Dante Mircoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dante Mircoli
Dante Mircoli.jpg
Dante Mircoli con la maglia della Samp (1973)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Argentina Argentina
Altezza 166 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1977
Carriera
Squadre di club1
1965-1969 Independiente Independiente [1]
1970 Platense Platense 8 (0)
1971-1972 Independiente Independiente 127 (8)[1]
1973 Estudiantes Estudiantes 28 (0)
1973-1975 Sampdoria Sampdoria 9 (2)
1976 Racing Club Racing Club 6 (0)
1977 Atl. Bucaramanga Atl. Bucaramanga 11 (0)
Carriera da allenatore
19?? Estudiantes B.A. Estudiantes B.A.
19?? Douglas Haig Douglas Haig
1997-1998 San Telmo San Telmo
19?? Estudiantes R.C. Estudiantes R.C.
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Dante Mircoli (Roma, 12 marzo 1947) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano naturalizzato argentino, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato a Roma ma traferitosi nell'infanzia in Argentina, compie la prima fase della sua carriera in Argentina, principalmente nelle file dell'Indipendiente, prestigiosa società argentina nella quale milita (nel ruolo di centrocampista di quantità) a più riprese contribuendo ai successi della squadra (fra cui spiccano il successo nel Torneo Metropolitano 1971 e nella Coppa Libertadores 1972) con il suo gioco essenziale tutto cuore e polmoni privo di finezze stilistiche al servizio di compagni più dotati di classe.

Si mette in luce anche in Europa in occasione della doppia finale di Coppa Intercontinentale disputata nel 1972 contro l'Ajax e conclusasi col successo conclusivo degli olandesi: in tale circostanza viene schierato in marcatura ad uomo su Johan Cruijff, ed esegue il suo compito in maniera dura, ai limiti (spesso oltre) del regolamento, ma con una certa efficacia.

La Sampdoria nell'estate 1973 lo acquista dall'Independiente (anche se in quel periodo era in prestito all'Estudiantes) per circa 80 milioni di lire. Tuttavia non molto dopo il suo sbarco in Italia Mircoli si rivela essere un giocatore che nonostante i soli 26 anni è fisicamente logoro avendo già dato il meglio di sé nel suo paese. In due stagioni disputa solo 9 gare con due reti all'attivo (quella del pareggio esterno contro la Fiorentina nell'ultima giornata della stagione 1973-74 e quella del successo contro il Varese alla seconda del campionato 1974-75), segnalandosi soprattutto per i suoi problemi fisici e dimostrando saltuariamente discrete doti balistiche da calcio piazzato.

La società blucerchiata all'inizio della stagione 1975-76 lo cede in prestito gratuito in Serie B al Catania, che tuttavia lo restituisce ai genovesi senza mai farlo scendere in campo, e quindi nell'ottobre 1975 al Lecco in Serie C, ma nemmeno nella squadra lombarda Mircoli riesce a garantire un rendimento accettabile ottenendo due sole presenze in campionato. A fine stagione l'oriundo rescinde il contratto e fa ritorno in Argentina.

In carriera ha totalizzato complessivamente 169 presenze e 8 reti nella Primera División argentina, 16 presenze e 4 reti in Coppa Libertadores e 9 presenze e 2 reti in Serie A.

Dopo il ritiro come giocatore intraprende la carriera di allenatore, allenando squadre argentine delle serie minori (Estudiantes di Buenos Aires, Club Atlético Douglas Haig, Club Atlético San Telmo, Estudiantes di Río Cuarto).

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Independiente: Nacional 1967, Metropolitano 1971

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Independiente: 1972

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Totale con l'Independiente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]