Chiocciola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Chiocciola (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chiocciola
Snail black on grass2.jpg
Arianta arbustorum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Ordine Stylommatophora
Nomi comuni

lumaca (improprio ma diffuso)

famiglie, generi e specie

La chiocciola è un animale invertebrato appartenente al phylum dei molluschi. Striscia sul piede e utilizza la conchiglia come difesa da condizioni climatiche sfavorevoli e da pericoli esterni. Non si tratta di una vera e propria superfamiglia di gastropodi, ma semplicemente del nome comune dato comunemente a questo tipo di invertebrato. Di seguito perciò, sono elencate alcune delle specie conosciute sotto questo epiteto.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

1) conchiglia 2) fegato 3) polmone 4) ano 5) poro respiratorio 6) occhio 7) tentacolo 8) ganglio cerebrale 9) dotto salivare 10) bocca 11) gozzo 12) ghiandola salivare 13) poro genitale 14) pene 15) vagina 16) ghiandola mucosa 17) ovidotto 18) stiloforo 19) piede 20) stomaco 21) rene 22) mantello 23) cuore 24) vaso deferente

La conchiglia delle chiocciole oltre a proteggere le stesse, riduce anche la perdita di acqua che avviene attraverso l'evaporazione. La conchiglia si forma con una sostanza detta conchiolina che l'animale stesso produce. Nella lingua ci sono delle fasce di accrescimento che diventano sempre più larghe verso l'esterno e formano la tipica spirale che si arrotola sempre in senso antiorario. La parte del corpo che striscia sul terreno e permette i movimenti e le ritirate grazie ad un forte muscolo, si chiama piede. Sul capo ha quattro tentacoli: due antenne che portano gli occhi e due tentacoli tattili come organi di senso. Tra i due tentacoli tattili c'è la bocca che contiene un organo simile ad una lingua (radula) munito di tanti denti microscopici con cui l'animale grattugia il cibo prima di ingoiarlo.

La specie mediterranea più comune è l'Helix aspersa. Un primato per questi gasteropodi è detenuto dall'Achatina achatina, una specie molto grande che raggiunge i 20 cm di lunghezza.

Comportamenti[modifica | modifica sorgente]

La chiocciola è un animale dal carattere assai cauto e timido in quanto si ritira appena sente il primo segnale di pericolo. Quando vengono anche solo sfiorate le antenne, queste si ritraggono istantaneamente.

È molto nota la sua lentezza nei movimenti (0,03 mph, corrispondenti a 0,048 km/h)[1]. Si trascina per il piede ed usa una bava argentea come lubrificante per evitare di ferirsi. Le secrezioni della chiocciola servono anche a formare l'epifragma nel momento in cui l'animale si ritira nel suo guscio[2]. Altra caratteristica curiosa dalla chiocciola è legata alla riproduzione. Essa è infatti un’ermafrodita insufficiente ovvero possiede sia l’apparato maschile che femminile ma per la riproduzione necessita dell'intervento di un suo consimile[3]. Quindi i due individui durante l’accoppiamento fecondano e rimangono fecondati contemporaneamente.

Uso alimentare[modifica | modifica sorgente]

Helix pomatia

Si ritiene che in Italia[chi lo ritiene? fonti?] le specie usate per l'alimentazione siano almeno tre:

  • Helix pomatia o lumaca della Borgogna (40-55 mm, 25-45 g), diffusa in Europa centrale, è tradizionalmente preparata in guscio, al burro, con prezzemolo tritato e aglio.
  • Cornu aspersum o Petit-Gris (28-35 mm, 7-15 g), comune nei paesi mediterranei e in Normandia, è cucinata con le ricette locali più diverse.
  • Eobania vermiculata, cucinata soltanto nell'Italia centro-meridionale dove è conosciuta con il nome di rigatella (in provincia di Napoli assume la tipica denominazione di maruzza o il rispettivo diminutivo maruzzella)

Si dà a volte il nome di lumaca di mare ad alcuni gasteropodi marini di aspetto simile, come la Littorina littorea o la Nassarius mutabilis

L'allevamento di Helix aspersa è la forma di elicicoltura più diffusa.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Una descrizione letteraria delle chiocciole, della loro utilità e della loro bellezza, è stata condotta nel Seicento da Daniello Bartoli nella sua nota opera La ricreatione del Savio.
  • Tra le tante peculiarità della chiocciola ricordiamo che le uova deposte sono molto più grandi dell’orifizio da cui escono, e sono grosse come il mais o i piselli. Inoltre, tra una deposizione e l’altra può trascorrere più di mezz’ora, motivo per cui la chiocciola rimane nello stesso luogo a deporre anche giornate intere.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) World Almanac, Robert Famighetti, The World Almanac and Book of Facts, World Almanac Books, 1999, p. 172, ISBN 978-0-88687-832-0.
  2. ^ Emanuele Bresci, Riproduzione, gasteropoda.net, 2004. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  3. ^ Stefania Busatta, chiocciola (PDF) in ANIMALI DALL'AGUGLIA ALLA ZEBRA..., Animali e animali.it. URL consultato il 16 ottobre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi