Ben-Hur (film 1925)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ben-Hur
Ben-Hur-1925.jpg
poster del film
Titolo originale Ben-Hur: A Tale of the Christ
Paese di produzione USA
Anno 1925
Durata 143 min
Colore B/N - Colore (2-strip Technicolor) (alcune sequenze)
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere epico, storico, drammatico
Regia Fred Niblo (non accreditati: Charles Brabin, Christy Cabanne, J.J. Cohn, Rex Ingram)
Soggetto Lew Wallace (dal suo omonimo romanzo)
Sceneggiatura June Mathis, Carey Wilson, Bess Meredith, Katherine Hilliker, H.H. Caldwell
Produttore Irving Thalberg (non accreditato)
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Fotografia Cyde De Vinna, René Guissart, Percy Hilburn, Karl Struss, Glenn Kershner
Montaggio Lloyd Nosler
Musiche William Axt, David Mendoza (non accreditati)
Scenografia Horace Jackson, Harry Oliver, Cedric Gibbons, Horace Jackson e (non accreditato) Edwin B. Willis
Interpreti e personaggi

Ben-Hur (anche conosciuto col titolo Ben-Hur: A Tale of the Christ) è un film muto del 1925 diretto da Fred Niblo. È la seconda trasposizione cinematografica del romanzo di Lew Wallace.

Lew Wallace, l'autore del romanzo

Nel 1997 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni della vita di Cristo, Ben Hur viene condannato ai remi accusato, insieme alla madre e alla sorella, di aver attentato alla vita del console romano in Palestina. Infatti viene mandato come rematore in una nave della provincia romana. Dopo molti anni di duro lavoro, Ben Hur riesce a riscattarsi salvando la vita a un console di Roma che lo adotta come figlio. Inoltre l'eroe viene scelto come partecipante alle corse di bighe di cui diventa subito campione. Ma Ben Hur cerca anche di scoprire chi l'ha tradito in Palestina e parte alla sua ricerca. Lo troverà in Messala, un tempo suo amico, e lo sconfiggerà nell'ultima gara di bighe che si svolgerà a Gerusalemme.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, prodotto dalla MGM, fu girato in Italia ad Anzio, a Livorno e a Roma. Negli USA, in California negli studios di Culver City della MGM, all'Iverson Ranch di Chatsworth a Los Angeles e all'isola di Catalina. Le riprese durarono dall'ottobre 1923 fino all'agosto 1925.

Note di produzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito dalla MGM. Fu distribuito il 30 dicembre 1925 e ne vennero fatte diverse riedizioni. Nella sua prima uscita, nei soli USA, incassò 4.359.000 dollari. In DVD, il film digitalizzato è uscito in diverse versioni: nel 2003 pubblicato dal giapponese IVCF; nel 2005, distribuito dalla Warner Home Video e da un distributore cinese; nel 2009, in un'edizione coreana, della Phantom Sound & Vision[2]

Date di uscita[modifica | modifica sorgente]

IMDB

  • USA 30 dicembre 1925 (New York City, New York)
  • Turchia 1926
  • Austria 12 novembre 1926
  • Finlandia 25 dicembre 1926
  • Svezia 26 dicembre 1926
  • Islanda 2 agosto 1927
  • USA 8 ottobre 1927
  • Austria 1931 (versione sonorizzata) (riedizione)
  • Germania 1931 (versione sonorizzata) (riedizione)
  • USA 1 dicembre 1931 (riedizione) (versione sonorizzata)
  • Finlandia 25 dicembre 1931 (riedizione)
  • Giappone 20 giugno 2003
  • USA 13 settembre 2005 DVD
  • RPC (Cina) 2005 DVD
  • Corea 2009 DVD

Alias

  • Ben Hur Austria (titolo riedizione) / Germania / Germania (titolo riedizione) / Grecia / Ungheria / Spagna / Turchia
  • Ben-Hur USA (titolo breve)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Names 25 New Films to National Film Registry, Library of Congress, 18 novembre 1997. URL consultato il 6 gennaio 2012.
  2. ^ SilentEra DVD

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]