Caproni Ca.73

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caproni Ca.73
Caproni Ca.73 front quarter view.jpg
Descrizione
Tipo Bombardiere leggero
Equipaggio 2 - 3
Progettista Gianni Caproni
Rodolfo Verduzio
Umberto Nobile
Costruttore Italia Aeronautica Caproni
Data primo volo 1924
Utilizzatore principale Italia Regia Aeronautica
Dimensioni e pesi
Lunghezza 15,10 m
Apertura alare 25,0 m
Altezza 5,60 m
Superficie alare 143,0
Peso a vuoto 2 300 kg
Peso max al decollo 5 700 kg
Propulsione
Motore 2 Isotta Fraschini Asso 500
Potenza 500 CV (368 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 195 km/h
Autonomia 6 ore
Tangenza 4 600 m
Armamento
Mitragliatrici 2 brandeggiabili (nel muso e dietro l'ala)
Bombe 900 kg
Note dati riferiti alla versione Ca.73ter

i dati sono estratti da Уголок неба[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Caproni Ca.73 era un biplano da bombardamento leggero, originariamente concepito per operare come trasporto civile per 10 passeggeri con 2 uomini d’equipaggio. Il progetto sviluppato tra il 1922 e 1924 dall’ingegnere Rodolfo Verduzio, con la collaborazione tra gli altri di Umberto Nobile si distingue per essere stato il primo velivolo italiano realizzato con struttura interamente metallica.[senza fonte]

La configurazione del velivolo era quella di un sesquiplano invertito, in cui l’ala superiore di 18 m di lunghezza era priva di alettoni; anche i piani di coda avevano configurazione biplana. I 2 motori a cilindri in linea erano installati in tandem in una gondola (priva di cappottatura) posta tra le due ali.

Il velivolo venne utilizzato dagli stormi della Regia Aeronautica fino al 1934, partecipando anche alle operazioni contro gli indipendentisti africani.

Caproni Ca.73 Aereo di linea.
Caproni Ca.74 Bombardiere leggero.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Ca.73
prima versione di produzione in serie con motori Isotta-Fraschini Asso 500.
Ca.73bis
versione con motori Lorraine-Dietrich 12 Db da 400 CV (294 kW).
Ca.73ter
versione da bombardamento (vedi scheda) indicata anche come Ca.82.
Ca.73quarter
versione da bombardamento indicata anche come Ca.88.
Ca.73quarterG
versione da bombardamento indicata anche come Ca.89.
Ca.74
versione con motori radiali Bristol Jupiter da 400 CV, originariamente indicata come Ca.80.
Ca.80S
versione aeroambulanza.
Ca.88 / Ca.89
sviluppi caratterizzati da modifiche alla fusoliera, tra cui l'installazione di una torretta ventrale.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

bandiera Regno d'Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caproni Ca.73 in Уголок неба.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]