Alessandro D'Ancona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Alessandro D'Ancona
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Alessandro D'Ancona
Luogo nascita Pisa
Data nascita 20 febbraio 1835
Luogo morte Firenze
Data morte 8 novembre 1914
Titolo di studio Frequentò i corsi ma non si laureò
Professione Docente universitario
Legislatura XXI

Alessandro D'Ancona (Pisa, 20 febbraio 1835Firenze, 8 novembre 1914) è stato uno scrittore, critico letterario, politico e uno studioso delle tradizioni popolari italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da ricca famiglia di religione ebraica, compì i suoi studi a Firenze; all'età di diciotto anni pubblicò il suo primo saggio sulla vita e le opere di Tommaso Campanella.

Nel 1855 andò a Torino, nominalmente per studiare giurisprudenza, ma in realtà per agire da intermediario tra i liberali toscani e Cavour; era intimo amico di Luigi Carlo Farini e rappresentò la Toscana nella Società Nazionale. Alla caduta dei Lorena, il 27 aprile 1859, con il plebiscito che sancì l'annessione della Toscana al Piemonte, tornò a Firenze, dove fu direttore dell'appena fondato quotidiano La Nazione, portavoce del Ricasoli, fino al 1860.

Da quell'anno fu infatti docente di letteratura italiana all'Università di Pisa, fino al 1900.[1]

Diede avvio con Adolfo Bartoli, docente a Firenze, all'applicazione del Metodo storico nelle ricerche letterarie italiane.[2]

Appassionato e profondo cultore delle tradizioni popolari, il D'Ancona seppe portare in questi studi la sua esperienza di filologo e la sua competenza di letterato. Egli fu il primo studioso a riconoscere le origini del canto popolare italiano in Sicilia, ed il suo successivo affermarsi in Toscana.

A D'Ancona, inoltre, si deve la riscoperta, con un importante quanto ormai superato saggio pubblicato su "Nuova Antologia" nel gennaio 1874, di Cecco Angiolieri.

Nel 1891 divenne socio nazionale dell'Accademia dei Lincei,[2] e due anni dopo fondò la Rassegna bibliografica della letteratura italiana.[3]

Nel 1904 fu nominato senatore del Regno.[2]

Fu infine sindaco di Pisa nel periodo 1906 - 1907[4].

Fra i suoi allievi si ricordano Giuseppe Mazzatinti, Francesco Novati, Pio Rajna, Francesco D'Ovidio e Giovanni Gentile.

Giovanni Gentile, allievo del D'Ancona

Giovanni Gentile commemora D'Ancona[modifica | modifica sorgente]

Il nome di D'Ancona ritornò alla ribalta durante la seconda guerra mondiale quando il filosofo Giovanni Gentile all'Università di Pisa, commemorando un collega, rese omaggio al comune maestro che era ebreo:

« Noi che avemmo la fortuna di essere stati alla scuola del D’Ancona, lo ricordiamo maestro di scienza e di vita, quello che più di tutti ci fece sentire ed amare nella perennità della storia e del calore della fede vivente la Patria immortale; e abbandonarlo oggi all’oblio ci parrebbe empietà vile, poiché anche nella furia della lotta più aspra si può e si deve serbare la misura e osservare la giustizia. »
(Giovanni Gentile, nell'orazione pubblica tenuta nell'università di Pisa)

La coraggiosa presa di posizione di Gentile non mancò in regime di discriminazione razziale di sollevare interesse e curiosità e Gaetano de Sanctis scrisse "Di fronte alla campagna antisemita egli, con coraggio non frequente a quei tempi, celebrò pubblicamente il suo maestro nell'ateneo pisano, Alessandro D'Ancona; privatamente, continuò ad adoperarsi, come sempre, a impedire o attenuare persecuzioni e condanne"[5].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia

Scritti[modifica | modifica sorgente]

Tra le sue opere si ricordano:

  • Opere di Tommaso Campanella, 2 voll., Torino 1854
  • Sacre rappresentazioni dei secoli XIV, XV, e XVI, 3 voll. Firenze 1872
  • Origini del teatro in Italia, 2 voll., Firenze 1877
  • La poesia popolare italiana, Livorno, 1878 (opera per la quale ebbe a tenere una corrispondenza con Francis James Child)

Oltre a questo, Alessandro D'Ancona scrisse diversi volumi di studi critici di letteratura, poesia, teatro, saggi sul Settecento e il Risorgimento, edizioni delle opere di Dante e altri autori italiani:

  • Memorie e documenti di storia italiana dei secoli XVIII e XIX, ed. Sansoni 1913
  • La poesia popolare italiana, ed. Giusti 1906
  • Manuale della letteratura italiana (con Orazio Bacci), 6 voll., ed. Barbera 1895
  • Studi di critica e storia letteraria, 2ª edizione, Zanichelli, Bologna 1912 (1ª ed. 1880)

D'Ancona è da ricordare anche come uno dei più importanti casanovisti di prima generazione. Pur mantenendo un atteggiamento assai critico, dal punto di vista morale, sul carattere e il comportamento dell'avventuriero veneziano, approfondì notevolmente e con grande serietà lo studio della sua biografia. Le due opere più note a questo riguardo sono:

  • Viaggiatori e avventurieri, ed. Sansoni (1912)
  • Casanoviana, ed. Crescenzi Allendorf (1912)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gabriella Macciocca, “D'Ancona, Alessandro”, in AA.VV., Letteratura italiana. Gli autori, vol. I, Torino, Einaudi, 1991, p. 645.
  2. ^ a b c Idem.
  3. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol. IV, pag.63
  4. ^ Umberto Renda - Piero Operti, Dizionario storico della letteratura italiana, Torino, G.B. Paravia, 1952, p. 339.
  5. ^ Citazione tratta da Gli argini di carta articolo di Paolo Simoncelli, nel sito "L'Arena.it", 19 aprile 2013./

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa Successore SNS.jpg
Enrico Betti 1892 - 1900 Ulisse Dini

Controllo di autorità VIAF: 49316306 LCCN: n/82/52353