Funambulus palmarum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Funambulus palmarum
Indian Palm Squirrel Bangalore 2009.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Sciuromorpha
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Callosciurinae
Genere 'Funambulus'
Specie F. palmarum
Nomenclatura binomiale
Funambulus palmarum
(Linnaeus, 1766)
Sinonimi

Sciurus brodei
Blyth, 1849
Sciurus indicus
Lesson, 1835
Sciurus kelaarti
Layard, 1851
Sciurus palmarum
Linnaeus, 1766
Sciurus pencillatus
Leach, 1814

Sottospecie
  • F. p. palmarum
  • F. p. brodiei
  • F. p. robertsoni

Funambulus palmarum (Linnaeus, 1766) è un roditore appartenente alla famiglia Sciuridae, diffuso in India ed in Sri Lanka.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

F. palmarum ha circa la grandezza di un ratto, con una coda folta leggermente più corta del corpo. Il dorso è brizzolato color grigio-marrone, con tre strisce bianche che vanno dalla testa alla coda. Due strisce esterne corrono dalle zampe anteriori a quelle posteriori. L'addome è di color bianco crema e la coda è ricoperta da peli bianchi e neri. Le orecchie sono piccole e triangolari. Gli esemplari giovani hanno una colorazione più chiara, che diventa progressivamente più scura con l'età.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La gestazione dura 34 giorni; la riproduzione avviene in nidi d'erba, durante l'autunno. Le cucciolate sono di solito composte da due o tre esemplari. Dopo circa 10 settimane i piccoli sono svezzati e sono sessualmente maturi a 9 mesi d'età. Il peso degli adulti è di 100 g. In cattività vivono 5 anni e mezzo.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Questi scoiattoli si nutrono principalmente di noci e di frutta. Comunicano con un verso che fa "chip chip chip" in caso di pericolo.

Funambulus palmarum, Bangalore, India

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Nelle aree urbane sono opportunisti, e possono essere addomesticati per accettare cibo dall'uomo. Essi sono molto protettivi circa le loro fonti di cibo, difendendole dagli uccelli e dagli altri scoiattoli.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è diffusa nell'India centrale e meridionale ed in Sri Lanka.[1]

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

Sono stati riportati cinque sinonimi:[1]

  • Sciurus brodei Blyth, 1849 (sinonimo eterotipico)
  • Sciurus indicus Lesson, 1835 (sinonimo eterotipico)
  • Sciurus kelaarti Layard, 1851 (sinonimo eterotipico)
  • Sciurus palmarum Linnaeus, 1766 (sinonimo omotipico e basionimo)
  • Sciurus pencillatus Leach, 1814 (sinonimo eterotipico)

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Sono state individuate tre sottospecie:[2]

  • F. p. palmarum
  • F. p. brodiei
  • F. p. robertsoni

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Questo taxon è alquanto comune, e la Lista rossa IUCN gli attribuisce lo status "LC" (basso rischio) in quanto l'areale appare in espansione, comprendendo anche una serie di zone protette. Pare anche essere in grado di adattarsi bene alle modificazioni dovute alla presenza antropica.[1]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Funambulus palmarum è considerato sacro in India e ne è pertanto vietata la caccia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Nameer, P.O. & Molur, S., Funambulus palmarum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Don E. Wilson & DeeAnn M. Reeder (editors). 2005. Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference (3rd ed). URL consultato il 7 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ellerman, J. R. 1961. Rodentia. The fauna of India including Pakistan, Burma and Ceylon. Mammalia, Manager of Publications, Zoological Survey of India, Calcutta, USA.
  • Molur, S., Srinivasulu, C., Srinivasulu, B., Walker, S., Nameer, P. O. and Ravikumar, L. 2005. Status of non-volant small mammals: Conservation Assessment and Management Plan (C.A.M.P) workshop report. Zoo Outreach Organisation / CBSG-South Asia., Comibatore, India.
  • Phillips, W. W. A. 1980. Manual of the Mammals of Sri Lanka. Part 1. Wildlife and Nature Protection Society of Sri Lanka.
  • Thorington Jr., R. W. and Hoffmann, R. S. 2005. Family Sciuridae. In: D. E. Wilson and D. M. Reader (eds), Mammal Species of the World, pp. 754–818. The John Hopkins University Press, Baltimore, MD, USA.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]