Battaglia di Madrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Madrid
Data Assalto Nazionalista:
8 novembre 1936 - inizi di dicembre 1936
Assedio:
novembre 1936 - 28 marzo 1939
Luogo Madrid
Esito Vittoria nazionalista
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
42.000 20.000
Perdite
5.000 tra morti e feriti 5.000 tra morti e feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Si definisce battaglia di Madrid o assedio di Madrid una serie di episodi di guerra avvenuti a Madrid dal novembre 1936 al 28 marzo 1939 durante la guerra civile spagnola.

L'insurrezione a Madrid[modifica | modifica sorgente]

La guerra civile spagnola ha avuto inizio con un fallito colpo di stato contro il Frente popular guidato da ufficiali di destra. Il governo centrale, sicuro di poter riconquistare la fiducia dell'esercito, non accettò l'aiuto dei miliziani socialisti della Confederación Nacional del Trabajo e degli anarchici, che percepivano la guerra come una rivoluzione sociale. Il 18 luglio, il governo centrale spedì a Siviglia una guarnigione della Guardia Civil per contrastare la rivolta, ma le guardie disertarono e si unirono ai ribelli.

Molto in ritardo rispetto agli avvenimenti del resto della Spagna il 19 luglio insorse anche la caserma Montaña di Madrid. Gli insorti, conscì di non poter prendere Madrid, prevedevano una azione di resistenza fino all'arrivo delle truppe del generale Emilio Mola[1][2], ciononostante i preparativi furono pochi[3]. Il comando dell'insurrezione fu preso nel pomeriggio dal generale Joaquín Fanjul, comandante della guarnigione militare, dopo che il generale designato Villegas all'ultimo momento aveva desistito[4]. Nel frattempo numerosi ufficiali provenienti da altre caserme e falangisti erano affluiti alla caserma Montaña. Tuttavia, quando Fanjul cercò di uscire fuori dalla caserma per un atto più dimostrativo che per una vera azione bellica[5], i suoi 2.500 soldati furono costretti ad indietreggiare da una folla ostile di sindacalisti armati della socialista Unión General de Trabajadores e dell'anarchica Confederación Nacional del Trabajo[6]. Vi furono subito brevi scambi di fucileria[7] ma poi fino al mattino successivo la situazione rimase di tranquilla[8][9]. Nella notte nella stessa Madrid i partiti di sinistra assunsero il controllo completo della città e circa cinquanta chiese furono incendiate[10].

Il 20 luglio, si erano raggruppati nei pressi della caserma circa 10.000 uomini tra lavoratori e asaltos leali al governo. Contro la caserma furono impiegati oltre a due cannoni Schneider da 75[11] anche l'aviazione[12][13]. Trovatasi isolata la guarnigione riuscì a comunicare con le altre caserme soltanto ricorrendo a segnali dall'alto dei tetti[14] con cui Fanjul richiese al generale Garcia de la Herran di inviare truppe di soccorso.

I combattimenti furono caotici, e nella confusione alcuni soldati all'interno della caserma desiderosi di arrendersi, esposero la bandiera bianca, ma gli assedianti fattisi avanti per ricevere la resa furono falciati dalle mitragliatrici[15][16][17]. Detto incidente è da imputarsi alla confusione che regnava all'interno della caserma piuttosto che ad una azione premeditata[18]. La caserma venne espugnata quando verso mezzogiorno gli asaltos con uno dei pezzi di artiglieria da 75 millimetri abbatterono la porta principale. Un agente degli asaltos, un sergente del genio, riuscì ad penetrare nella caserma dal portone ma venne subito falciato; la sua azione tuttavia permise ai repubblicani di entrare nella caserma. Dopo l'irruzione dei repubblicani, moltissimi militari e quasi tutti gli ufficiali furono massacrati dalla folla degli assedianti[19][20][21], mentre i pochi superstiti furono fatti prigionieri e trasferiti al carcere Modello. Tra questi Fanjul che fu trovato gravemente ferito alla testa[22]. In breve quasi tutte le guarnigioni di Madrid caddero e lo stesso generale De la Herran fu ucciso dai propri uomini. Gli ufficiali ribelli della caserma del Pardo invece si salvarono perché uscirono in strada diretti a nord dichiarando l'intenzione di combattere le truppe di Emilio Mola. Alla guarnigione si accodò anche il figlio di Francisco Largo Caballero che fu quindi preso prigioniero[23].

Le settimane che seguirono la sollevazione di luglio, videro numerosi scontri tra i repubblicani e i nazionalisti. Il 23 agosto, in seguito alla notizia che avrebbero tentato una fuga[24], settanta prigionieri del carcere di Modello furono massacrati in parte come ritorsione per gli eccidi avvenuti al termine della battaglia di Badajoz[25]. L'eccidio avvenuto a Madrid sconvolse il presidente della repubblica Manuel Azaña[26].

Successivamente, e per tutto il resto della guerra, Madrid restò in mani repubblicane. Tuttavia, tra i madrileni c'era un significativo numero di simpatizzanti della destra. Circa 20.000 madrileni fuggirono dalla città o cercarono rifugio nelle ambasciate straniere, specialmente in quella tedesca e quella italiana.

La marcia su Madrid[modifica | modifica sorgente]

La strategia iniziale dei militari era quella di assumere il potere in tutto il paese, secondo le modalità del Pronunciamiento, un colpo di Stato militare del XIX secolo. Tuttavia, la resistenza al golpe franchista, trasformò il colpo di Stato in una guerra civile. Franco stesso era sbarcato, proveniente dall'Algeria, nel Sud della Spagna, con le truppe coloniali dell'Esercito d'Africa. Il generale Mola, che era stato al comando delle truppe coloniali, della Legione straniera e della falange sollevò le truppe nel Nord. Insieme, concordarono un piano per prendere Madrid: L'Esercito africano sarebbe avanzato da sud, le truppe di Mola da Nord. Il Generalissimo e il generale Yague, con la copertura aerea dall'aviazione nazista, iniziarono a marciare verso Madrid. Yague avrebbe voluto puntare dritto verso Madrid, ma Franco preferì soccorrere le truppe franchiste impegnate nell'Assedio dell'Alcázar di Toledo. Questa deviazione fece perdere ai nazionalisti un mese, dando ai repubblicani il tempo necessario per preparare la difesa della capitale.

Nel frattempo, a Madrid, era stato formato un nuovo esecutivo repubblicano, con a capo il leader socialista Francisco Largo Caballero. Caballero incluse nel governo 6 ministri socialisti, 2 comunisti, 2 del Partito della Sinistra Repubblicana, 1 del catalano Partito della Sinistra e 1 nazionalista basco. Anche se i comunisti sono stati una minoranza nel governo, hanno guadagnato influenza attraverso i loro contatti con l'Unione Sovietica e con gli stranieri volontari delle Brigate internazionali. Comandante militare repubblicano a Madrid, era nominalmente il generale spagnolo Jose Miaja, anche se gli ufficiali sovietici furono più influenti di quelli spagnoli: il generale Goriev era il comandante della spedizione, Smushkevic controllatava le forze aeree e il generale Pavlov comandava le forze blindate. Nonostante gli aiuti sovietici, la maggior parte dei difensori repubblicani di Madrid (c.90%) erano miliziani dei partiti politici o dei sindacati di sinistra, tanto che il governo centrale aveva poco potere sulle milizie ad inizio della guerra.

Dall'altro lato, sia la Germania nazista e sia l'Italia fascista rifornirono Franco con unità aeree e corazzate per il suo attacco a Madrid. I nazionalisti si avvicinarono a Madrid all'inizio di novembre 1936 da nord (lungo la Strada La Coruña-Estremadura) . Il 29 ottobre, i nazionalisti attaccarono il 5 °(comunista) a Parla. Il 2 novembre, i nazionalisti conquistarono Brunete, durante l'omonima battaglia, ponendo le loro truppe alla periferia occidentale di Madrid. Mola, interpellato da un giornalista inglese, disse che avrebbe preso Madrid con le sue quattro colonne dall'esterno della città e con la sua "quinta colonna" - composta da simpatizzanti di destra - dall'interno della città stessa. Il termine "quinta colonna" divenne sinonimo di spie e traditori sul lato repubblicano, e la paranoia portò ad una strage di prigionieri nazionalisti durante battaglia. Il governo repubblicano di Caballero, credendo che ormai Madrid era sul punto di cadere, trasferì, il 6 novembre, il governo a Valencia. Il generale Miaja con altri leader politici rimasti in città, costituì la Junta de Defensa de Madrid, (Comitato per la difesa di Madrid), per organizzare il fronte repubblicano di difesa.

Tuttavia, il tentativo nazionalista di catturare Madrid ha avuto gravi lacune dal punto di vista tattico. Da un lato, gli attaccanti erano in rapporto di uno a due rispetto ai difensori (anche se i nazionalisti sono stati di gran lunga meglio armati e con migliore formazione), dall' altro furono incapaci di tagliar fuori Madrid dalle vie di comunicazioni e di rifornimenti

Battaglia di Madrid[modifica | modifica sorgente]

Preparativi[modifica | modifica sorgente]

I repubblicani ebbero un vantaggio geografico nella difesa di Madrid: il fiume Manzanarre, che separava i nazionalisti dal centro della città, rappresentava un formidabile ostacolo fisico. Mola prevedeva il suo attacco su Madrid l'8 novembre 1936, con un attacco attraverso il parco di Casa de Campo (su un fronte di solo 1 km di larghezza) per cercare di evitare la lotta strada per strada, essendo il parco in aperta campagna e di fronte al fiume. L'intenzione iniziale di Mola era quella di prendere la città universitaria, appena a nord del centro della città, istituendo una testa di ponte sul fiume Manzanarre. Il primo attacco venne lanciato contro il quartiere operaio di Carabanchel, a sud-ovest del centro della città. Tuttavia, il 7 novembre, i repubblicani avevano catturato i piani di attacco di un ufficiale nazionalista e, pertanto, furono in grado di concentrare le loro truppe nella Casa de Campo e di respingere l'attacco franchista.

Attacco Iniziale[modifica | modifica sorgente]

Mola attaccò l'8 novembre con 20.000 soldati, per lo più truppe regolari marocchine, sostenuta dai carri armati italiani e dai Panzer I tedeschi comandanti da Wilhelm von Thoma. La Legione Condor tedesca, inoltre, fornì supporto aereo all'azione. La truppe regolari ruppero le linee fisse con le baionette e forzarono una barricata all'incrocio del corso del fiume per arrivare all'ambito obiettivo dell'offensiva, il carcere di Modello.

I repubblicani avevano schierato a Carabanchel tra i 12.000 e 30.000 miliziani. Nonostante la loro superiorità numerica, le truppe erano molto mal equipaggiate, con armi di piccolo calibro, e fucili con solo dieci colpi a testa. Inoltre, la maggior parte di loro non era stata addestrata all'uso di armi, per non parlare dell'esperienza nel combattere. Tuttavia, riuscirono a tenere testa ai nazionalisti nell'attacco a Casa de Campo, ma data l'impossibiltà di resistere il generale Miaja stesso, pistola alla mano, ordinò la ritirata delle truppe, che si rifiutarono di seguirlo preferendo morire in trincea piuttosto che fuggire come codardi.

Durante tutta la giornata, la radio invitò la città a mobilitarsi e il fronte, ripetendo a rotazione lo slogan "No Pasarán!"

Nella tarda serata, arrivò a Madrid la prima Brigata internazionale, la XI con 1900 uomini. Anche se numericamente piccola, venne schierata immediatamente come forza di soccorso. L'arrivo della brigata fu di aiuto morale per i difensori di Madrid. I volontari delle truppe straniere, benché fossero una miscela di tedeschi, francesi e altre nazionalità, vennero chiamate 'russi', per il riconoscimento del grande ruolo che l'Unione Sovietica aveva svolto nell'organizzare la maggior parte delle brigate.

Arresto e contro-attacchi[modifica | modifica sorgente]

I nazionalisti, pur avendo sconfitto le truppe repubblicane, non riuscirono ad avanzare seguendo i piani di Mola. Il 9 novembre, provarono un nuovo attacco a Carabanchel. L'attacco si rivelò un fallimento: la forza delle truppe marocchine era efficace nei combattimenti in aperta campagna, mentre nei combattimenti urbani il loro potenziale diminuiva notevolmente, considerando anche il fatto che le truppe repubblicane conoscevano alla perfezione il territorio.

La sera del 9 novembre, il generale Kléber lanciò un'offensiva contro la XI Brigata Internazionale a Casa de Campo, che durò per tutta la notte e parte della mattina seguente. Alla fine della lotta, le truppe nazionaliste furono costrette alla ritirata, abbandonando tutte le speranze di un assalto diretto a Madrid attraverso la Casa de Campo, mentre la Brigata XI perse nell'azione un terzo dei suoi uomini. Nel frattempo, le truppe repubblicane controattaccarono lungo tutto il fronte di Madrid.

Il 10, 4000 miliziani repubblicani anarchici del CNT, guidati da Buenaventura Durruti (che mori il 20 novembre nel corso dell'assedio) , arrivarono a rinforzare le truppe madrilene dal fronte aragonanese.

L'11 novembre, un massacro avvenne sul lato repubblicano, quando 1029 nazionalisti prigionieri detenuti nel carcere di Modello vennero uccisi nella valle Jarama dal 5º reggimento repubblicano, in quanto considerati appartenenti alla "Quinta colonna". È stato sostenuto che le uccisioni sono state ordinate dal leader comunista Santiago Carrillo, ma ciò non è mai stato dimostrato. Secondo Anthony Beevor, l'ordine del massacro venne da José Cazorla, vice di Carrillo, o dall'ufficiale sovietico Koltsov. L'atrocità venne condannata anche dal responsabile anarchico dei prigionieri, Melchor Rodríguez.

Il 12, arrivò in città la XII Brigata Internazionale, al comando del generale Mate "Lukacs" Zalka (composto da tedeschi, scandinavi, francesi, belgi ed italiani), che lanciò un attacco ai nazionalisti sulla collina del Cerro de los Ángeles, a sud della città, per conquistare la strada che da Madrid portava a Valencia. L'attacco fallì a causa di problemi di lingua e di comunicazione e da un insufficiente sostegno di artiglieria.

Ultimo attacco[modifica | modifica sorgente]

Il 19 i nazionalisti iniziarono il loro attacco finale, con la copertura di un pesante bombardamento di artiglieria, legionari e truppe marocchine ingaggiarono un conflitto con i repubblicani nella zona dell'Università. Mentre avanzavano, i franchisti riuscirono a stabilire un avamposto sul Manzanarre.

Nonostante la ferocia degli attacchi, la XI Brigata Internazionale e le unità repubblicane opposero un'inaspettata resistenza alle truppe franchiste. I franchisti riuscirono sì a conquistare tre quarti della zona universitaria, ma non riuscirono a proseguire oltre. Franco ordinò di mantenere le posizioni per evitare altre perdite di militari. Tuttavia, il raggiungimento di quell'avamposto sarà decisivo per le sorti della battaglia.

Attacchi aerei[modifica | modifica sorgente]

Un bombardiere italiano Savoia-Marchetti S.M.81 scortato da caccia Fiat C.R.32, bombarda Madrid nel novembre 1936

Avendo arrestato l'avanzata su Madrid, Franco ordinò un sistematico bombardamento sulle zone residenziali della città, eccezion fatta per il quartiere di Salamanca, ritenuto un quartiere fortemente nazionalista, con l'intenzione di terrorizzare i madrileni e convincerli ad arrendersi. A tal proposito, viene citata una frase di Franco:

« Preferisco distruggere Madrid che lasciarla in mano ai marxisti »

Probabilmente questa tattica fu controproducente per Franco: da una parte si alineò la fiducia da parte della popolazione di Madrid e dall'altro venne fortemente criticato dai giornalisti stranieri, tra i quali Ernest Hemingway, per il bombardamento di civili (uno dei primi nella storia della guerra). Il numero delle vittime del bombardamento aereo sembra esser stato tuttavia relativamente basso. Non vi è alcuna cifra definitiva; tuttavia secondo Hugh Thomas, il numero di morti è stato di circa 200.

Stabilizzazione del fronte[modifica | modifica sorgente]

La battaglia si stabilizzò nel mese di dicembre, con entrambi le parti a corto di rifornimenti. La prima linea nazionalista si stabilizzò dal Manzanarre fino alla città universitaria, passando per la Casa de Campo e la zona limitrofa a Carabanchel. La città venne sopposta a sporadici tiri di artiglieria e a bombardamenti aerei, che si fecero sempre più rari con l'arrivare dell'inverno. L'UGT nascose gli armamenti nei tunnel della metro della città, per essere utilizzati in caso di assedio. Franco cercò di tagliare la strada per La Coruña, a nord est di Madrid, come primo passo per circondare la città. Ma la battaglia di La Coruña finì in una situazione di stallo.

Le vittime della battaglia di Madrid non sono mai state accuratamente conteggiate, ma lo storico Hugh Thomas stima in circa 10.000 i morti tra le due fazioni e i civili nel 1936.

Battaglie nei pressi di Madrid (1937)[modifica | modifica sorgente]

Dopo la battaglia di Madrid, il governo repubblicano cercò di riorganizzare le sue milizie in un esercito regolare, l' "Ejército Popular". Vennero integrati in un unico esercito le milizie che erano schierate con la Repubblica. Mentre, in teoria, ciò ridusse il potere dei partiti politici rispetto al governo, nella pratica, aumentò l'influenza del Partito comunista, che era la fonte delle armi sovietiche e degli stranieri volontari. Il partito, pertanto, ha avuto un sproporzionata influenza nella nomina dei comandanti militari e nella definizione di politica militare.

Il 1937 ha visto un gran numero di scontri nelle immediate vicinanze di Madrid. Da un lato i nazionalisti cercavano di circondare la città, dall'altro i repubblicani cercavano di rompere l'assedio.

La Battaglia del Jarama (da gennaio a febbraio) e la Battaglia di Brunete nel mese di luglio, furono le principali battaglie. Inoltre, altre due battaglie sono state combattute poco più lontano, nel quadro della campagna nazionalista volto a conquistare la capitale: la Battaglia di Guadalajara, nel mese di marzo, e quella di Teruel, a nord-est di Madrid, nel dicembre.

Nella prima di queste battaglie, all'inizio del 1937, Franco aveva tentato di attraversare il fiume Jarama per tagliare la strada tra Madrid e Valencia, dove i repubblicani avevano spostato il loro governo. I risultati della battaglia furono inconcludenti. Le truppe di Franco, riuscirono ad ottenere la riva orientale del Jarama ma non riuscirono a scindere le comunicazioni tra Madrid e Valencia. Le perdite da entrambe le parti furono ingenti.

Nel mese di maggio, l'ufficiale comunista polacco, Karol Swierczewski, cercò di rompere le linee attorno a Madrid, ma venne respinto. Un più ambiziosa offensiva settentrionale venne lanciata dai repubblicani nel mese di luglio, con l'intenzione di circondare i nazionalisti. Tuttavia, la conseguente battaglia di Brunete si risolse in una nuova, sanguinosa, situazione di stallo. Il primo attacco repubblicano a Brunete venne rallentato dal fronte nazionalista a circa 12 chilometri dalla città. La resistenza che opposero i nazionalisti vanificò l'azione repubblicana. In questo caso, le perdite repubblicane furono significativamente più elevate rispetto a quelle dei nazionalisti.

Alla fine del 1937, i nazionalisti presero gran parte del nord della Spagna - cuore industriale del paese - e con essa molte fabbriche di armi che avevano sostenuto la guerra repubblicana. Alla fine dell' anno, il comandante repubblicano del IV Corpo, Cipriano Mera, intercettatò i piani nazionalisti per un nuovo attacco a Madrid dalla direzione di Saragozza. Il Generale Vicente Rojo lanciò un pre-attacco, con oltre 100.000 uomini, il 15 dicembre prendendo la città di Teruel. Il proposito di Rojo era quello di preparare da lì l'attacco finale alla città, ma produsse una delle battaglie più sanguinose della guerra, con oltre con oltre 100.000 vittime da entrambe le parti.

Caduta di Madrid (1938-marzo 1939)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1938, l'assedio di Madrid divenne sempre più pesante e la sua popolazione soffriva sempre di più la mancanza di cibo e vestiti pesanti. Franco aveva dato l'idea di voler tentare un altro attacco frontale sulla città; invece, continuò gradualmente l'assedio, pur mantenendo un bombardamento costante sulla città.

Nella primavera del 1939, dopo il crollo repubblicano sugli altri fronti, era chiaro che la causa repubblicana era stata sconfitta. Questo creò una divisione all'interno ranghi repubblicani: da un lato il primo ministro Juan Negrín ed alcuni altri ministri del governo ed il partito comunista, volevano combattere fino alla fine, dall'altro, numerosi generali, tra i quali il generale Segismundo Casado, volevano negoziare la resa per evitare una rappresaglia una volta conquistata la città. Il 5 marzo, Casado arrestò gli ufficiali comunisti a Madrid. Il 7, gli ufficiali sovietici e il primo ministro socialista Negrin vennero evacuati da Madrid. Il giorno seguente si susseguirono dure lotte tra le due fazioni, con i comunisti sconfitti.

Casado cercò di negoziare con Franco. Tuttavia, il leader nazionalista insistette sul fatto che la resa fosse incondizionata. Il 26 marzo, Franco ordinò un anticipo della presa della città di Madrid e il 27 marzo, il fronte repubblicano crollò - molte delle loro truppe rinunciarono o semplicemente gettarono via le armi e tornarono a casa. Il 28 marzo 1939, le truppe franchiste entrarono in città. Nonostante gli sforzi di Casado, molti dei difensori repubblicani di Madrid, circa 200.000, vennero uccisi sotto il regime di Franco tra il 1939 e il 1943.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A cura di Bernard Michal, La guerra di Spagna I, Edizioni di Cremille, Ginevra. 1971, pag 129
  2. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  3. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  4. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 160
  5. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  6. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  7. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  8. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 160
  9. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 80
  10. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 162
  11. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 93
  12. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 93
  13. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 162
  14. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 162
  15. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 94
  16. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 162
  17. ^ Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 119 Preston però riporta l'episodio al giorno precedente
  18. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 162-163
  19. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 163: "Iniziò un massacro indescrivibile. Quasi tutti gli ufficiali, compreso Serra e anche qualcuno che forse si sarebbe deciso ad appoggiare la repubblica, furono uccisi"
  20. ^ Antony Beevor, La guerra civile spagnola, BUR, 2006, Milano, pag 94 "Il massacro che ne seguì fu terribile"
  21. ^ Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 119: "Quando la caserma fu espugnata, la folla inferocita uccise diversi ufficiali"
  22. ^ A cura di Bernard Michal, La guerra di Spagna I, Edizioni di Cremille, Ginevra. 1971, pag 132
  23. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 163
  24. ^ Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 132
  25. ^ Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 132
  26. ^ Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 132

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]