Helicidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Elicidi
Faulensee Schnecke.jpg
Helicidae sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Orthogastropoda
Superordine Heterobranchia
Ordine Pulmonata
Sottordine Eupulmonata
Infraordine Stylommatophora
Sottinfraordine Sigmurethra
Superfamiglia Helicoidea
Famiglia Helicidae
Rafinesque, 1815
Sottofamiglie

Gli Elicidi (Helicidae Rafinesque, 1815) sono una famiglia di molluschi gasteropodi terrestri.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La conchiglia delle diverse specie ha morfologia tendenzialmente globulare. La colorazione varia dal bianco al bruno, con bande di differente colorazione e numero; in alcuni generi, come p.es. Cepaea, può avere colori brillanti, dal giallo al rosa, al verde.

Il mollusco è in grado di ritirarsi all'interno della conchiglia, e, in condizioni ambientali sfavorevoli, può sigillarne l'apertura con un diaframma calcareo [1].

Il numero di cromosomi aploidi delle diverse specie della famiglia varia da 21 a 30 [2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Helicidae è diffusa in Europa, in Medio oriente ed in Nord Africa [3].
Alcune specie, come p.es. Cornu aspersum, sono state introdotte dall'uomo in diversi paesi e si sono naturalizzate.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Helicidae è suddivisa in due sottofamiglie:[4][5]

Sottofamiglia Ariantinae Mörch, 1864

Arianta Turton, 1831
Causa Shilejko, 1971
Chilostoma Fitzinger, 1833
Cylindrus Fitzinger, 1833
Drobacia Brusina, 1904
Faustina Kobelt, 1904
Helicigona Férussac, 1821
Isognomostoma Fitzinger, 1833
Vidovicia Brusina, 1904

Sottofamiglia Helicinae

Allognathus Pilsbry, 1888
Assyriella Hesse, 1908
Cantareus Risso, 1826
Cepaea Held, 1838
Codringtonia Kobelt, 1898
Cornu Born, 1778
Eobania Hesse, 1913
Helix Linnaeus, 1758
Hemicycla Swainson, 1840
Iberus Montfort, 1810
Idiomela Cockerell, 1921
Lampadia Albers, 1854
Leptaxis
Levantina Kobelt, 1871
Otala Schumacher, 1817
Pseudotachea Boettger, 1909
Tyrrhenaria Hesse, 1918
Macularia Albers, 1850
Marmorana Hartmann, 1844
Tacheocampylaea Pfeiffer, 1877
Tyrrheniberus Kobelt, 1904
Theba Risso, 1826

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Gli Helicidae sono ermafroditi, cioè ogni individuo possiede sia organi riproduttivi maschili che femminili; non sono tuttavia in grado di autofecondarsi (ermafroditismo insufficiente).

Rappresentazione schematica della testa di Helix pomatia in fase di accoppiamento.
S - sacco del dardo estroflesso
D - dardo
P - pene estroflesso

L'accoppiamento è preceduto da un complesso rituale di corteggiamento, che può durare anche alcune ore e che culmina con la emissione ed il lancio, verso il partner, di un dardo di materiale calcareo, lungo da 5 a 9 mm, ricoperto di muco. Nelle prime fasi del corteggiamento le due chiocciole si "abbracciano", toccandosi con i loro tentacoli, e mordicchiandosi le labbra e l'area del poro genitale, in prossimità del quale si iniziano a palesare i segni di eversione del pene. La progressione del rituale si accompagna ad un aumento della pressione nel seno ematico che circonda la cosiddetta borsa del dardo, che si estroflette anch'essa. L'"abbraccio" si fa quindi più stringente e nel momento in cui si ha il contatto tra il corpo dell'uno ed il poro genitale dell'altro, si assiste al vero e proprio lancio del dardo, che trafigge le carni del partner. Il significato funzionale di tale fenomeno non è ancora del tutto chiaro. Alcuni studi hanno dimostrato che un rilascio efficace del dardo si associa con un maggiore successo riproduttivo [6][7]. Osservazioni recenti puntano l'attenzione su sostanze mucose associate al dardo, rivelatesi in grado di stimolare la recettività agli spermatozoi [8].
Dopo che entrambi i partner hanno scagliato il loro dardo inizia il vero e proprio accoppiamento, con scambio di sperma e reciproca fecondazione.

Pur essendo costantemente a forma di lancia o di arpione, la morfologia del dardo varia da specie a specie e può essere utilizzato come carattere distintivo tra specie simili.

Corteggiamento in una coppia di Helix pomatia
Copulating Burgundy Snails.jpg
Weinbergschnecke Paarung.jpg
Morfologia del dardo Specie
Arianta arbustorum dart.svg Arianta arbustorum
Cantareus aperta dart.jpg Cantareus apertus
Cepaea hortensis dart.jpg Cepaea hortensis
Cepaea nemoralis dart.jpg Cepaea nemoralis
Chilostoma planospira dart.jpg Chilostoma planospira
Cantareus aspersus dart.jpg Cornu aspersum
Eobania vermiculata dart.jpg Eobania vermiculata
Helicigona lapicida dart.jpg Helicigona lapicida
Helix lucorum dart.jpg Helix lucorum
Helix pomatia dart.jpg Helix pomatia
Leptaxis erubescens dart.jpg Leptaxis erubescens
Marmorana scabriuscula dart.jpg Marmorana scabriuscula
Marmorana serpentina dart.jpg Marmorana serpentina
Otala lactea dart.jpg Otala lactea
Theba pisana dart.jpg Theba pisana

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tryon G. W. 1887 Manual of conchology; structural and systematic. With illustrations of the species. Second series: Pulmonata. Volume 3. Helicidae - Volume I. pp. 3-4.
  2. ^ Barker G. M.: Gastropods on Land: Phylogeny, Diversity and Adaptive Morphology. in Barker G. M. (ed.): The biology of terrestrial molluscs. CABI Publishing, Oxon, UK, 2001, ISBN 0-85199-318-4. 1-146, pp. 139-142.
  3. ^ Family summary for Helicidae in AnimalBase.
  4. ^ Helicidae in Fauna Europaea
  5. ^ Helicidae in Taxonomy Browser
  6. ^ Rogers D. & Chase R., Dart receipt promotes sperm storage in the garden snail Helix aspersa in Behav. Ecol. Sociobiol. 2001; 50: 122-127.
  7. ^ Rogers D. & Chase R., Determinants of paternity in the garden snail Helix aspersa in Behav. Ecol. Sociobiol. 2002; 52: 289–295, DOI:10.1007/s00265-002-0519-6.
  8. ^ Chase R. and Blanchard K.C., The snail's love-dart delivers mucus to increase paternity in Proc. R. Soc. B 2006; 273, 1471–1475.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi