Torri del Cremlino di Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Elenco delle torri del Cremlino di Mosca.

Torre Borovickaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Borovickaja
La torre Borovickaja

La torre Borovickaja (in russo: Боровицкая башня?) è una torre angolare attraversata da un passaggio, collocata nella zona occidentale delle Mura del Cremlino. Deve il suo nome alla collina Borovickij (in russo: Боровицкий холм?), uno dei sette colli sui quali sorge Mosca. La torre fu costruita nel 1490 - sui resti di una più antica porta del Cremlino - dall'architetto svizzero-italiano Pietro Antonio Solari su ordine dello zar Basilio III di Russia. Nel 1658, per ordine dello zar Alessio I di Russia, la torre fu rinominata Predtečenskaja (dal termine russo предтечаpredtecha, il precursore) in onore della chiesa di Giovanni Battista il Precursore, che sarebbe stata in seguito demolita per far luogo alla costruzione del Palazzo dell'Armeria. La nuova denominazione, comunque, non divenne mai popolare. Nel 1812, la torre fu danneggiata da un'esplosione avvenuta durante la ritirata napoleonica dalla Russia. Durante il periodo 1817-1819 la torre fu restaurata dall'architetto Osip Bove. Nel 1935, i sovietici installarono una stella rossa sulla sommità. Includendo la stella, l'altezza della torre raggiunge i 54.05 metri.

Coordinate geografiche: 55°44′56.07″N 37°36′45.07″E / 55.748909°N 37.61252°E55.748909; 37.61252 (Borovitskaya Tower).

Torre Vodovzvodnaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Vodovzvodnaja
La torre Vodovzvodnaja

La torre Vodovzvodnaja (in russo: Водовзводная башня?) è una torre angolare situata nella zona sudoccidentale del Cremlino, in posizione dominante rispetto alla Moscova. Fu costruita nel 1488 dall'architetto italiano Antonio Gislardi (noto in Russia anche come Anton Friazin). Originariamente, la torre era denominata Sviblova (Свиблова башня), dal nome della famiglia di boiardi Sviblov, che a lungo aveva vissuto in una casa adiacente alla torre sul lato del Cremlino. La torre fu poi rinominata Vodovzvodnaja nel 1633 in seguito all'installazione di un macchinario per il rifornimento dell'acqua ("vodovzvodnaja" può essere infatti tradotto con la locuzione "sollevamento d'acqua"). Nel 1805 la torre fu smantellata in seguito all'eccessivo degrado e ricostruita da capo. Nel 1812, l'esercito francese in ritirata la danneggiò profondamente. La torre fu restaurata tra il 1817 ed il 1819 da Osip Bove.

La torre è alta 61,85 m.

Coordinate geografiche: 55°44′53.18″N 37°36′49.13″E / 55.748106°N 37.613647°E55.748106; 37.613647 (Vodovzvodnaya Tower).

Torre Blagoveščenskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Blagoveščenskaja
La torre Blagoveščenskaja

La torre Blagoveščenskaja (in russo: Благовещенская башня?), anche nota come la Torre dell'Annunciazione, è stata costruita tra il 1487 ed il 1488. Alla sua base si trovano lastre di pietra calcarea risalenti ancora al XIV secolo, epoca in cui il Cremlino di Mosca era di pietra bianca. Durante il regno di Ivan il Terribile, la torre veniva usata come prigione. Il nome della torre deriva dalla miracolosa Icona dell'Annunciazione - che un tempo ivi era custodita - ed è stato inoltre associato alla Chiesa dell'Annunciazione, annessa alla torre all'inizio del XVIII secolo e demolita nel 1932. Durante il XVII secolo, vennero costruite nelle vicinanze le porte di Portomoyniye, per permettere alle lavandaie di corte di raggiungere il salto di Portomoiny sulla Moscova per sciacquare i panni. Le porte furono murate nel 1813.

La torre raggiunge un'altezza di 30,7 metri, che diventano 32,45 considerando la banderuola che nel 1932 sostituì la croce originaria.

Coordinate geografiche: 55°44′55.4″N 37°36′54.69″E / 55.748722°N 37.615192°E55.748722; 37.615192 (Blagoveschenskaya Tower).

Torre Tajnickaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Tajnickaja
La torre Tajnickaja

La torre Tajnickaja (in russo: Тайницкая башня?; talvolta denominata anche come Водяная башня, Torre dell'Acqua) è una torre perimetrale del lato meridionale del Cremlino di Mosca. Fu costruita nel 1485 da Antonio Gilardi come porta del Cremlino di pietra bianca Dmitrij Donskoj. L'originaria Torre Tajnickaja era dotata di un pozzo d'acqua segreto e di un tunnel sotterraneo che conduceva alla Moscova: da ciò deriva la denominazione attuale, che in russo significa appunto "torre segreta". Nel 1770 la torre fu smantellata in concomitanza con la costruzione del Gran Palazzo del Cremlino, progettato da Vasilij Baženov e ricostruita durante gli anni settanta del Settecento. Tra il 1930 ed il 1933 la porta d'accesso fu murata ed il pozzo riempito. La Torre è alta 38,4 m.

Coordinate geografiche: 55°44′57.75″N 37°37′04.31″E / 55.749374°N 37.617863°E55.749374; 37.617863 (Taynitskaya Tower).

Prima torre senza nome[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della prima torre senza nome
La prima torre senza nome

La prima torre senza nome (in russo: Первая Безымянная башня?) fu costruita vicino alla Tajnickaja durante gli anni ottanta del XV secolo. Assolveva funzione prettamente difensiva. Nel 1547 la torre fu distrutta da un incendio causato dall'esplosione della polvere da sparo ivi stipata; la ricostruzione avvenne durante il corso del XVII secolo. Nel 1770 la torre fu smontata in modo da creare spazio per la costruzione del Gran Palazzo del Cremlino. Una volta terminata la costruzione del palazzo, la torre venne ricostruita nel 1783, più vicina alla Torre Tajnickaja. Nel 1812, la torre fu fatta saltare dalle truppe napoleoniche in ritirata, ma fu in breve restaurata nelle sue forme originali dall'architetto Osip Bove. La torre raggiunge un'altezza di 34,15 m.

Coordinate geografiche: 55°44′58.18″N 37°37′08.28″E / 55.749495°N 37.618968°E55.749495; 37.618968 (First Unnamed Tower).

Seconda torre senza nome[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della seconda torre senza nome
La seconda torre senza nome

La seconda torre senza nome (in russo: Вторая Безымянная башня?) fu eretta verso la metà del XV secolo con esclusivi scopi difensivi. Nel 1680, una struttura quadrangolare ed un tetto piramidale fortemente inclinato - dotato di torretta d'osservazione - furono aggiunti nella porzione superiore della torre. L'insieme è coronato da una cuspide a otto spicchi ed una banderuola.

Coordinate geografiche: 55°44′58.61″N 37°37′13.31″E / 55.749615°N 37.620363°E55.749615; 37.620363 (Second Unnamed Tower).

Torre Petrovskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Petrovskaja
La torre Petrovskaja

La torre Petrovskaja (in russo: Петровская башня?) deve la propria denominazione alla Chiesa del Metropolita Pietro, parte della missione del Monastero di Ugreshi (ora Dzeržinskij), situata all'interno del Cremlino nei pressi della torre stessa. La torre venne distrutta dal fuoco dei cannoni durante l'invasione polacca del 1612 e successivamente restaurata. Nel 1771 fu demolita nuovamente per lasciare spazio al nascente Gran Palazzo del Cremlino, e per la seconda volta ristabilita nel 1783. Osip Bove curò infine l'ultimo restauro nel 1818, durante gli interventi di ripristino delle torri danneggiate nel 1812 dai soldati napoleonici in ritirata da Mosca. La Torre Petrovskaja veniva usata come edificio di servizio dai giardinieri del Cremlino. La torre raggiunge l'altezza di 27,15 m.

Coordinate geografiche: 55°44′58.92″N 37°37′19.25″E / 55.7497°N 37.622015°E55.7497; 37.622015 (Petrovskaya Tower).

Torre Beklemiševskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Beklemiševskaja
La torre Beklemiševskaja

La Torre Beklemiševskaja (in russo: Беклемишевская башня?, nota anche come Москворецкая башня, torre Moskvoreckaja) è una torre angolare situata a sud-est del Cremlino, presso il fiume Moscova. La torre fu costruita tra il 1487 ed il 1488 dall'architetto italiano Marco Ruffo, noto in Russia come Marco Frjiazin (in russo: Марко Фрязин?). Deve il suo nome al boiardo Ivan Bersen-Beklemishev (in russo: Иван Никитич Беклемишев?), la cui abitazione era adiacente alla torre dalla parte del Cremlino. La torre fu costruita per proteggere il guado e l'attraversamento della Moscova. Si trovava al di sotto della torre il cosiddetto sotterraneo "d'ascolto", utilizzato per prevenire che eventuali nemici potessero raggiungere il Cremlino scavando un passaggio. Durante la Rivoluzione d'Ottobre del 1917 la vetta della torre fu danneggiata da una bomba, ma venne ripristinata l'anno successivo per mano dell'architetto I.V. Rylsky. La torre è alta 46,2 m.

Coordinate geografiche: 55°44′59.07″N 37°37′23.66″E / 55.749742°N 37.623239°E55.749742; 37.623239 (Beklemishevskaya Tower).

Torre Konstantino-Eleninskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Konstantino-Eleninskaja
La torre Konstantino-Eleninskaja

La torre Konstantino-Eleninskaja (in russo: Константино-Еленинская башня?) è situata sul lato orientale delle mura del Cremlino e domina la cosiddetta Scarpata di Basilio (in russo: Васильевский спуск?), che ha inizio dalla Piazza Rossa e termina sulla Moscova. La torre fu costruita nel 1490 dall'architetto italiano Pietro Antonio Solari (in russo: Пётр Фрязин?) con funzione portale per il Cremlino in pietra bianca. Deve la propria denominazione alla Chiesa di Costantino ed Elena, risalente alla seconda metà del XVII secolo e demolita in età sovietica nel 1928. La torre era dotata di fornici e di ponte levatoio protetti costantemente dalle guardie. Tra la fine del XVIII secolo e l'inizio del XIX, le porte furono tamponate ed il ponte dismesso. La torre raggiunge un'altezza di 36,8 m.

Coordinate geografiche: 55°45′04.24″N 37°37′20.49″E / 55.751179°N 37.622359°E55.751179; 37.622359 (Konstantino-Eleninskaya Tower).

Torre Nabatnaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Nabatnaja
La torre Nabatnaja

La torre Nabatnaja (in russo: Набатная башня?) è una torre della sezione sudorientale delle Mura del Cremlino, costruita nel 1495. Raggiunge l'altezza di 38 metri. La torre ha a lungo alloggiato nella propria sommità una campana utilizzata per avvisare la cittadinanza in caso di incendio o altri avvenimenti d'emergenza che accadevano all'interno del Cremlino o della Piazza Rossa. Il termina Nabatnay, deriva infatti dall'antico lemma russo набат - nabat, che significa "allarme". Nel 1680 il maestro campanario Fedor Dmitriev fuse la cosiddetta campana Nabatny (campana d'allarme), dal peso di 150 pud (in russo: пуд?) - equivalenti a 2,45 tonnellate - e provvedette alla sua installazione. La campana in seguito si danneggiò e fu nuovamente forgiata da Ivan Motorin (in russo: (Иван Фёдорович Моторин?) il 30 giugno 1714. Il suono della campana funse da segnale per le spontanee sollevazioni dei moscoviti durante la peste bubbonica del 1771, rivolte che sarebbero in seguito divenute famose come la rivolta della peste (in russo: Чумной бунт?). Su ordine di Caterina la Grande, il batacchio della campana fu rimosso dopo queste insurrezioni. La campana muta rimase comunque collocata nella propria sede originaria per ulteriori trent'anni. Agli inizi del XIX secolo fu rimossa e trasferita nell'Arsenale del Cremlino, dove tutt'oggi è osptata nel vestibolo.

Coordinate geografiche: 55°45′06.63″N 37°37′18.87″E / 55.751843°N 37.621908°E55.751843; 37.621908 (Nabatnaya Tower).

Torre Carskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Carskaja
La torre Carskaja

La torre Carskaja (in russo: Царская башня?, ossia "Torre dello Zar") è la più recente e la più piccola tra le torri; la sua costruzione risale al 1680. Non è una vera e propria torre, è piuttosto un baldacchino di pietra, una camera aperta - coperta da un tetto a tenda - posizionata direttamente al di sopra delle mura. In precedenza, era collocata al suo posto una torretta in legno, dalla quale la leggenda vuole che lo zar Ivan il Terribile si affacciasse per osservare ciò che accadeva nel frattempo sulla Piazza Rossa. Da qui la denominazione di Torre dello Zar. Si possono notare le fasce in pietra bianca intorno alle colonne, le piccole piramidi angolari coronate da bandiere dorate e l'importante tetto a tenda coronato da una banderuola aurea.

Coordinate geografiche: 55°45′08.22″N 37°37′17.79″E / 55.752284°N 37.621608°E55.752284; 37.621608 (Tsarskaya Tower).

Torre Spasskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Spasskaja
La torre Spasskaja

La torre Spasskaja (in russo: Спасская башня?, ossia "Torre del Salvatore"), situata nella porzione orientale delle mura, è la torre principale ed è attraversata da un passaggio. Domina la Piazza Rossa. La torre Spasskaja fu costruita nel 1491 dall'architetto Pietro Antonio Solari. Inizialmente era denominata Torre Frolovskaja, in onore della Chiesa di Frol e Lavr, interna al Cremlino di Mosca (ad oggi non più esistente). L'attuale denominazione della torre è invece riferita all'icona di Spas Nerukotvorny (Divino Salvatore), che era stata collocata al di sopra del portale della torre stessa nel 1658 (attualmente non più presente nella stessa collocazione). La torre Spasskaja fu la prima ad essere coronata con tetto spiovente tra il 1624 ed il 1625 da Bazhen Ogurtsov e Christopher Galloway (quest'ultimo, scozzese, oltre che architetto era anche orologiaio). Secondo numerose testimonianze storiche, l'orologio visibile sulla torre è stato installato in un periodo antecedente al 1585. È spesso semplicemente indicato come l'Orologio del Cremlino (in russo: Кремлёвские куранты?).

Nel 1935, fu posizionata una stella rossa sulla sommità della torre. Inclusa la stella, l'altezza raggiunta dalla torre Spasskaja è di 71 metri.

Coordinate geografiche: 55°45′09.16″N 37°37′17.13″E / 55.752544°N 37.621425°E55.752544; 37.621425 (Spasskaya Tower).

Torre Senatskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Senatskaja
La torre Senatskaja

La torre Senatskaja (in russo: Сенатская башня?) fu costruita nel 1491 da Pietro Antonio Solari con funzioni puramente difensive: protegge infatti il Cremlino dal lato della Piazza Rossa. A lungo rimase senza nome: fu solo nel 1787 - in corrispondenza con la costruzione del Senato del Cremlino ad opera di Matvei Kazakov (in russo: Матве́й Фёдорович Казако́в?) - che ricevette l'attuale denominazione. All'interno, nel corpo centrale della torre si trovano tre livelli di stanze voltate. Nel 1860 il tetto piano della torre fu sormontato con un tetto a spioventi coronato da una banderuola dorata. La torre raggiunge l'altezza di 34,3 m.

Coordinate geografiche: 55°45′12.42″N 37°37′10.37″E / 55.753449°N 37.619548°E55.753449; 37.619548 (Senatskaya Tower).

Torre Nikol'skaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Nikol'skaja
La torre Nikol'skaja

La torre Nikol'skaja (in russo: Никольская башня?), una delle torri del Cremlino di Mosca attraversate da un passaggio, si trova nella porzione orientale delle mura. Vicina al Museo Storico di Stato, domina la Piazza Rossa. La torre fu costruita nel 1491 ad opera dell'architetto Pietro Antonio Solari. Deve il proprio nome al Monastero Greco di Nikolaevsky (Nikolsky), non più presente in loco. Nel 1806 la torre fu ricostruita secondo caratteri neogotici dall'architetto Carlo Rossi. Nel 1812 la sommità della torre fu distrutta dalle truppe napoleoniche in ritirata; il restauro fu curato nel 1816 da Osip Bove. Fu nuovamente danneggiata in maniera grave dal fuoco d'artiglieria durante la Rivoluzione d'Ottobre nel 1917 e successivamente restaurata da Nikolai Markovnikov (in russo: Николай Владимирович Марковников?). Nel 1935 fu installata sulla sommità della torre una stella rossa. Inclusa la stella, la torre è alta 70,4 m.

Coordinate geografiche: 55°45′15.92″N 37°37′03.77″E / 55.754421°N 37.617713°E55.754421; 37.617713 (Nikolskaya Tower).

Torre Arsenal'naja angolare[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Arsenal'naja angolare
La torre Arsenal'naja angolare

La torre Arsenal'naja angolare (in russo: Арсенальная Угловая башня?) fu costruita nel 1492 dall'architetto Pietro Antonio Solari, noto in Russia come Petr Frjazin (in russo: Пётр Фрязин?). La costruzione di tale torre permise di completare la linea difensiva del Cremlino dalla parte della Piazza Rossa. Fu chiamata a lungo Torre Sobakin, fino agli inizi del XVIII secolo, in onore del boiardo Sobakin, la cui casa era costruita nelle adiacenze all'interno della cinta muraria. La definizione di Torre Arsenal'naja angolare deriva naturalmente dalla costruzione dell'Arsenale del Cremlino di Mosca. La torre tuttora è dotata di un pozzo d'acqua segreto. Nel 1707, in seguito alla minaccia di un'invasione svedese, le bocche da fuoco della torre furono allargate al fine di poter ospitare artiglieria pesante. Nel 1812, anche la torre Arsenal'naja angolare fu danneggiatta dalle truppe napoleoniche. Fu ristrutturata tra il 1816 ed il 1819 da Osip Bove. La torre è alta più di 60 m.

Coordinate geografiche: 55°45′18.4″N 37°36′59.29″E / 55.75511°N 37.616469°E55.75511; 37.616469 (Corner Arsenalnaya Tower).

Torre Arsenal'naja mediana[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Arsenal'naja mediana
La torre Arsenal'naja mediana

La torre Arsenal'naja mediana (in russo: Средняя Арсенальная башня?) fu costruita nel 1495. È situata nella zona settentrionale delle mura del Cremlino e domina i Giardini di Alessandro. È situata sul sito che ospitava una precedente torre d'angolo risalente al regno di Dimitri di Russia. Ottiene l'attuale denominazione dopo il completamento dell'Arsenale del Cremlino di Mosca verso la metà del XVIII secolo. Originariamente era invece chiamata la Torre sfaccettata proprio a causa del suo aspetto esteriore. Nel 1680, fu aggiunto alla torre un posto di osservazione dotato di un piccolo tetto piramidale. Nel 1821, quando furono sistemati i Giardini di Alessandro, fu sistemata ai piedi della torre una grotta artificiale, disegnata da Osip Bove.

Coordinate geografiche: 55°45′13.2″N 37°36′55.89″E / 55.753667°N 37.615525°E55.753667; 37.615525 (Middle Arsenalnaya Tower).

Torre Troickaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Troickaja
La torre Troickaja

La torre Troickaja (in russo: Троицкая башня?) è una torre attraversabile posta al centro delle mura nordoccidentali del Cremlino di Mosca, rivolta verso i Giardini di Alessandro. La torre fu costruita tra il 1495 ed il 1499 dall'architetto italiano Aloisio da Milano, noto in Russia come Aleviz Friazin (in russo: Алевиз Фрязин Старый?). Ebbe numerose denominazioni durante i secoli, tra cui Rizopoloženskaja, Znamenskaja e Karetnaja. L'attuale denominazione però risale al 1658 dalla Troickaja, il coaching inn (in russo: Троицкое подворье?) interno al Cremlino. Il basamento a due livelli ospitò una prigione durante il XVI ed il XVII secolo. Il ponte Troitskij, protetto dalla torre Kutaf'ja, conduce fino alle porte della torre. Tra il 1585 ed il 1812 vi fu anche posizionato un orologio sulla sommità. Nel 1707, per timore di un'invasione da parte degli svedesi, le feritoie della torre Troickaja furono allargate, al fine di poter permetter il tiro a cannoni di dimensioni maggiori. Nel 1935, i sovietici installarono una stella rossa sulla sommità della torre.

La torre Troickaja è anche la torre più alta del Cremlino. La sua altezza attuale verso i Giardini di Alessandro è - inclusa la stella - di 80 m. Attualmente, le porte della torre rappresentano il principale ingresso per i visitatori del Cremlino.

Coordinate geografiche: 55°45′08.05″N 37°36′52.57″E / 55.752236°N 37.614602°E55.752236; 37.614602 (Troitskaya Tower)

Torre Kutaf'ja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Kutaf'ja
La torre Kutaf'ja

La torre Kutaf'ja (in russo: Кутафья башня?) è una torre-barbacane avanzata. Fu costruita agli inizi del XVI secolo per proteggere il ponte sulla Neglinnaya che conduce alla torre Troickaja. La torre si sviluppava su due livelli (il divisorio tra i quali fu abbattuto nel 1780): il piano superiore era dotato di aperture per poter colpire il nemico ai piedi della torre. Un elegante coronamento in barocco elisabettiano fu aggiunto nel 1685. Inizialmente la torre era circondata da un fossato con ponti levatoi in grado di condurre alle porte laterali. Un attraversamento verso via Manežnaja fu successivamente aperto ne 1867. In contemporanea, vennero costruite delle aperture arcuate ai lati e una guardiola sul lato sud che sarebbero poi state smantellate durante i restauri del 1974-1977. L'altezza raggiunta dalla torre è di 13,5 m.

Coordinate geografiche: 55°45′09.05″N 37°36′45.54″E / 55.752514°N 37.612649°E55.752514; 37.612649 (Kutafya Tower).

Torre Komendantskaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Komendantskaja
La torre Komendantskaja

La torre Komendantskaja (in russo: Комендантская башня?) fu completata nel 1495. Era in origine chiamata Kolymazhnaya, traendo spunto dallo spiazzo in cui le carrozze del Cremlino di Mosca venivano ospitate. Assunse l'attuale denominazione - che significa Torre del Comandante, durante il XIX secolo, quando il comandante della città prese a risiedere nel Palazzo dei Divertimenti. Come tutte le torri del Cremlino, fu coperta con un tetto a spioventi ed una torretta d'osservazione tra il 1676 ed il 1686. L'altezza della torre sul lato esterno - rivolto verso i Giardini di Alessandro - è di 41,25 m.

Coordinate geografiche: 55°45′02.07″N 37°36′48.66″E / 55.750575°N 37.613518°E55.750575; 37.613518 (Komendantskaya Tower).

Torre Oružejnaja[modifica | modifica sorgente]

Ubicazione della torre Oružejnaja
La torre Oružejnaja

La torre Oružejnaja (in russo: Оружейная башня?, Torre dell'Armeria) fu costruita nel 1495. L'attuale denominazione risale al XIX secolo, in seguito alla costruzione dell'attuale Palazzo dell'Armeria. In precedenza era nota come Torre Konjušennaja (in russo: Конюшенная башня?), in riferimento alle scuderie reali ubicate nelle vicinanze della torre stessa.

Coordinate geografiche: 55°44′57.94″N 37°36′45.77″E / 55.749428°N 37.612714°E55.749428; 37.612714 (Oruzheynaya Tower).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]