Basilio II di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Monarca}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Basilio II di Russia (in russo: Василий II Васильевич Тёмный?, traslitterato: Vasilij II Vasil'evič Tëmnyj /va'si:lij va'silʲjiviʧ 'tʲɔmnɨj/); 14151462) fu Gran Principe di Mosca tra alterne fasi dal 1425 alla morte nel 1462. Il suo regno fu caratterizzato da una fase di torbidi, che contrappose Basilio a suo zio Jurij Dmitr'evič (principe di Galič), pretendente al trono di Mosca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Icona della Vergine Bogolubskaya con il metropolita Giona da sinistra, Basilio al centro e il figlio Ivan a destra che le rendono omaggio (XVI secolo).

Malgrado il regno di Basilio II sia travagliato dalla guerra civile, il potere del Granducato di Mosca continuò ad accrescersi sotto di lui. Basilio II fu per lungo tempo in guerra contro una coalizione di principi guidata da suo zio Jurij Dmitr'evič e dai due cugini Basilio Kosoj e Dmitrij Dmitr'evič, per il controllo del Principato.

Per Basilio II la situazione era complicata dal contemporaneo confronto con il Khanato di Kazan' ed il Granducato di Lituania. Per due volte Basilio II perse il controllo del trono ed in una di queste venne anche accecato ed imprigionato dal cugino Dmitrij a Radonez (secondo una consuetudine tipicamente bizantina). Nel 1450 comunque Basilio II riportò una vittoria definitiva che mise fine al principio della successione collaterale.

In seguito alla guerra civile tutte le signorie con lo status di "appannaggi" all'interno del Granducato di Mosca vennero soppressi, rafforzando così l'autorità del Principe. Le campagne militari di Vassili negli anni che vanno dal 1441 al 1460 comportarono l'annessione dei principati di Suzdal, Nižnyj Novgorod, Novgorod, Pskov e Vjatka.

Un evento di importanza storica legato al regno di Basilio II è il rifiuto delle decisioni del Concilio di Firenze in cui il Patriarca di Costantinopoli decise di riconoscere la supremazia del Papa. Con un decreto del 1448 Basilio elevava il vescovo Jonah a metropolita di Russia con una implicita dichiarazione di indipendenza della Chiesa ortodossa russa nei confronti del Patriarca di Costantinopoli. Tale decisione determinò un ulteriore rafforzamento della Moscovia sulla scena internazionale.

Il regno di Basilio II conobbe inoltre il collasso dell'Orda d'Oro che si divide in tre piccoli khanati. Anche se questo non significò ancora la fine definitiva del controllo mongolo sulla Russia, tali eventi condussero a un ridimensionamento del condizionamento tataro sul Principato di Mosca.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran Principe di Mosca Successore
Basilio I 1425-1462 Ivan III

Controllo di autorità VIAF: 41132677 LCCN: n97110597