Balarama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Balarama in un affresco del XVII secolo

Nell'Induismo, Balarāma o Baladeva è una figura non chiaramente definita, maggiormente famosa per essere considerata, dalle tradizioni dell'India del sud, il nono avatar di Vishnu.[1]

Secondo altre tradizioni, egli sarebbe stato invece un avatar della divinità nāga Shesha, o ancora, secondo alcune tradizioni dell'India del nord, il fratello maggiore di Krishna, o ancora, come viene descritto nella mitologia tamil, egli sarebbe stato il fratello maggiore di Vishnu stesso, Valiyon.[2] Sua moglie era chiamata Revati. Sebbene poco noto fu ampiamente rappresentato e assumeva vari aspetti: uomo blu con un loto una ciotola e un'accetta o come uomo assolutamente normale e poteva portare vestiti di colori caldi, dal giallo al rosso

Baladeva con Revati, sua moglie

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo altre tradizioni dell'India del nord invece, il nono avatar di Vishnu sarebbe stato Buddha.
  2. ^ Klostermeier 2001, pag.38

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Klaus K. Klostermeier, Piccola enciclopedia dell'induismo, Edizioni Arkeios, 2001, ISBN 978-88-86495-59-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo