Regno di Gwynedd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regni medioevali del Galles

Il regno del Gwynedd è uno dei reami in cui era diviso il Galles nel Medio Evo. In origine questo territorio era noto col nome di Venedotia, nome poi trasformato in Gwynedd ed era stato occupato dalla popolo celtico degli ordovici. La capitale dapprima era Deganwy, dove Maelgwn ap Cadwallon (morto nel 547) aveva la sua roccaforte. In seguito fu però spostata ad Aberffraw, nell’isola di Anglesey, tant’è vero che il sovrano del Gwynedd era spesso definito Principe di Aberffraw o Signore di Aberffraw.

Secondo la tradizione, il capostipite della dinastia fu Cunedda ap Edern (386 circa–460) circa, che era migrato coi suoi figli e seguaci dall’attuale Scozia settentrionale. Questo regno conobbe il suo massimo splendore al tempo di Llywelyn Fawr ap Iorwerth (1173?-1240). I re inglesi ebbero un bel da fare per imporre il loro dominio sul Gwynedd, la cui indipendenza terminò nel tardo 1282/1283, dopo la morte di Llywelyn ap Gruffydd e l'esecuzione del figlio Dafydd. L'annessione al regno d'Inghilterra fu sancita dallo Statuto di Rhuddlan (1284)

Molte furono le ribellioni che scoppiarono nei secoli successivi contro il dominio inglese, tra cui quelle del principe Madoc nel 1294, di Owain Lawgoch tra il 1372 e il 1378 e di Owain Glyndŵr (1400).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia