Basilio III di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vasilij III Ivanovič

Vasilij III Ivanovič (in russo: Василий III Иванович?; 25 marzo 14793 dicembre 1533) ricoprì la carica Gran Duca di tutte le Russie dal 1505 al 1533. Figlio di Ivan III e Sophia Paleologa.

Basilio III continua la politica del padre e dedica la maggior parte dei suoi sforzi al consolidamento delle annessioni di Ivan III. Annette le ultime realtà ancora autonome: la repubblica di Pskov nel 1510, le tenute principesche (appannaggi) di Volokalamsk nel 1513, il principato di Rjazan' nel 1521, il Principato di Novgorod e Severskij nel 1522.

In politica interna Basilio III cerca l'appoggio della Chiesa nella lotta contro l'opposizione feudale. Nel 1521 il metropolita Varlaam è mandato in esilio a causa del suo rifiuto di partecipare alla lotta di Basilio contro il principe (titolare di un appannaggio) Basilio Ivanovič Šemjačič.

Al culmine dello scontro altri boiari tra cui Basilio Šujskij e Ivan Vorotynskij subiscono anch'essi l'esilio. Ivan III, nel 1525, fa giustiziare il diplomatico e uomo di stato Ivan Bersen-Beklemišev colpevole di aver apertamente criticato la sua politica. A questa seguono, tra il 1525 ed il 1531 altre condanne a morte tra le quali quelle dello scrittore Maksim Grek e dello statista Vassian Patrikeev.

Durante il regno di Basilio III aumenta l'importanza della piccola nobiltà a scapito delle immunità e dei privilegi dei boiari. La politica estera di Basilio III è incentrata sull' espansione della Moscovia verso ovest e sud-ovest e comporta sia lo scontro con il Khanato di Crimea ed il Khanato di Kazan che le guerre con il Granducato di Lituania (15071508) e (15121522), come risultato di queste guerre la Moscovia si annette il principato di Smolensk nel 1514.

Basilio III è anche ricordato come il costruttore di numerose chiese ed edifici religiosi, tra i quali il Convento di Novodevičij.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Gran Duca di tutte le Russie Successore
Ivan III dal 1505 al 1533 Ivan IV

Controllo di autorità VIAF: 58482034 LCCN: n2005016814