Ramón Novarro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ramón Novarro[1]

Ramón Novarro[1], nome d'arte di Juan Ramón Gil Samaniego (Victoria de Durango, 6 febbraio 1899Hollywood, 30 ottobre 1968), è stato un attore cinematografico e regista messicano.

Appartiene alla schiera degli attori che, nel decennio 1920-1930, furono lanciati prima come rivali, poi come eredi di Rodolfo Valentino. Anch'egli bruno, apollineo, di una bellezza un po' femminea, divenne il prototipo del latin lover, in parti avventuroso-romantiche.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di origini ispano-romantiche, fu dapprima ballerino e cantante, poi comparsa per il cinema.

Sugli schermi venne valorizzato dal regista Rex Ingram (lo stesso che aveva portato al successo Rodolfo Valentino), in un film come Il prigioniero di Zenda (1922), Scaramouche (1923) e L'arabo (1924).

Il prigioniero di Zenda (1922)

La consacrazione divistica venne poi con Ben Hur (1926), un super-kolossal realizzato in Italia ed a Hollywood, rappresentativo di un genere storico di grande successo popolare. Nel 1927 rivelò anche doti di attore brillante in Il principe studente.

All'inizio del sonoro fu ancora un divo di richiamo, trovando notevoli risorse nelle sue possibilità di cantante e chitarrista. Appunto un cantante fatale fu in L'isola del sole (1929) ed in due film spagnoleschi, Addio Madrid (1930) e La sivigliana (1931).

Nel 1932, infine, interpretò due film di Jacques Feyder (La piccola amica e Il figlio dell'India), e recitò accanto a Greta Garbo in Mata Hari.

Il suo tipo ed il suo stile, però, andavano ormai rapidamente declinando. Così Novarro lasciò il cinema per dedicarsi al canto. Tentò anche il musical a Londra (1935).

Negli anni Trenta, diresse tre pellicole girate in spagnolo.

Riapparve poi sporadicamente sugli schermi con scarso successo finché, nel dopoguerra, riprese la carriera come attempato caratterista. Lo si ricorda in Stanotte sorgerà il sole (1949) di John Huston e La rivolta (1950) di Richard Brooks.

Alla soglia dei settant'anni finì tragicamente, ucciso nella sua villa di Santa Monica dai due fratelli Paul e Tom Ferguson, giovani prostituti di Chicago che lo massacrarono di botte. I due avevano ricevuto una soffiata da colleghi marchettari che nella casa l'attore tenesse nascosto un gruzzolo di 5 000 dollari in contanti e cercarono in tutti i modi di farsi rivelare il nascondiglio del fantomatico gruzzolo. Alla fine piantarono in gola all'attore con la forza un cimelio déco di piombo che gli era stato donato, quarant'anni prima da Rodolfo Valentino, con la firma del collega in argento. Navarro morì soffocato dal suo stesso sangue[2].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Attore (TV)[modifica | modifica sorgente]

  • The Ken Murray Show (6 febbraio 1952)
  • Disneyland .... Don Esteban Miranda (2 episodi) (1958)
    • Law and Order, Incorporated
    • Lawman or Gunman
  • Thriller .... Maestro Giuliano (episodio) (1962)
    • "La Strega"
  • Rawhide .... Father Tasso (episodio) (1964)
    • "Canliss"
  • Dottor Kildare .... Gaspero Paolini (3 episodi) (1964) alias "Dr. Kildare" - USA (titolo originale)
    • 1964 "Rome Will Never Leave You: Part 1"
    • 1964 "Rome Will Never Leave You: Part 2"
    • 1964 "Rome Will Never Leave You: Part 3"
  • Combat! (2 episodi) (1964-1965)
    • Silver Service (1964) .... Charles Gireaux
    • Finest Hour (1965) .... Count De Roy
  • Bonanza (1965)
    • "The Brass Box".... Jose Ortega
  • Selvaggio West ... Don Tomas (episodio) alias "The Wild Wild West" - USA (titolo originale) (1967)
    • The Night of the Assassin
  • Ai confini dell'Arizona .... Padre Guillermo (episodio) alias "The High Chaparral" - USA (titolo originale) (1968)
    • "A Joyful Noise"

Regista[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ talvolta indicato anche come Ramon Navarro
  2. ^ Kenneth Anger, Hollywood Babilonia, 1975. C'è anche chi ha smentito tale notizia: Soares, André (2002). Beyond Paradise: The Life of Ramon Novarro. Macmillan. p. 295. ISBN 978-0-312-28231-8.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61710464 LCCN: n85185282