Attica Occidentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attica Occidentale
unità periferica
Περιφερειακή ενότητα Δυτικής Αττικής
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Attica
Amministrazione
Capoluogo Eleusi
Territorio
Coordinate
del capoluogo
38°02′29″N 23°32′43″E / 38.041389°N 23.545278°E38.041389; 23.545278 (Attica Occidentale)Coordinate: 38°02′29″N 23°32′43″E / 38.041389°N 23.545278°E38.041389; 23.545278 (Attica Occidentale)
Superficie 1 004 km²
Abitanti 151 612 (2001)
Densità 151,01 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
ISO 3166-2 GR-A3
Cartografia

Attica Occidentale – Localizzazione

Sito istituzionale

L'unità periferica dell'Attica Occidentale (in greco: Περιφερειακή ενότητα Δυτικής Αττικής) è una delle suddivisioni amministrative di secondo livello della Grecia create in seguito alla riforma amministrativa detta piano Kallikratis[1].

Il suo territorio comprende la parte occidentale dell'area urbana di Atene e la periferia occidentale della città.

Prefettura[modifica | modifica sorgente]

Fino al 2011 Attica Occidentale era il nome di una delle prefetture greche. I precedenti comuni, in seguito alla riforma, sono stati riorganizzati nella maniera sottoesposta.

Nuovo comune Comune precedente Sede
Aspropyrgos Aspropyrgos Aspropyrgos
Elefsina Elefsina Elefsina
Magoula
Fyli Fyli Ano Liosia
Ano Liosia
Zefyri
Mandra-Eidyllia Mandra Mandra
Erythres
Oinoi
Vilia
Megara Megara Megara
Nea Peramos

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Dal 1997, con l'attuazione della riforma Kapodistrias[2], la prefettura dell'Attica Occidentale è suddivisa in 10 comuni e 2 comunità.

comune codice YPES capoluogo (se diverso) codice postale prefisso tel.
Ano Liosia 1101
Aspropyrgos 1102
Eleusi 1104
Erythres 1105
Fyli 1112
Mandra 1108
Megara 1109
Nea Peramos 1110
Vilia 1103
Zefyri 1106
comunità codice YPES capoluogo (se diverso) codice postale prefisso tel.
Magoula 1107
Oinoi 1111

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 1 marzo 2011.
  2. ^ riforma Kapodistrias. URL consultato il 19 aprile 2011.