Fondo dei diamanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Daffodil Bouquet, XVIII secolo, esposto nel fondo dei diamanti (francobollo russo del 1971)

Il fondo dei diamanti (in russo: Алмазный фонд?) è una collezione unica di gemme, gioielli e pietre naturali conservata ed esposta nel Cremlino di Mosca, in Russia. Il fondo risale al tesoro della corona russa istituito dall'imperatore Pietro I di Russia nel 1719.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tesoro imperiale[modifica | modifica wikitesto]

La collezione di gemme, costituita nel 1719, venne in seguito conservata nella camera dei diamanti (in russo: Бриллиантовая комната?) del Palazzo d'Inverno; tutti i successori di Pietro il Grande aggiunsero dei nuovi pezzi alla camera. Uno studio del 1922 di Aleksandr Evgen'evič Fersman identificò che l'85% dei preziosi fosse stato raccolto tra il 1719 ed il 1855 (da Pietro I fino a Nicola I), mentre solo il restante 15% dagli ultimi tre imperatori (Alessandro II, Alessandro III e Nicola II).

Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

La conservazione, la vendita ed il saccheggio del tesoro imperiale dopo la rivoluzione russa del 1917 sono ancora dei fatti controversi, oggetto di numerose speculazioni. Durante la Prima guerra mondiale la collezione venne trasferita da San Pietroburgo a Mosca. Il Fondo dei Diamanti Sovietico venne fondato ufficialmente nel 1922;[1] il tesoro venne poi esposto al pubblico per la prima volta nel novembre 1967, inizialmente come una mostra temporanea, ma poi, dal 1968, venne esibito continuamente.

Federazione Russa[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stato Russo detiene il monopolio per l'estrazione e la distribuzione delle pietre preziose, così come stabilito dalla legge del 1998 Su metalli preziosi e pietre preziose mentre le operazioni sul fondo dei diamanti sono regolate dal decreto presidenziale del 1999.[2] Il fondo dei diamanti è attualmente parte di un più ampio Fondo Statale di Pietre Preziose, gestito dal ministero delle finanze, che accumula gli oggetti più valevoli, in particolare:

  • tutti i diamanti grezzi superiori ai 50 carati;
  • tutti i diamanti tagliati superiori ai 20 carati ed i diamanti tagliati di eccezionale qualità superiori ai 6 carati;
  • tutti gli smeraldi, rubini e zaffiri grezzi superiori ai 30 carati, o tagliati superiori ai 20 carati;
  • pepite, ambre, perle e gioielli unici nel loro genere.

L'esposizione pubblica al Cremlino di Mosca è quindi solo una piccola frazione dell'intera collezione, di cui il ministero delle finanze detiene anche i diritti di proprietà intellettuale sulle immagini.

Aggiunte recenti[modifica | modifica wikitesto]

Di recente sono stati aggiunti al fondo i seguenti esemplari:

  • 2006: Il Creatore (in russo: Творец?, estratto in Jakuzia nel 2004; è il terzo diamante grezzo del fondo per dimensioni, con un peso di 298,48 carati (59,696 grammi);[3]
  • 2003: una pepita d'oro del peso di 33 kilogrammi;
  • 1989: Aleksandr Pushkin; è il secondo diamante grezzo per grandezza (320,65 carati equivalenti a 64,130 grammi);
  • 1980: XXVI Congresso del PCUS; è il maggiore diamante grezzo (342,50 carati equivalenti a 68,500 grammi).

Pezzi più importanti[modifica | modifica wikitesto]

Il diamante Shah, esposto nel fondo dei diamanti (francobollo russo del 1971)

Il fondo dei diamanti, tra i molti pezzi della collezione, ne possiede alcuni di particolare rilevanza; ne sono un esempio le sette pietre storiche:

Il fondo conserva inoltre le corone di Russia, tra cui il manufatto di maggior valore è la grande corona imperiale costruita per Caterina la Grande nel 1762.

Tra i gioielli più importanti sono da notare:

  • il Daffodil Bouquet;[6]
  • il Blue Fountain.[7]

Per quanto riguarda le pepite d'oro, le più preziose sono le seguenti:

  • Il Grande Triangolo (36,2 kg), estratto nel 1842 a Miass;
  • Il Cammello (9,28 kg);
  • Mephisto (20,25 g), estratto nel 1944 nella Kolyma.

Accesso al pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo dei diamanti è esposto nell'edificio dell'armeria del Cremlino di Mosca; può essere visitato solo attraverso visite guidate, in lingua russa, di durata prefissata, organizzate giornalmente con orario dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 15:00 alle 17:00 ad intervalli di venti minuti tra l'una e l'altra. I biglietti sono venduti nella sala d'ingresso, preferibilmente dietro prenotazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale
  2. ^ Testo ufficiale del decreto
  3. ^ Главные новости часа | Лента новостей "РИА Новости"
  4. ^ Fotografia del diamante Orlov
  5. ^ Fotografia dello zaffiro
  6. ^ Fotografia del Daffodil Boucquet
  7. ^ Fotografia del Blue Fountain

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]