Southern Christian Leadership Conference

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Southern Christian Leadership Conference (SCLC) è un'organizzazione dei diritti civili statunitense celebre per il suo ruolo nel movimento afroamericano per i diritti civili.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il premio Nobel per la pace Martin Luther King insieme a Ralph Abernathy si riunirono con altri attivisti per i diritti civili della comunità afroamericana ad Atlanta, per dare forma a quella che venne inizialmente chiamata Southern Leadership Conference on Trasportation and Non-Violent Integration e successivamente Southern Christian Leadership Conference[1] (in italiano congresso dei leader cristiani degli stati del Sud). Grazie a questa organizzazione si diede forza alle masse afromaericane in precedenza divise nelle proprie parrocchie.

Fra le varie lotte sostenute la campagna di Birmingham iniziata dal reverendo Wyatt Tee Walker, celebre la loro partecipazione alla marcia su Washington, dove quasi 250.000 persone marciarono e si radunarono,[2] sino al Lincoln Memorial di Washington.

Presidenti[modifica | modifica sorgente]

Lista dei presidenti dell'organizzazione:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jean Darby, Martin Luther King, Jr, pp. 47-48, Twenty-First Century Books, 1990, ISBN 978-0-8225-4902-4.
  2. ^ Martin Luther King Jr, a cura di Coretta Scott King, Il sogno della non violenza, pag 16, Milano, Feltrinelli, 2008, ISBN 978-88-07-81881-3.
  3. ^ Jean Darby, Martin Luther King, Jr, pag. 48, Twenty-First Century Books, 1990, ISBN 978-0-8225-4902-4.
storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia