Dorothy Height

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dorothy Irene Height

Dorothy Irene Height (Richmond, 24 marzo 1912Washington, 20 aprile 2010) è stata un'attivista ed educatrice statunitense.[1] Per quarant'anni è stata la presidentessa del National Council of Negro Women[2] e per il suo impegno sociale è stata insignita della Medaglia presidenziale della libertà e della Medaglia d'oro del Congresso.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stata ammessa al Barnard College, le fu negato l'ingresso a causa della regola dell'istituto che permetteva la frequentazione solo di due studenti afroamericani all'anno.[1][3][2] La Height proseguì comunque gli studi alla New York University, laureandosi in psicologia educativa.[3][2]

Qualche tempo dopo cominciò la sua carriera di attivista: entrò infatti a far parte del National Council of Negro Women, un'organizzazione che richiedeva trattamenti uguali per le donne bianche e le donne nere. Nel 1957 ne fu nominata presidente e mantenne la posizione fino al 1997.[1][2]

Nel corso degli anni molte personalità influenti si rivolsero a lei, e fra di loro si ricorda la First Lady Eleanor Roosevelt.[4] La Height lottò molto per le sue idee di uguaglianza, chiedendo ad Eisenhower di desegregare le scuole[5] e a Johnson di assegnare alle donne afroamericane posizioni di rilievo nel governo.[6]

Morì a Washington il 20 aprile 2010, all'età di novantotto anni. Il presidente Barack Obama partecipò alle onoranze funebri, tenendo un'orazione nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (Washington).[7]

Eleanor Roosevelt riceve il premio Mary McLeod Bethune Human Rights da Dorothy Height

È sepolta al Fort Lincoln Cemetery (Washington).[8]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom
— 1994 (conferita da Bill Clinton)[1]
Medaglia d'oro del Congresso - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Congresso
— 24 marzo 2004 (conferita da George W. Bush)[1][4]

È stata inserita nella National Women's Hall of Fame.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Jim Iovino, Civil Rights Icon Dorothy Height Dies at 98, NBCUniversal Media, 21 aprile 2010. URL consultato il 18 maggio 2014 (archiviato il 29 luglio 2012).
  2. ^ a b c d (EN) Margalit Fox, Dorothy Height, Largely Unsung Giant of the Civil Rights Era, Dies at 98, The New York Times, 21 aprile 2010. URL consultato il 23 maggio 2014 (archiviato il 23 maggio 2014).
  3. ^ a b (EN) Dorothy Height - Biography, Bio - A&E Television Networks. URL consultato il 18 maggio 2014 (archiviato il 1º febbraio 2014).
  4. ^ a b Public papers of the presidents of the United States, George W. Bush, p. 430
  5. ^ (EN) Bart Barnes, Dorothy I. Height, founding matriarch of U.S. civil rights movement, dies at 98, The Washington Post, 21 aprile 2010. URL consultato il 23 maggio 2014.
    «… in the 1950s, she prodded President Dwight D. Eisenhower to move more aggressively on school desegregation issues».
  6. ^ (EN) Nia-Malika Henderson, LBJ tapes reveal his efforts to hire women, The Washington Post, 10 aprile. URL consultato il 23 maggio 2014.
    «Dorothy Height, who encouraged him to hire women of color in his administration».
  7. ^ (EN) Obama’s Remarks at Dorothy Height’s Funeral Service, The New York Times, 29 aprile 2010. URL consultato il 23 maggio 2014 (archiviato il 23 maggio 2014).
  8. ^ (EN) Dr Dorothy Irene Height, Find A Grave. URL consultato il 23 maggio 2014 (archiviato il 23 maggio 2014).
  9. ^ (EN) Dorothy Height, National Women’s Hall of Fame. URL consultato il 23 maggio 2014 (archiviato il 17 aprile 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 162733747 LCCN: no90024764

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie