Fars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Regione di Fars
regione
استان فارس
Localizzazione
Stato Iran Iran
Amministrazione
Capoluogo Shiraz
Territorio
Coordinate
del capoluogo
29°36′36″N 52°31′48″E / 29.61°N 52.53°E29.61; 52.53 (Regione di Fars)Coordinate: 29°36′36″N 52°31′48″E / 29.61°N 52.53°E29.61; 52.53 (Regione di Fars)
Superficie 121 825 km²
Abitanti 4 220 721[1] (2006)
Densità 34,65 ab./km²
Province 27
Altre informazioni
Fuso orario UTC+3:30
ISO 3166-2 IR-14
Cartografia

Regione di Fars – Localizzazione

Fars (persiano: فارس, Fārs) è una delle trentuno regioni dell'Iran. Si trova nel sud del Paese ed ha per capoluogo Shiraz. Copre una superficie di 122.400 km². Nel 1996 la regione contava circa 3.800.000 abitanti, dei quali il 58% inurbati.

Il Fars fu la sede originaria del popolo persiano e, in assoluto, una delle più ricche e meglio organizzate province del Califfato dei Rashidun, di quello omayyade e di quello abbaside.
La lingua dell'Iran, il Fārsi, prende il suo nome da questa regione. Anche l'antico nome del Paese, Persia, deriva dalla forma greca, Persis, del nome originario della provincia Pārsā.

Geografia e clima[modifica | modifica wikitesto]

Le province della regione di Fars

I monti Zagros, che si estendono da nordovest a sudest, dividono la regione in due distinte regioni geografiche, entrambe montuose. La regione è divisa nelle seguenti 27 province:

Il clima è freddo in inverno e tiepido in estate sulle montagne del nordovest, mentre inverni miti e piovosi ed estati calde e secche si hanno nella zona centrale. Nel sudest, infine, si hanno inverni temperati ed estati torride. La temperatuta media annuale di Shiraz è 16,8 °C, quella di gennaio 4,7 °C e di luglio 29,2 °C.

Storia e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Culla della civiltà e della cultura persiane, il Fars fu il centro dell'immenso impero achemenide, il primo impero persiano. Anche la dinastia sasanide fondata da Ardashir I ebbe sede nella provincia.

Le rovine di Persepoli, distrutta e incendiata da Alessandro Magno.

Durante la conquista araba, il Fars fu una delle regioni che resistette più strenuamente. Si arrese, infine, come il resto del Paese ai nuovi dominatori.

In epoca islamica la provincia passò da una dinastia all'altra, da quella saffaride (IX secolo) a quella buwaihide (934-1062), da quella selgiuchide (XII secolo) a quella muzaffaride (XIV secolo), per essere infine sottomessa dai Safavidi ai primi del XVI secolo.

La posizione geografica, in prossimità del Golfo Persico, e la natura del territorio ha reso il Fars un luogo di stanziamento per diversi popoli provenienti da altre regioni, come Arabi, Turchi e, ovviamente, Iranici. Tuttavia la capacità delle originarie tribù del Fars di conservare l'unità della cultura e del proprio stile di vita costituisce parte di quell'eredità culturale iraniana che attrae i visitatori.

Fars oggi[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto di Shiraz è il maggiore della regione. Le città di Lar e Lamerd hanno anch'esse aeroporti che le collegano a Shiraz, Tehran e ai Paesi del Golfo Persico come Emirati Arabi Uniti e Bahrain. Shiraz si trova lungo la strada principale da Tehran al sud dell'Iran.

I principali prodotti agricoli della regione sono cereali (frumento e orzo), agrumi, datteri, barbabietole da zucchero e cotone.

Industrie: petrolchimica, raffinerie di petrolio, produzione di pneumatici, elettronica e zuccherifici.

Il turismo è un settore importante dell'economia di Fars, come quello dell'artigianto: lavorazione dell'argento e ricamo a Shiraz, tessitura a Abadeh, ceramica a Estahban; fabbricazione di vari tipi di tappeti, jajim (lana e cotone) e kelim (pelo di capra) a Firuzabad.

Notabili di Fars[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stima World Gazetteer
  2. ^ Nezameddin Faghih
  3. ^ Nezameddin Faghih Books

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Iran Portale Iran: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Iran