1938 a Strasburgo.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
03/12/1922 Bologna Italia Italia 2 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
29/05/1924 Parigi Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1924 -
18/01/1925 Milano Italia Italia 1 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole -
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Gastone Baldi, in maglia scura, alle prese con Luciano Vezzani, al Campo Torino di Corso Filadelfia.

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Bologna: 1924-1925, 1928-1929

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Bologna: 1932

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Baldi Gastone, Bolognafc.it. URL consultato il 2-6-2010.
  2. ^ Gastone Baldi: "Il centromediano in frac".. URL consultato il 25-11-2010.
  3. ^ a b a cura di Gianni Marchesini, Il Bologna è uno squadrone..., Firenze, La Casa dello Sport, 1988.
  4. ^ (EN) Trophée Walter Bensemann - Juniors Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]