Wunderteam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Wunderteam austriaco alla Coppa Rimet del 1934

Wunderteam (ˈvʊndɐˌtiːm; Squadra delle meraviglie) è il nome dato alla Nazionale austriaca di calcio degli anni trenta, una delle più forti selezioni dell'epoca.

La formazione, allenata da Hugo Meisl, aveva come capitano e stella Matthias Sindelar, campione conosciuto anche con i soprannomi Mozart del pallone o cartavelina, per la conformazione fisica. Lo stile di gioco della squadra era basato sulla scuola scozzese, incentrata su veloci passaggi, introdotta dall'inglese Jimmy Hogan.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Nei primissimi anni trenta il Wunderteam inanellò una serie di 14 risultati utili consecutivi, tra l'aprile del 1931 e il dicembre 1932. Questa serie di risultati permise all'Austria di vincere la seconda edizione della Coppa Internazionale, considerata l'antenata dei moderni Campionati europei.

Il Wunderteam si presentò ai Mondiali del 1934, disputati in Italia, come una delle favorite. Negli ottavi di finale la formazione austriaca sconfisse la Francia per 3-2 (dopo i tempi supplementari), mentre nei quarti ebbe la meglio sull'Ungheria per 2-1. In semifinale, però, dovette cedere 1-0 all'Italia, che si laureò in seguito campione del mondo. La finale per il 3º posto venne vinta dalla Germania con il punteggio di 3-2.

La morte di Hugo Meisl nel 1937 segnò la fine del Wunderteam. L'Austria si qualificò per i Mondiali del 1938, ma si ritirò in seguito all'Anschluss, l'annessione dell'Austria alla Germania nazista. Molti giocatori austriaci furono costretti a giocare con la maglia tedesca, ma la squadra mista deluse le attese e non superò il primo turno. Matthias Sindelar, che non indossò mai la divisa tedesca, morì nel 1939 in circostanze misteriose, probabilmente suicida.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]