Svezzamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Lo svezzamento o divezzamento o meglio ancora alimentazione complementare, nei mammiferi, è il processo di sostituzione dell'alimentazione esclusiva a base di latte (allattamento), tipica delle prime fasi di vita, con quella caratterizzata dall'assunzione di altri liquidi e solidi.

Lo svezzamento del neonato[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi decenni i pediatri si sono impegnati a dare alle madri indicazioni precise per lo svezzamento dei lattanti in merito alla tempistica, alla qualità e alla quantità dei cibi; gli studi scientifici che supportino la necessità di dover introdurre certi tipi di alimenti in precisi periodi della vita del bambino, o che indichino la modalità in cui farlo, sono tuttavia scarsi. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda l'introduzione graduale dei cibi complementari al latte materno intorno ai sei mesi di vita, il latte materno resta comunque l'alimento principale in tutto il primo anno di vita, e l'allattamento può proseguire fino ai due anni e oltre. La stessa OMS (1998), pur non prendendo posizioni precise ed univoche sul tema, segnala come "è praticamente impossibile dare sufficienti quantità di ferro attraverso alimenti complementari non fortificati, se si vogliono rispettare le raccomandazioni (LARN/RDI/RDA) del periodo 6-11 mesi di vita, a meno di non somministrare al bambino quantità molto alte e totalmente irrealistiche di alimenti carnei".

Una delle tendenze attuali è quindi quella di evitare indicazioni precise, ma di invitare le madri (o chi si prende cura del bambino) ad ascoltare e seguire il proprio bambino, che meglio saprebbe ciò di cui ha bisogno, sia nei ritmi che nei cibi. sulla stessa linea di tendenza si pone l'invito a non utilizzare alimenti speciali per lattanti, quali omogeneizzati, liofilizzati o simili. Resta fondamentalmente valido, qualunque sia il modello scelto, il consiglio derivato da OMS e UNICEF di non anticipare l'inizio dell'alimentazione complementare prima dei 6 mesi, momento in cui sotto diversi punti di vista - fisiologia gastrointestinale, maturazione immunitaria, sviluppo psicomotorio - il bambino è pronto all'introduzione di alimenti diversi dal latte materno; va tuttavia segnalato che, in contrasto a ciò, altre organizzazioni, sia scientifiche (come l'ESPGHAN, European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition) che governative (come l'EFSA, European Food Safety Authority), considerano sicuro, non dannoso e perfino consigliabile un inizio anticipato al periodo 4-6 mesi.

Non è insolito però trovare ancora indicazioni simili alle seguenti, salvo poi trovarne di completamente diverse su un altro libro o da un altro pediatra, e questo perché ci sono poche fonti o fondamenti scientifici universalmente accettati relativi all'una o l'altra di tali indicazioni: Lo svezzamento dell'infante può cominciare intorno al quinto-sesto mese, con l'inserimento nell'alimentazione di alimenti a base di cereali e vegetali, quali ad es. semplici frutti (come mela o pera, offerti in pappette grattugiate, frullate o omogeneizzate), ovvero brodi di verdura arricchiti con cereali senza glutine (quali creme di riso, mais e tapioca); successivamente, intorno all'ottavo-nono mese, si potranno inserire cereali con glutine, come farine oppure come pastine, in formati di ridotte dimensioni. Gradualmente, andando verso l'anno di vita e in seguito, è indicata la sostituzione dei pasti effettuati col latte, con pasti composti da verdura, cereali, carne o pesce(liofilizzati o omogeneizzati), e frutta.[senza fonte]

Lo svezzamento in psichiatria[modifica | modifica wikitesto]

In psichiatria, il termine indica le pratiche di disintossicazione che tendono a eliminare in un individuo l'assuefazione a sostanze (naturali o sintetiche) che hanno generato una tossicodipendenza.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Io mi svezzo da solo, di Lucio Piermarini, 160 pagine, brossura, 2008, Bonomi editore.
  • Pappario, gustose ricette dolci e salate per lo svezzamento, 274 pagine a colori, brossura, 2009, Editore Boopen, Ean: 9788862236799,
  • Svezzamento e Allattamento, di Jack Newman - Grazia de Fiore, 2009, Coleman Editore.
  • Poole J.A. et al., Pediatrics 2006; 117: 2175-2182
  • Ziegler A.G. et al., JAMA. 2003 Oct 1; 290: 1721-8
  • Norris J.M. et al., JAMA. 2003 Oct 1; 290: 1771-2
  • Persson, Acta Paediatr 1998; 87: 618-22

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]