Eochaid di Scozia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eochaid Mac Run (... – 889) fu re di Scozia dal 878 al 899 insieme a Giric di Scozia.

Era figlio di re Run dello Strathclyde e, forse, di una figlia di re Cináed mac Ailpín di Scozia. Si pensa comunemente che egli abbia coregnato con Giric.

La figura di Eochaid[modifica | modifica wikitesto]

La prova che Eochaid abbia governato come sovrano dei pitti viene dalla Cronaca dei re di Alba:

« Ed Eochodius, figlio di re Run dei britanni, nipote di Kenneth da parte di madre, regnò per 11 anni; sebbene altri dicano che Ciricio (Giric), figlio di un altro, abbia regnato in quel periodo, perché divenne padre adottivo e guardiano di Eochaid.

E nel suo secondo anno Aed (Aed Finliath) figlio di Niall morì.
E nel suo nono anno, nel giorno di san Ciro, si verificò un'eclissi di sole. Eochaid e suo padre adottivo furono espulsi adal regno. »

La morte di Aed Finliath, figlio di Niall Caille, viene solitamente datata al 20 novembre dell'879, mentre l'eclissi di sole al 16 giugno dell'885.

Alcune altre versioni della Cronaca dei re di Alba non includono Eochaid. I Duan Albanach, ad esempio, omettono sia Eochaid sia Giric, saltando da rom "Aodh dei bianchi fiori" (Áed mac Cináeda) a "Domhnal, figlio di Cusaintin il Giusto" (Domnall mac Causantín). I Duan Albanach omettono anche re precedenti come Selbach mac Ferchair. E c'è chi ha pensato a casi di damnatio memoriae, che non è però possibile provare. L'Orygynale Cronykl of Scotland di Andrew of Wyntoun (ca. 1420) e la Rerum Scoticarum Historia di George Buchanan (1579) conoscono Giric, ma non Eochaid.

Tra gli storicia e gli studiosi moderni resta ancora oggi molto accesa la discussione tra chi crede che Eochaid sia stato davvero un re scozzese o pitto e chi invece rifiuta tale ipotesi e nega persino che questo personaggio abbia davvero regnato.

Un nome molto diffuso[modifica | modifica wikitesto]

Col nome di Eochaid o Eochaidh (nome irlandese e gaelico-scozzese medievale molto popolare, che derivava dall'antico irlandese ech, cioè cavallo) furono chiamati anche molti altri re storicamente esistiti o leggendari, tra cui:

Si conoscono due leggendari sovrani supremi d'Irlanda chiamati Roitheachtaigh, nome che sembrerebbe significare ruote di Eochaid.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Dumville, The Chronicle of the Kings of Alba in Simon Taylor (ed.), Kings, clerics and chronicles in Scotland 500–1297, Fourt Courts Press, Dublino, 2000. ISBN 1-85182-516-9
  • A.A.M. Duncan, The Kingship of the Scots 842–1292: Succession and Independence, Edinburgh University Press, Edimburgo, 2002. ISBN 0-7486-1626-8
  • Benjamin T. Hudson, The Prophecy of Berchán: Irish and Scottish High-Kings of the Early Middle Ages, Greenwood, Londra, 1996.
  • Alfred P. Smyth, Warlords and Holy Men: Scotland AD 80–1000, E.J. Arnold, Londra, 1984. ISBN 0-7486-0100-7

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Strathclyde Successore
Run? 878-ca. 889 Dyfnwal I


Predecessore Re di Scozia Successore Royal arms of Scotland.svg
Áedh 878–889
insieme a Giric
Donald II