Isabella di Braganza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Braganza
Braganza
Duchy of Braganza (1640-1910).png

Alfonso I
Figli
Ferdinando I
Figli
Ferdinando II
Figli
Giacomo I
Teodosio I
Figli
Giovanni I
Figli
  • Maria
  • Serafina
  • Teodosio
  • Edoardo
  • Alessandro
Teodosio II
Figli
Modifica

Isabella di Braganza e Pereira o Isabella di Barcelos (in portoghese: Isabel de Bragança; 1402 circa – 1465) fu signora di Reguengos, Colares e Belas, contessa consorte di Aveiro e moglie del conestabile del Portogallo, Giovanni.

Era figlia del futuro duca di Braganza, Alfonso[1] e di Beatriz Pereira de Alvim.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera personale del marito, Giovanni conestabile del Portogallo col suo motto: «J'ai bien raison»

Isabella di Braganza sposò, nel 1424, suo zio, il principe Giovanni, figlio del re del Portogallo João I o Giovanni I d'Aviz (figlio del re del Portogallo Pietro I il Giustiziere e della sua amante, Teresa Lourenço, figlia di un mercante di Lisbona, Lourenço Martins, sembra di origine galiziana) e sua moglie, Filippa di Lancaster, figlia Giovanni di Gand, duca di Lancaster (figlio di Edoardo III d'Inghilterra e zio del re d'Inghilterra, Riccardo II) e di Bianca di Lancaster (1345-1369) figlia di Enrico di Grosmont, primo duca di Lancaster.

Nel 1431, alla morte di suo nonno, Nuno Álvares Pereira, il marito, il principe Giovanni, gli succedette nella carica di conestabile del regno del Portogallo.

Nel 1442, Isabella rimase vedova e il figlio Diego succedette al marito Giovanni, nel titolo di conestabile del Portogallo.

Isabella morì nel 1465.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Isabella a Giovanni diede quattro figli:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfonso I di Braganza era figlio naturale del re del Portogallo João I o Giovanni I d'Aviz e della sua amante, Inés Pires
  2. ^ Beatriz Pereira de Alvim era l'unica figlia di Nuno Álvares Pereira, conestabile del regno e conte di Arraiolos, Barcelos e Ourém, e di sua moglie Leonor de Alvim.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in Cambridge University Press - Storia del mondo medievale, vol. VII, pp. 576–610, Garzanti, 1999