Campylobacter jejuni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Campylobacter jejuni
Campylobacter jejuni 01.jpg
Foto al Microscopio elettronico a scansione di C. jejuni che mostra la caratteristica forma bastoncellare incurvata dell'organismo
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Phylum Proteobacteria
Classe Epsilon Proteobacteria
Ordine Campylobacterales
Famiglia Campylobacteraceae
Genere Campylobacter
Specie C. jejuni

Campylobacter jejuni è una specie batterica bastoncellare di forma elicoidale, non-sporigena, Gram-negativa, microaerofila comunemente presente nelle feci animali.[1][2][3] È uno delle cause più comuni di gastroenterite nell'uomo in tutto il mondo. L'intossicazione alimentare causata dal Campylobacter species può essere severamente debilitante, ma raramente è una minaccia per la sopravvivenza dell'individuo infettato. È stato collegato con il susseguente sviluppo della Sindrome di Guillain-Barré (GBS), che di solito si sviluppa da due a tre settimane dopo la malattia iniziale.[4]

Sorgenti[modifica | modifica wikitesto]

C. jejuni è comunemente associato al pollame, ed è naturalmente presente nel tratto gastrointestinale di molte specie di uccelli. Uno studio ha trovato che il 30% degli storni in farm settings in Oxfordshire, United Kingdom, erano portatori di C. jejuni.[5] È inoltre comune nei bovini, e sebbene sia normalmente un innocuo commensale del tratto gastrointestinale in questi animali, può causare campylobacteriosi nei vitelli. È stato ancora isolato dalle feci di vombato e canguro, essendo una causa della "diarrea del viaggiatore". Acqua potabile contaminata e latte non pastorizzato forniscono un efficiente mezzo per la diffusione. Il cibo contaminato è la maggior fonte di infezioni isolate, a causa di preparazioni effettuate in modo non corretto di carne bovina e avicola che sono le sorgenti del batterio.

Il 29 giugno del 2011, al Wyoming Department of Health furono notificati da parte di due laboratori casi confermati di C. jejuni in due lavoratori al locale allevamento di pecore che avevano castrato e mozzato la coda agli agnelli con i loro denti. La trasmissione fecale-orale fu successivamente verificata dai CDC che confermarono l'infettività degli agnelli dell'allevamento con un PFGE che dimostrò come il batterio infettante fosse lo stesso.[6]

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

L'infezione con C. jejuni solitamente esita in enterite, caratterizzata da dolore addominale, diarrea, febbre, e malaise. I sintomi hanno generalmente una durata tra le 24 ore e la settimana, è tuttavia possibile che durino più a lungo. La diarrea presenta diversi gradi di severità, dalle feci liquide a quelle emorragiche. Si tratta di una malattia generalmente auto-limitante. In ogni caso risponde a terapia antibiotica. Casi particolarmente gravi (Accompagnati da febbre e feci emorragiche) o casi di malattia particolarmente prolungata possono richiedere una terapia a base di ciprofloxacina, eritromicina, azitromicina o norfloxacina. La terapia d'elezione risulta essere quella a base di eritromicina. Circa il 90% dei casi risponde al trattamento con ciprofloxacina. Il paziente potrebbe, nei casi più gravi richiedere reidratazione e reintegrazione di elettroliti.

Il primo sequenziamento dell'intero genoma di C. jejuni fu ultimato nel 2000 (ceppo NCTC11168 con un cromosoma circolare di 1.641.481 paia di basi).[7]

agar(CSM) a base di carbone e privo di sangue per l'isolamento di Campylobacter jejuni

Caratteristiche di Laboratorio[modifica | modifica wikitesto]

Characteristic Result
Crescita a 25 °C -
Crescita a 35-37 °C +
Crescita a 42 °C +
Riduzione nitrati +
Test della catalasi +
Test dell'ossidasi +
Crescita su Agar MacConkey +
Mobilità +
Utilizzo del glucosio -
Idrolisi dell'acido ippurico +
Resistenza all'acido nalidixico -
Resistenza alla cefalotina +
Foto al microscopio elettronico a scansione che rappresenta un certo numero di batteri della specie Campylobacter jejuni


Campylobacter viene coltivato nella capsula di Petri "CAMP" specifica per il microrganismo a 42 °C, la normale temperatura delle specie aviarie, invece che a 37 °C, la temperatura alla quale vengono coltivate la maggior parte delle specie patogene. poiché le colonie sono ossidasi positive, cresceranno in piastra in numero scarso. La condizione di microaerofilia è richiesta per una crescita rigogliosa. Per l'isolamento può essere impiegato un agar sangue selettivo(Skirrow's medium); La selettività è conferita da un cocktail di antibiotici: vancomicina, polimixina-B e trimetoprim, incubato in microaerofilia a 42 °C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ryan KJ, Ray CG (editors), Sherris Medical Microbiology, 4th, McGraw Hill, 2004, ISBN 0-8385-8529-9.
  2. ^ Online Bacteriological Analytical Manual, Chapter 7: Campylobacter
  3. ^ Gorbach, Sherwood L., Falagas, Matthew (editors), The 5 minute infectious diseases consult, 1st, Lippincott Williams & Wilkins, 2001, ISBN 0-683-30736-3. Multiple Campylobacter Genomes Sequenced, 4 gennaio 2005. URL consultato il 27 luglio 2007.
  4. ^ Fujimoto S, Amako K. Guillain-Barre syndrome and Campylobacter jejuni infection. Lancet 1990;35:1350.
  5. ^ F M Colles, N D McCarthy, J C Howe, C L Devereux, A G Gosler, and M C J Maiden Dynamics of Campylobacter colonization of a natural host, Sturnus vulgaris (European Starling) Environ Microbiol. 2009 January; 11(1): 258–267. doi: 10.1111/j.1462-2920.2008.01773.x.
  6. ^ Clay Van Houten, Karl Musgrave, Kelly Weidenbach, Tracy Murphy, Wanda Manley, Aimee Geissler, Kerry R. Pride e et al., Notes from the Field: Campylobacter jejuni Infections Associated with Sheep Castration — Wyoming, 2011 in Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR), CDC, 9 dicembre 2011. URL consultato il 9 dicembre 2011.
  7. ^ Parkhill et al., BW Wren, K Mungall, JM Ketley, C Churcher, D Basham, T Chillingworth, RM Davies e T Feltwell, The genome sequence of the food-borne pathogen Campylobacter jejuni reveals hypervariable sequences. in Nature, vol. 403, nº 6770, 2000, pp. 665–668, DOI:10.1038/35001088, PMID 10688204.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]