Alfonso d'Aviz (1509-1540)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso del Portogallo
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardeal Infante D. Afonso -.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 23 aprile 1509 a Évora
Creato cardinale 1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto 21 aprile 1540 a Lisbona
Regno del Portogallo Casa d'Aviz
Ordem Avis.svg

Giovanni I
Edoardo I
Figli
Alfonso V
Figli
Giovanni II
Figli
Manuele I
Giovanni III
Figli
Sebastiano I
Enrico I

Alfonso d'Aviz (Évora, 23 aprile 1509Lisbona, 21 aprile 1540) è stato un cardinale portoghese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Manuele I del Portogallo e della seconda moglie Maria di Trastamara, infanta di Spagna.

Educato presso la corte portoghese, studiò lettere, greco e latino sotto la guida di Aires Barbosa de Figueiredo e André de Resende.

Suo padre voleva farlo nominare cardinale già all'età di tre anni ma papa Giulio II non lo permise in quanto il diritto canonico prevedeva in teoria un'età minima di trenta anni. Il papa però lo nominò nel frattempo protonotaro apostolico nel regno di Portogallo.

Manuele riuscì poi a far diventare il figlio a soli nove anni il 9 settembre 1516 vescovo di Guarda, ricevendo un'apposita dispensa.

Dopo aver inviato una grande ambasciata guidata da Tristão da Cunha nel 1514, Manuele I tornò a chiedere al papa Leone X di nominare cardinale suo figlio.

Alfonso fu creato cardinale diacono di Santa Lucia in septisolio nel quinto concistoro del suo pontificato, il 1º luglio 1517. Fu uno dei più grandi in quanto vennero creati 31 cardinali.[non chiaro]

Il titolo venne concesso solo dopo il compimento dei diciotto anni, tuttavia Alfonso venne riverito e trattato come se già possedesse a tutti gli effetti tale titolo.

Nel frattempo che divenisse maggiorenne, venne creato anche abate di Alcobaça e abate commendatario del monastero di Santa Cruz de Coimbra e del Convento di San Juan de Tarouca.

Il 23 febbraio 1519 venne nominato vescovo di Viseu, di nuovo con dispensa papale per non aver l'età canonica. Il 20 febbraio 1523, a quattordici anni dopo la morte di Monsignor Martinho da Costa, venne promosso Arcivescovo di Lisbona da papa Adriano VI; grazie alle preghiere di Giovanni III del Portogallo, fratello di Alfonso, gli fu offerto il governo del vescovado di Évora. Ancora una volta, gli venne concessa una speciale dispensa.

Il 6 luglio 1525, a sedici anni, ottenne a Almeirim il cappello cardinalizio e dieci anni dopo, il 6 luglio 1535, il Palio[non chiaro], diventando arcivescovo consacrato di Lisbona.[non chiaro]

Un mese dopo, il 13 agosto 1535, cambiò il titolo di Cardinale di Santa Lucia in septisolio a San Juan e San Pablo[non chiaro].

Il 25 agosto 1536 tenne un sinodo dell'arcidiocesi di Lisbona, prendendo due importanti decisioni: istituire un libro dei battesimi nell'Arcidiocesi (come in seguito sarebbe stato adottato dal Concilio di Trento) e sostituire il rito della Chiesa di Salisbury con il rito romano in risposta all'Atto di Supremazia, con cui Enrico VIII creò la Chiesa d'Inghilterra, liberata dalla obbedienza al Papa.

Morì a Lisbona due giorni prima di compiere trentun'anni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Guarda Successore BishopCoA PioM.svg
Pedro Vaz Gavião 9 settembre 1516 - 23 febbraio 1519 Jorge de Melo, O.Cist
Predecessore Vescovo di Viseu Successore BishopCoA PioM.svg
Diego de Ortiz de Vilhegas 23 febbraio 1519 - 20 febbraio 1523 João de Chaves, O.F.M
Predecessore Vescovo di Évora Successore BishopCoA PioM.svg
Alfonso del Portogallo 20 febbraio 1523 - 16 aprile 1540 Enrico del Portogallo
Predecessore Arcivescovo di Lisbona Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Martinho da Costa 20 febbraio 1523 - 21 aprile 1540 Fernando de Menezes Coutinho e Vasconcelos
Predecessore Cardinale diacono di Santa Lucia in Septisolio Successore CardinalCoA PioM.svg
René de Prie 6 luglio 1525 - 13 agosto 1535 Vacante dal 1535 al 1557
Giovanni Battista Consiglieri
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Giovanni e Paolo Successore CardinalCoA PioM.svg
Esteban Gabriel Merino 13 agosto 1535 - 21 aprile 1540 Pedro Fernández Manrique