Arianta arbustorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arianta arbustorum
Snail black on grass2.jpg
Arianta arbustorum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Orthogastropoda
Superordine Heterobranchia
Ordine Pulmonata
Sottordine Eupulmonata
Infraordine Stylommatophora
Sottinfraordine Sigmurethra
Superfamiglia Helicoidea
Famiglia Helicidae
Sottofamiglia Ariantinae
Genere Arianta
Specie A. arbustorum
Nomenclatura binomiale
Arianta arbustorum
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Helix arbustorum
Linnaeus, 1758

Sottospecie
  • A. arbustorum alpicola
  • A. arbustorum arbustorum
  • A. arbustorum canigonensis
  • A. arbustorum picea
  • A. arbustorum pseudorudis
  • A. arbustorum repellini
  • A. arbustorum styriaca
  • A. arbustorum vareliensis

Arianta arbustorum (Linnaeus, 1758) è un mollusco gasteropode terrestre della famiglia Helicidae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Arianta arbustorum1pl.jpg


La conchiglia è di forma globulare e misura 18-25 mm di diametro e 12-22 mm di altezza [1].

La colorazione è estremamente variabile, dal beige chiaro al marrone scuro, con pattern tipici delle differenti sottospecie [2]. Nelle popolazioni alpine tendono a prevalere le forme con conchiglia chiara [3].
Il peristoma è biancastro e l'ombelico quasi completamente chiuso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Arianta arbustorum 060707.jpg


A. arbustorum è diffusa in Europa nord-occidentale e centrale, dai Pirenei ai Carpazi [1].
In Italia la sua presenza è limitata alle Alpi.

Popola vari habitat, dalle foreste montane agli ambienti aperti purché molto umidi. In Europa del nord la si può osservare anche in contesti antropizzati. Predilige i substrati calcarei. Sulle Alpi la si osserva sino a 2700 m di altitudine.

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

Ne sono state descritte diverse sottospecie:

  • Arianta arbustorum alpicola Férussac, 1821
  • Arianta arbustorum arbustorum
  • Arianta arbustorum canigonensis
  • Arianta arbustorum picea
  • Arianta arbustorum pseudorudis
  • Arianta arbustorum repellini
  • Arianta arbustorum styriaca
  • Arianta arbustorum vareliensis

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Ha abitudini onnivore: si nutre di materia vegetale fresca, ma anche di piccoli animali morti e di feci [1].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Sezione trasversa e visione laterale di un dardo di A. arbustorum

È una specie ermafrodita, capace di autofecondazione. Raggiunge la maturità sessuale a 2-4 anni [1].
L'accoppiamento è preceduto da un complesso rituale di corteggiamento, che può durare anche alcune ore e che culmina con la emissione ed il lancio, verso il partner, di un dardo calcareo. Studi compiuti su altre specie della stessa famiglia associano l'utilizzo dei dardi allo scambio di sostanze mucose in grado di aumentare il successo riproduttivo [4].
La aspettativa di vita massima è di 14 anni [1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Species summary for Arianta arbustorum AnimalBase
  2. ^ Thumbnails for Arianta arbustorum AnimalBase
  3. ^ Burla H. & Gosteli M., Thermal advantage of pale coloured morphs of the snail Arianta arbustorum (Helicidae, Pulmonata) in alpine habitats in Ecography 2006; 16(4): 345-350.
  4. ^ Chase R. and Blanchard K.C., The snail's love-dart delivers mucus to increase paternity in Proc. R. Soc. B 2006; 273, 1471–1475.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi