Francesco Trombadori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Trombadori (Siracusa, 1886Roma, 1961) è stato un pittore italiano.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi trasferito a Roma segue i corsi della locale Accademia di Belle Arti e della scuola di nudo. Nel 1911 tiene la sua prima mostra personale a Siracusa nel foyer del Teatro Comunale. Seguendo l'ambiente culturale della capitale esprime una pittura legata per lo più al divisionismo.

Nel 1915 parte per la prima guerra mondiale dove rimarrà ferito, al termine torna a Roma dove esegue una serie di ritratti innovativi chiamati fotodinamica.

Nel 1926 partecipa alla Prima Mostra di Novecento a Milano come unico siciliano. In questo periodo dedica il suo tempo allo studio della pittura antica.

Negli anni 30 espone i suoi quadri anche all'estero (Buenos Aires, Stoccolma, Oslo e persino alla Exhibition of Contemporary Italian Painting a Baltimora.

Durante l'ultimo periodo della seconda guerra mondiale Trombadori viene arrestato dalla banda Koch e interrogato per strappargli notizie del figlio Antonello ricercato dalle SS.

Negli anni 50 farà saltuariamente poi ritorno in Sicilia. Muore a Roma, nel proprio studio, nel 1961. A Roma nella zona di Villa Borghese, presso Villa Strohl Fern (attualmente di proprietà dello stato francese e sede del Lycée Chateaubriand di Roma ) è visitabile lo studio che il pittore, come altri artisti, aveva allestito in questa ampio spazio verde.

Pseudonimi[modifica | modifica sorgente]

Trombadori adottò diversi pseudonimi quali: Trombatore, Franz Trombadori d'Ortigia e Cino d'Ortigia, con cui firma le illustrazioni per le rappresentazioni classiche del Teatro Greco di Siracusa nel 1914.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]