Erich Mielke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erich Fritz Emil Mielke

Erich Fritz Emil Mielke (Berlino, 28 dicembre 1907Berlino, 21 maggio 2000) è stato un ufficiale tedesco, famoso per essere uno dei fondatori della Stasi e suo ministro dal 1957 al 1989.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iscritto al Partito Comunista (KPD) nel 1921, si trasferì a Mosca all'inizio degli anni trenta dove frequentò la scuola Lenin. Perseguitato dal nascente regime nazista, si recò come volontario in Spagna (guerra civile del 1936/37) arruolandosi nelle Brigate Internazionali (11ª Brigata Thalmann) con le quali combatté su vari fronti. Durante la seconda guerra mondiale visse in Belgio e in Francia. Nel 1945, ritornato nella zona orientale della Germania occupata dai sovietici lavorò insieme a Wilhelm Zaisser alla creazione del "Commissariato 5" (Kommissariat 5 o K-5), istituzione di polizia dalla quale prenderà vita di lì a poco la Stasi.

Rapida la sua ascesa: nel 1946 grazie all'esperienza politico-militare maturata durante la sua militanza nelle Brigate Internazionali divenne il responsabile per la scelta e l'addestramento dell'intero corpo di polizia e dal 1950 al 1957 fu Segretario di stato della Stasi, di cui nel 1957 divenne ministro. Solamente con il ritiro del Consiglio dei ministri il 7 novembre 1989 Mielke abbandonò la guida del ministero della sicurezza di stato.

Venne arrestato l'8 dicembre dello stesso anno, ma rilasciato dopo pochi mesi per motivi di salute. Mielke fu condannato nel 1993 per aver partecipato all'assassinio di due poliziotti nel 1931, ma i processi per le responsabilità in quanto ministro della Stasi furono sospesi. Infatti nell'agosto del 1998 si decise l'interruzione di tutte le procedure a causa delle precarie condizioni di salute di Mielke. Il 21 maggio 2000 morì in una casa di cura a Berlino. Fu seppellito segretamente nel cimitero d'onore dei funzionari della DDR.

Costruzione della Germania Est[modifica | modifica sorgente]

Cella d'isolamento della Stasi, Berlin-Hohenschönhausen Memorial

Nel 1945 Mielke fece ritorno in Germania, da parte delle autorità sovietiche, come ispettore di polizia, con l'incarico di costruire una forza di sicurezza che garantisse il dominio del partito comunista nella zona di occupazione sovietica della Germania. Mielke fu un protetto del Generale del NKGB Ivan Serov, che aveva il quartier generale nel sobborgo berlinese di Karlshorst. Il 16 agosto 1947, Serov ordinò la creazione del Kommissariat 5, la prima polizia politica tedesca dopo la caduta della Germania Nazista.[1] Wilhelm Zaisser fu nominato capo dell'organizzazione e Mielke suo vice.


Mandato a Capo della Stasi[modifica | modifica sorgente]

Mielke riceve il premio da Honecker

Mielke diresse la Stasi dal 1957 fino alla caduta del Muro di Berlino nel 1989. La sua rete di 85.000 spie nazionali a tempo pieno e 170.000 informatori 'volontari' teneva sotto controllo milioni di persone. Molte persone hanno collaborato con la Stasi che quando sono stati aperti i files, si è scoperto che in ogni edificio pubblico, almeno uno dei suoi membri teneva informata la Stasi su ciò che avveniva al suo interno. Sotto i suoi ordini e con la piena conoscenza, molti ufficiali della Stasi effettuavano arresti illegali, rapimenti, brutali persecuzioni dei dissidenti politici e imprigionamenti disumani di milioni di cittadini. Sotto la sua personale responsabilità l'MfS lanciò dei contrattacchi della Stasi contro il dissidente Rudolf Bahro e il libro Die Alternative: Zur Kritik des 'real existierenden Sozialismus' e verso coloro che hanno sostenuto e pubblicato il suo lavoro. Mielke fu uno dei più potenti – e maggiormente odiati – uomini della Germania Est, temuto anche dai membri del suo stesso Ministero.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Veterano delle Brigate Internazionali 'Difensore di Madrid'

Ordine di Karl Marx - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx
— 1973
Ordine di Karl Marx - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx
— 1977
Ordine di Karl Marx - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx
— 1982
Ordine di Karl Marx - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx
— 1987

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Koehler, The Stasi, page 52.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10645774 LCCN: n88239059