Cyril Vasiľ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cyril Vasiľ, S.J.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Cyril Vasil'.JPG
Biskup Vasil Cyril.jpg
Parati semper
Titolo Tolemaide di Libia
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali
Nato 10 aprile 1965
Ordinato presbitero 14 giugno 1987
Consacrato arcivescovo 14 giugno 2009

Cyril Vasiľ (Košice, 10 aprile 1965) è un arcivescovo cattolico slovacco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cyril Vasiľ nasce nella città slovacca di Košice il 10 aprile dell'anno 1965. Era figlio di un sacerdote della Chiesa greco-cattolica slovacca in quegli anni (1950-1968) soppressa dal regime cecoslovacco. Fu battezzato secondo il rito romano.

Nel 1982 inizia a frequentare la Facoltà di Teologia Cirillo e Metodio dell'Università di Bratislava e cinque anni dopo, terminati gli studi, viene ordinato presbitero della Chiesa greco-cattolica slovacca.

Sempre nel 1987 espatriò illegalmente dalla Cecoslovacchia, che gli negava il permesso di lasciare il paese, e fu condannato in contumacia a due anni di carcere. Si stabilì a Roma per frequentare il Pontificio Istituto Orientale, dove l'anno successivo ottiene la licenza in diritto canonico. Nel 1990 entra a far parte della Compagnia di Gesù e, nel 1994, consegue il dottorato in diritto canonico presso lo stesso istituto ove aveva ottenuto la licenza. Nel 2002 viene nominato decano della Facoltà di Diritto Canonico Orientale presso il Pontificio Istituto Orientale e, dopo esser stato il vicerettore dell'Istituto, ne diventa il rettore nel maggio del 2007.

Il 7 maggio 2009 ha lasciato il suo incarico presso l'Istituto ed è stato nominato da papa Benedetto XVI arcivescovo titolare di Tolemaide di Libia e segretario della Congregazione per le Chiese Orientali. L'ordinazione episcopale è avvenuta presso la basilica di Santa Maria Maggiore in Roma il 14 giugno dello stesso anno.

Scautismo[modifica | modifica sorgente]

Allievo di padre Ivan Žužek, assistente ecclesiale scout, entra anch'egli nell'Associazione Italiana Guide e Scouts d'Europa Cattolici e viene nominato dalla diocesi di Roma assistente ecclesiastico dei gruppi scout Roma 4 e Roma 65.
Ricoprirà per un triennio anche il ruolo di assistente federale della Unione Internazionale delle Guide e Scouts d'Europa dando impulso alla nascita dell'associazione slovacca, suo paese di origine.
Nel discorso in occasione della sua consacrazione a vescovo, alla quale partecipano in gran numero i suoi scout, sottolinea il suo attaccamento al movimento e all'associazione[1], alla cui simbologia fa diversi espliciti riferimenti nel proprio emblema vescovile e nel proprio motto parati semper (citazione e risposta del motto scout estote parati)

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pontificio Istituto Orientale P.I.O

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Tolemaide di Libia
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Carlo Angeleri dal 7 maggio 2009 in carica
Predecessore Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali Successore Emblem Holy See.svg
Antonio Maria Vegliò dal 7 maggio 2009 in carica

Controllo di autorità VIAF: 66183641 LCCN: no2004062502