Civil Rights Act (1960)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Civil Rights Act del 1960 è una legge federale degli Stati Uniti d’America che stabilisce il controllo federale sulla registrazione degli elettori ai seggi locali. Inoltre introduce pene per chiunque ostacoli la volontà di registrarsi alle liste eletorrali[1] o chiunque impedisca il voto stesso. La legge prese avvio e fu completamento del Civil Rights Act del 1957.[2]

Iter di approvazione[modifica | modifica wikitesto]

La legge fu firmata dal presidente Dwight Eisenhower il 6 maggio 1960.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Negli USA l'iscrizione alle liste elettorali non è automatica come in Italia, ma occorre procedervi personalmente.
  2. ^ Vedi (EN) articolo da historylearninsite.co.uk

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Finley, Keith M. "Delaying the Dream: Southern Senators and the Fight Against Civil Rights, 1938-1965", LSU Press, Baton Rouge, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto