Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Asura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Asura (disambigua).
(SA)

« hiraṇyasto asuraḥ sunītaḥ sumṛḍīkaḥ svavavāṃ yātv arvāṅ apasedhan rakṣaso yātudhānān asthād devaḥ pratidoṣam gṛṇānaḥ »

(IT)

« Asura dalle mani d'oro, dalla corretta guida, colui che è misericordioso, che aiuta, vieni verso di noi. Respingendo i demoni e gli stregoni, emergi dal buio Deva da tutti invocato. »

(Ṛgveda, I, 35)
Il dio Asura in battaglia

Asura (devanāgarī: असुर) è un termine del sanscrito vedico che indica, nel Vedismo, una classe particolare degli Dèi.

Etimologia e corrispondenze[modifica | modifica wikitesto]

La derivazione del termine Asura è dubbia, probabilmente deriva dal termine aśu che indica "respiro", "spirito vitale" oppure dal termine as che indica l' "esistere".

Con il termine Asura vengono indicati nel Ṛgveda (testo vedico risalente tra il XX e il XV secolo a.C.) varie divinità tra cui: Savitar (I, 35, 10), Varuṇa (I, 24, 14), Rudra (II, 1, 6), Indra (I, 174,1), Agni (V, 12, 1) e Soma (IX, 72,1).

Successivamente alcuni di questi Dèi primordiali verranno detronizzati dai Deva (देव); questi ultimi con il tempo acquisiranno connotazioni positive, attribuendo invece caratteri demoniaci agli antichi Asura. Da tenere presente, tuttavia, nei più antichi inni del Ṛgveda i termini Deva e Asura sono intercambiabili.

È nel Śatapatha Brāhmaṇa (IX, 5,1, 12 e sgg., risalente a circa l'VIII secolo a.C.) che in ambito tardo vedico si trova una prima spiegazione della detronizzazione degli Asura a vantaggio dei Deva. Secondo questo testo ambedue le classi degli Dèi furono originati dallo stesso principio, Prajāpati, e dotati sia della parola vera che di quella falsa, ma se i Deva scelsero il "vero", gli Asura gli preferirono il "falso".

Questo sviluppo verso l'opposizione delle due classi di divinità (asura e deva) è comprensibile alla luce di una caratteristica posseduta dai soli asura rispetto ai deva: un particolare potere generato dalla loro misteriosa natura etica (vedi il ruolo di Varuna nel Ṛgveda). Con il tramonto del periodo vedico, la natura misteriosa degli asura si trasformò in "potere malefico" facendo decadere gli asura al rango di demòni[1].

In un'accezione piuttosto tarda il termine Asura viene indicato come "A-sura" ovvero privo di divinità e opposto ad essa (Nirukta, III,2,7).

Il termine Asura possiede nell'avestico Ahura il suo corrispettivo[2]. Ma lo sviluppo nella cultura iranica risulterà opposto: saranno i Daēva ad acquisire le caratteristiche demoniache mentre gli Ahura manterranno i loro connotati solari.

Influssi malefici degli Asura[modifica | modifica wikitesto]

Una connotazione malefica degli Asura si trova negli accenni del filosofo ed esoterista Rudolf Steiner, secondo il quale essi rappresentano un'antica forza demoniaca risalente ad epoche primordiali, distinta da quella più recente di Lucifero, e da quella di Arimane (o Satana).[3] Si tratterebbe di entità in grado di sviluppare il male «con una forza anche più intensa di quella delle potenze sataniche nell'epoca atlantica, o degli spiriti luciferici nell'epoca lemurica». Secondo Steiner, il loro influsso sull'umanità, che finora non si è ancora esplicato, comincerebbe già nella nostra epoca a far sentire i suoi primi effetti, che consistono in un ottenebramento della coscienza dell'Io, inducendo l'uomo a credere di essere soltanto il risultato di eventi fisici o puramente materiali, e soprattutto a vivere come se egli lo fosse:

« L'uomo non saprà nulla e non vorrà saper più nulla di un mondo spirituale. Non si limiterà ad insegnare che le più alte idee morali umane sono soltanto sviluppi superiori degli impulsi animali; non si limiterà ad insegnare che il pensiero umano è soltanto una trasformazione di ciò che anche l'animale possiede; non si limiterà ad insegnare che l'uomo è affine all'animale in ciò che concerne la sua figura e che anche tutta la sua entità discende dall'animale; bensì prenderà questa concezione sul serio e vivrà conforme ad essa: [... ] gli uomini vivranno anche come animali e si sprofonderanno negli istinti e nelle passioni puramente animali. E in molte cose che qui non è il caso di descrivere, in molte delle selvagge orge di vana sensualità che oggi soprattutto nelle grandi città vanno affermandosi, noi già vediamo risplendere i grotteschi inferni di quegli spiriti che designiamo come asurici. »
(Rudolf Steiner, Influssi luciferici, arimanici, asurici, conferenza tenuta il 22 marzo 1909)

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Gli Asura hanno ispirato innumerevoli opere, soprattutto videoludiche:

  • Nell'anime e nel manga Soul Eater Ashura è l'antagonista principale che viene risvegliato dopo essere stato imprigionato molto tempo prima da Shinigami.
  • In Final Fantasy IV Asura è la regina degli Eidolon. Ha l'aspetto di una donna ingioiellata, con quattro braccia e tre volti, ed invocandola può utilizzare una magia curativa casuale a seconda della faccia scelta dal motore di gioco.
  • In Guild Wars gli Asura sono una razza tecnologicamente avanzata che vive sotto terra.
  • In Rappelz gli Asura sono una razza orientata all’oscurità. Sempre in questo MMORPG vi è anche la classe dei Deva razza basata sull’elemento “luce”.
  • In One Piece, Roronoa Zoro è capace di impiegare una tecnica denominata "Ashura", con cui acquisisce tratti tipici della raffigurazione tradizionale di questi ultimi.
  • In Naruto, una delle vie di Pain è detta "Ashura", e si riferisce al mondo dei demoni. Inoltre, Ashura è anche il nome del figlio secondogenito dell'Eremita delle Sei Vie.
  • Nel gioco Asura's Wrath, Asura è un semidio che utilizza la rabbia come mantra, grazie al quale può far apparire sei braccia. Nel gioco Asura combatterà contro sette dei suoi simili dopo che lo hanno tradito - facendolo diventare agli occhi dei mortali l'essere demoniaco della religione induista.
  • L'Asura è anche il 36° rango di Tekken 6.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques Duchesne-Guillemin L'Iran antico e Zoroastro in Storia delle religioni (a cura di Charles Puech) Vol.2. Bari, Laterza, 1977 pag.123.
  2. ^ In iranico, infatti, la s intervocalica passa a h.
  3. ^ «Gli spiriti arimanici, o spiriti mefistofelici, sono quelli che propriamente (se si prendono i nomi con esattezza) vengono chiamati dalla concezione medioevale gli spiriti di Satana, da non confondersi con Lucifero» (R. Steiner, Influssi luciferici, arimanici, asurici, conferenza del 1909).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo