Friedrich Heinrich von Seckendorff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Friedrich Heinrich von Seckendorff

Friedrich Heinrich von Seckendorff (Königsberg, 5 luglio 1673Meuselwitz, 23 novembre 1763) fu conte, feldmaresciallo e diplomatico tedesco.

Arma dei Seckendorff

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Federico Enrico di Seckendorff proveniva da una nobile famiglia. Studiò a Jena, Lipsia ed a Leida diritto e nel 1693 iniziò il suo servizio militare nell'esercito della Sassonia-Gotha e di Ansbach e nel 1697 in quello del imperiale, con il quale combatté sotto il principe Eugenio di Savoia nella quinta guerra austro-turca. Nel 1699 si sposò e rientrò ad Ansbach come ufficiale di corte.

Allo scoppio della guerra di successione spagnola (17011714) fu richiamato nella forza combattente e guidò come tenente colonnello il reggimento dell'Ansbach, conquistando, al comando dei suoi dragoni 16 bandiere nemiche nella battaglia di Blenheim (13 agosto 1704)

Nominato colonnello, combatté a Ramillies (23 maggio 1706) ed a Oudenaarde (11 luglio 1708) e si mise in luce nel corso dell'assedio della città di Lilla. Deluso dalle prospettive di carriera nelle forze imperiali, entrò come maggiore generale nell'esercito di Augusto II di Polonia, combattendo nella guerra di successione spagnola al comando di un reggimento nelle Fiandre. Partecipò così all'assedio di Tournai ed alla battaglia di battaglia di Malplaquet (11 novembre 1709).

Quale ministro plenipotenziario del regno polacco, prese parte a L'Aia alle trattative che condussero alla pace di Utrecht (1713).

Come comandante in capo delle truppe sassoni, nel 1715 contribuì alla conquista di Stralsund contro gli svedesi di Carlo XII. Rientrato nell'esercito imperiale, nel 1717 fu nominato luogotenente-feldmaresciallo imperiale.

Sotto il comando supremo di Eugenio di Savoia comandò due reggimenti dell'Ansbach nell'assedio di Belgrado e combatté nel 1719 con successo contro la Spagna in Sicilia (partecipando anche alla battaglia di Francavilla), nel corso della guerra della Quadruplice alleanza (1718 – 1720), costringendo gli spagnoli ad un accordo per evacuare l'isola. Nel 1719 fu elevato al rango di conte dell'impero.

Dal 1726 fu plenipotenziario imperiale alla corte di Berlino ove, legandosi all'influente Federico Guglielmo di Grumbkow, ottenne il favore di Federico Guglielmo I [1] e, sfruttandolo astutamente a favore dell'Austria, condusse in porto il fidanzamento del principe della corona Federico con la principessa Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel-Bevern (17151797),[2] figlia del duca di Brunswick-Lüneburg (1680 – 1735) e di Antonietta Amalia di Brunswick-Wolfenbüttel (1696 – 1762)[3] ed ottenne da molte corti tedesche come dalla Danimarca e dall'Olanda il riconoscimento della Prammatica sanzione del 1713.

Lapide commemorativa del Feldmarsciallo von Seckendorff nella rocca di Königsberg

Dal 1734 Federico Enrico rientrò nell'esercito imperiale e fu nominato Governatore di Magonza. Nel 1737 l'imperatore Carlo VI gli affidò il comando in capo dell'esercito in Ungheria, conferendogli anche il titolo di feldmaresciallo generale. Partecipò alla guerra di successione polacca come generale di cavalleria al comando di 30.000 uomini tornando sull'Hunsrück e sconfiggendo il 20 ottobre 1735 i francesi presso Klausen. Nella incipiente guerra russo-turca ricevette il comando supremo dell'esercito stanziato presso Belgrado.

Inizialmente le cose gli andarono bene ma dovette presto ritirarsi dietro il fiume Sava a causa della superiorità numerica turca e, su istigazione dei suoi nemici a corte, fu richiamato e imprigionato a Graz. Fatto liberare da Maria Teresa, ma senza il reintegro nella sua carica e gli emolumenti relativi arretrati, lasciò l'Austria ed entrò al servizio dell'esercito della Baviera come feldmaresciallo (1743), in pieno svolgimento della guerra di successione austriaca (17401748), e dopo varie vicissitudini respinse nel 1744 l'esercito austriaco verso la Boemia. Dopo la morte di Carlo VII[4] promosse la riconciliazione fra Austria e Baviera con la pace di Füssen (22 aprile 1745).

Reintegrato in tutte le sue cariche dall'imperatore Francesco I, si ritirò nei suoi possedimenti di Meuselwitz presso Altenburg finché nel dicembre del 1758 fu fatto arrestare da Federico II di Prussia per il sospetto che intrattenesse una corrispondenza con l'Austria dannosa alla Prussia. Rilasciato dopo circa sei mesi di arresti nella fortezza di Magdeburgo, rientrò a Meuselwitz ove rimase per il resto della sua vita.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falco Bianco (Sassonia-Weimar-Eisenach) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Falco Bianco (Sassonia-Weimar-Eisenach)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'aiuto del Grumbkow non fu disinteressato, poiché il Sekendorff gli elargì un'adeguata somma di denaro in cambio ((EN) Gerhard Ritter, Frederick the Great: A Historical Profile, University of California Press, Berkeley, 1974, pag. 34 ISBN 0-520-02775-2)
  2. ^ Federico II non gradì questa interferenza nella sua sfera sentimentale e prese a disprezzare il Seckendorff, rimproverandogli di aver carpito subdolamente i favori del padre Federico Gugliemo I. Di lui scrisse infatti:
    « Egli era un sordido intrigante ed i suoi modi volgari e villani. La menzogna era divenuta per lui una seconda natura, avendo perso l'abitudine alla verità. Egli era un usuraio che compariva a volte sotto le apparenze di un soldato, altre sotto quelle di un diplomatico »
    (Federico il Grande)
    ((EN) Giles MacDonogh, Frederick the Great: A Life in Deed and Letters , St. Martin's Griffin, New York, 2001, pag. 436 ISBN 0-312-27266-9)
  3. ^ Federico II di Prussia e Cristina si sposarono poi il 12 giugno 1733 nel Castello di Salzdalum (Bassa Sassonia) ma il matrimonio non fu felice: la coppia non ebbe figli e presto i due si separarono di fatto
  4. ^ Carlo Alberto di Baviera (6 agosto 1697 – 20 gennaio 1745) era divenuto principe elettore di Baviera alla morte del padre, Massimiliano II Emanuele di Baviera, nel 1726. Alla morte di Carlo VI contestò la Prammatica Sanzione e venne eletto imperatore il 7 dicembre 1741 con il nome di Carlo VII. Tuttavia le truppe austriache occuparono subito dopo la Baviera ed egli dovette fuggire all'estero. Ritornato in Baviera nel 1744 grazie all'intervento militare francese, rimase sul trono imperiale fino alla morte, avvenuta pochi mesi dopo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Meyers Konversations-LexikonText, 4ª Edizione del 1888–1890.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59894948 LCCN: no2007120636

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie