David Bidussa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Bidussa (Livorno, 1955) è uno scrittore, giornalista, saggista, storico italiano.

È definito "lo storico sociale delle idee", con riferimento a "una disciplina che comprende un mix di competenze culturali tra le quali: storia (nel suo caso storia contemporanea), storia sociale, semiotica, teoria della letteratura, storia delle dottrine politiche, storia dei partiti e movimenti politici"[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha insegnato nei licei, è stato lecturer presso la Hebrew University di Gerusalemme tra il 1982 e il 1984.

Dal 1988 ha collaborato con Radio Popolare e con l'Unità, il manifesto, Linus, Diario , Il Secolo XIX, il Riformista, Reset, Caffeuropa, Sole 24 ore - Domenicale

Lavora presso la Biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano.

Lavora e vive a Milano.

Ha scritto saggi sull'ebraismo, sul sionismo, sul movimento socialista francese e sulla Repubblica di Vichy.

Ha curato e prefato opere di Leon Trockij, Martin Buber, Furio Jesi, Pietro Verri, Enzo Sereni, George Steiner, Carlo Levi, Primo Levi, Leon Pinsker, Angelo Tasca, Goffredo Mameli, Yosef Hayim Yerushalmi, Antonio Gramsci, Leo Valiani, Giulio Bollati, Ruggiero Romano, Nello Rosselli

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ebrei moderni. Identità e stereotipi culturali, Bollati Boringhieri, Torino 1989
  • Oltre il Ghetto (con Amos Luzzatto e Gadi Luzzatto Voghera), Morcelliana, Brescia 1992
  • Il sionismo politico, Unicopli, Milano 1993
  • Il mito del bravo italiano, il Saggiatore, Milano 1994
  • La France de Vichy (con Denis Peschanski), Feltrinelli, Milano 1997
  • Il libro e la spada. La sfida dei fondamentalismi (con Stefano Allievi e Paolo Naso), Claudiana, Torino 2000
  • La mentalità totalitaria, Morcelliana, Brescia 2002
  • Il Profeta, Emi, Bologna 2006
  • I have a dream, BUR, Milano 2006
  • Siamo italiani, Chiarelettere, Milano 2007
  • Le religioni e il mondo moderno. vol. II. Ebraismo, Einaudi, Torino 2008
  • Dopo l'ultimo testimone, Einaudi, Torino 2009
  • Leo Valiani tra politica e storia, Feltrinelli, Milano 2009
  • L'idea sociale di sviluppo, Ediesse, Roma 2009
  • "La Forza del numero e l’ideologia italiana dello sviluppo" in AA.VV. Scarti d'umanità a cura di F. Migliorino. Il melangolo, Genova 2010
  • L'era della postmemoria, Massetti Rodella Editori, Roccafranca (Brescia) 2012

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.chiarelettere.it/gw/producer/producer.aspx?t=/documenti/author.htm&auth=270

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]